5 città estere dove studiare

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Che l'Università sia un percorso di studi importante e ormai fondamentale in un'epoca in cui trovare lavoro è sempre più complicato, questo è un dato assodato. Ma seguire un corso universitario ha una valenza che va anche oltre quella culturale, ma che interessa la formazione della persona e della personalità. Conoscere gente nuova, adottare un metodo di studio, riuscire ad organizzarsi per sostenere tutti gli esami nei tempi stabiliti sono nozioni che formeranno un giovane anche nel suo futuro e non soltanto a livello culturale. Ancor più affascinante è seguire un progetto di studio all'estero, come ad esempio quello dell'Erasmus, che mette in contatto milioni di ragazzi da ogni parte d'Europa. Ma quali sono le destinazioni migliori per un percorso universitario all'estero? Ecco 5 città estere dove studiare.

26

Madrid - Spagna

La prima città estera dove studiare e dove migliaia di ragazzi hanno deciso di seguire il progetto Erasmus è Madrid: la capitale spagnola, oltre ad essere molto vicina e ben collegata all'Italia con tantissimi voli giornalieri proposti dalle compagnie low cost, conta tre università tra le migliori di tutta la Spagna: la Complutense, la Autonoma e la Carlos III, che si trova a Getafe, a circa 30 chilometri da Madrid. Strutture all'avanguardia dove studiare sarà quasi un piacere.

36

Berlino - Germania

Tra le città in cui studiare all'estero non si può non citare anche Berlino: la capitale tedesca oltre ad offrire praticamente tutti i corsi di studi, è una città davvero poliedrica dove potrà essere semplice anche trovare opportunità di lavoro e stringere contatti da utilizzare nel futuro.

Continua la lettura
46

Siviglia - Spagna

L'Università di Siviglia è una delle strutture più famose di tutta la Spagna, tant'è che la città andalusa è conosciuta proprio come "città universitaria" per eccellenza. Piccola e vivibile, Siviglia resta nel cuore di ogni studente che la sceglie per il progetto Erasmus o per un percorso di studi. È anche abbastanza economica e quindi perfetta per trascorrere 6-8 mesi tra studio e divertimento.

56

Parigi - Francia

Nella classifica delle città dove studiare non può certo mancare Parigi: la capitale francese è una vera e propria culla della cultura e dell'arte in generale e la sua principale università, la Sorbona, richiama ancora moltissimi studenti da ogni parte d'Europa e del mondo.

66

Bergen - Norvegia

Un'ottima cittadina dove studiare all'estero è Bergen, in Norvegia, che negli ultimi dieci anni ha stretto rapporti con molte università italiane proprio per diventare sede del progetto Erasmus. Gli unici inconvenienti potrebbero essere il freddo e la lingua, ma la maggior parte dei corsi viene erogata in lingua inglese: la formazione è piuttosto rigorosa ma fornisce ottime basi per il proseguimento degli studi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

5 motivi per andare in Erasmus in Russia

L'erasmus è un'esperienza che prima o poi viene sempre presa in considerazione durante la propria carriera universitaria. Spesso però, ci si lascia demoralizzare e demotivare da alcune difficoltà che però non sono insormontabili e anzi, aiutano tantissimo...
Europa

5 motivi per fare un Erasmus a Lisbona

Lisbona, capitale del Portogallo, è una città dotata di splendidi edifici, scorci mozzafiato, un clima fantastico e gente meravigliosa. Insomma un luogo tutto da esplorare e conoscere ed il programma Erasmus rappresenta una magnifica opportunitá per...
Europa

10 motivi per andare in Erasmus in Norvegia

La Norvegia (Regno di Norvegia), come tutti sappiamo, è un Paese Europeo a bassa densità di popolazione, che si trova nella regione Scandinava (Europa Settentrionale). In questi ultimi anni, i Paesi del Nord hanno suscitato nei media (non solo europei)...
Consigli di Viaggio

Come ospitare uno studente Erasmus

Grazie ad un progetto della Comunità Europea, dedicato agli studenti universitari, nel 1987, nacque il progetto Erasmus. Esso da la possibilità di frequentare un periodo di studi, dai 3 mesi fino ad un anno, all'interno di un'università straniera....
Europa

10 motivi per andare in Erasmus in Portogallo

L'Erasmus è certamente tra le opportunità più interessanti che l'università possa offrire ad uno studente. Chi aderisce al programma, infatti, ha l'occasione di mettere alla prova non solo le proprie conoscenze accademiche, ma anche la sua capacità...
Europa

Come organizzare un itinerario lungo la costa Adriatica

Per capire come organizzare un itinerario lungo la Costa Adriatica la prima cosa da fare è scegliere il paese, o i paesi, che si vogliono visitare. Il Mar Adriatico, incastonato tra la Penisola Italiana (a Est) e la Penisola Balcanica (a Ovest), bagna...
Asia

Come aprire una società in Turchia

Aprire una società all'estero non è mai un'impresa facilissima ed immediata, se poi vogliamo rivolgerci a quei paesi fino a poco tempo fa a rischio, la cosa si complica ancora di più. La Turchia, per la sua posizione strategica di ponte tra oriente...
Italia

I 10 ristoranti più buoni di Roma

Almeno una volta nella vita, si deve andare a Roma. Ci sono innumerevoli motivi per trascorrere meravigliose giornate tra un tuffo nella storia e la quotidianità dello shopping. Passeggiando tra i quartieri più famosi della capitale arriva inesorabilmente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.