5 mete di viaggi di nozze a gennaio

di Jane Dark tramite: O2O

Se sei una persona anticonvenzionale, sposarti in inverno fa decisamente al caso tuo. Inoltre, passato il grande picchio delle vacanze natalizie, il mercato dai viaggi presenta delle offerte decisamente appetitose. Sfatiamo intanto un mito: non è vero che si possa organizzare un bel viaggio di nozze solo nella stagione calda. Se da noi Gennaio vuol dire pieno inverno, nei paesi tropicali dell'emisfero sud infatti le cose sono ben diverse. Per una vacanza invernale in luoghi davvero suggestivi, basterà prendere l'aereo e partire per l'emisfero australe. SI ad Australia e Nuova Zelanda! Tra le mete alternative, la Repubblica Dominicana e Cayo Largo, Cuba. E per chi volesse invece a tutti i costi rimanere in Europa, viva l'Andalusia. 5 destinazioni eccezionali pensate espressamente per i Promessi Sposi!

1 Isole Cook Aitutaki, Nuova Zelanda La terra in cui è stato girato "Il Signore degli anelli" non ha alcun bisogno di presentazioni. Se durante la proiezione del film la domanda che ti ha tormentato per tutto il tempo è stata: "Chissà com'è dal vivo?" (e non ti stavi riferendo ad Orlando Bloom), il tuo viaggio di nozze sarà l'occasione giusta per scoprirlo. Il periodo migliore va da dicembre a febbraio: godrai di un clima temperato e marittimo. Allontanarsi di gran carriera dal freddo cittadino, approdando in un paradiso terrestre, ha un'unica nota dolente: il costo. Uscire dal nostro continente implica infatti una spesa più considerevole. La Nuova Zelanda, in māori Aotearoa, ossia "Terra dalla lunga nuvola bianca", è costituita da due grandi isole, separate dallo Stretto di Cook e chiamate (con grande fantasia) Isola del Nord e Isola del Sud. Comprende anche altre isole minori, in gran parte disabitate, tra cui quelle famose isole sub-antartiche inserite nel Patrimonio dell'umanità dell'UNESCO e meta di costose crociere. In Nuova Zelanda potrai osservare da vicino magnifici paesaggi surreali, o addentrarti in uno dei tantissimi parchi forestali votati, insieme alle riserve marine, alla protezione delle specie. Tipico qui è il kiwi, un particolare uccello notturno privo di ali. Se pratichi la vela, il canottaggio o il surf, ti troverai decisamente nel tuo habitat naturale: potrai infatti fare surfing sulle onde dell’Oceano Pacifico o navigare in tutti i laghi e in tutti i mari. Come punto di approdo imperdibile ti suggerisco le Isole Cook, più precisamente l'atollo corallino Aitutaki, bello da togliere il fiato, con tartarughe e conchiglie gigantesche.

2 Great Ocean Road, Australia Il viaggio di nozze in Australia è senz'altro uno dei più ambiti, e il perché è presto detto: questo luogo magico offre scorci di natura selvaggia, con deserti rossi, spiagge bianche, acque cristalline, spazi aperti e cieli infiniti. Si può scegliere se affittare una casa o alloggiare in una spartana azienda agricola dell'interno, in modo da immergersi più a fondo nella selvaggia bellezza naturale australiana (ricordi Lady Georgie?). Circondata dall'Oceano Indiano e dal Pacifico, l’Australia comprende il Mainland, la Tasmania e altre isole minori, le cosiddette "Terre remote". Se vuoi godertela fino in fondo, gennaio è tra i mesi più consigliati per percorrere la Great Ocean Road e visitare le Blue Mountains. Un viaggio da Melbourne ad Adelaide lungo la costa, noleggiando un'auto, si rivelerà infatti bellissimo e avventuroso: potrai sfrecciare in macchina sulla Great Ocean Road, vedendo scorrere di fianco a te frastagliate scogliere, colonie di otarie, Bells Beach (famosa per il surf), i maestosi Dodici Apostoli, il faro di Cape Otway, il Parco nazionale delle grotte di Naracoorte... Caldamente consigliate, un'escursione in elicottero al tramonto, sopra la distesa di terra rossa, sorvolando Uluru e Kata Tjuṯa, e una divertente passeggiata sul cammello (proteggendosi dal cocente sole australiano con cappello, maglietta e crema solare dall'alto fattore di protezione). Ah, e una sosta obbligata al monolite di Uluru, sacro per gli aborigeni. Imparare a lanciare il boomerang prima di tornare a casa rappresenta un must!

Continua la lettura

3 Cayo Largo, Cuba Se però non ti senti di spararti almeno una trentina di ore di volo per raggiungere il continente oceanico, ti suggerisco Cayo Largo del Sur, nota semplicemente anche come Cayo Largo, piccola isola calcarea del Mar dei Caraibi, posta tra Cuba e la Giamaica e tutta circondata da una barriera corallina.  Sabbia fine, chiara e fredda e una natura incontaminata! Pellicani, pappagalli, iguane, tartarughe marine e aironi l'hanno eletta loro regno.  Approfondimento I migliori posti da vedere in Australia (clicca qui) A inizio gennaio, il tempo è semplicemente favoloso, l'acqua del mare è calda...  Insomma, la mia sfera magica conferma: qui le prospettive di vacanza in questo periodo sono davvero spettacolari.  Tra le principali attrazioni, Playa Sirena e Playa Paraiso, bellissime e attrezzate per il turismo.  Ah, l'aeroporto locale è servito da voli argentini, italiani e canadesi.

4 Repubblica Dominicana Il periodo è senza dubbio ottimale per i Caraibi. Famosa per il calore e l'ospitalità del suo esuberante popolo e per la sua musica sensuale, a sole due ore da Miami e a quattro da New York (dando la possibilità di combinare tali destinazioni) la Repubblica Dominicana è caratterizzata da una ricca cultura e da paesaggi splendidi, perciò romantiche cascate e coste mozzafiato faranno da cornice alla tua storia d’amore. Vanta alcune tra le spiagge più belle al mondo, come quella di Bayahibeè, dolcemente lambita dal mare trasparente. Da qui si può raggiungere Catalina, nota per la sua barriera corallina, lo snorkeling, le immersioni. La spiaggia di Punta Cana, la più amata dai turisti, mescola residence, alberghi economici e favolosi resort, alle attività sportive e ricreative più disparate. A partire dal 24 gennaio potrai assistere, nelle strade di La Vega, al coloratissimo Carnevale dominicano, che vede la partecipazione di centinaia di comparse mascherate, rappresentando in modo folkloristico e grottesco personaggi allegorici popolari quali il Diablo Cojuelo.

5 Andalusia e Marocco Non allontanarsi troppo dall'Europa significa visitare mete fantastiche senza dover disporre di cifre astronomiche. Basterà scegliere un paese e organizzare un itinerario preciso in una delle sue regioni storiche, tenendo sempre presente il fattore climatico. Soffermati sulle città moresche di Granada, Córdoba, Siviglia e Málaga, che offrono straordinarie opere architettoniche, eredità delle dominazioni passate (unico inconveniente: la pioggia). Se ti attira il fascino dell'Andalusia, calda e passionale, patria del flamenco, potrai poi proseguire per Tangeri, in Marocco, addentrandoti nell'entroterra e facendo tappa a Marrakech e Fès, oppure seguendo la costa marocchina, con Rabat, Casablanca, Agadir.

Guida alle migliori spiagge di Cuba Cuba è un'arcipelago che si trova tra il mar dei ... continua » Come visitare Cayo Largo Cayo largo è una splendida località di mare che si trova ... continua » Una settimana a Cuba: i migliori itinerari Tra tutte le isole del Mar dei Caraibi Cuba è forse ... continua » Le 10 spiagge più belle dei Caraibi Durante tutto l'anno, soprattutto nei periodi di forte stress a ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Le 7 più belle spiagge di Cuba

Paradiso indiscusso dei Caraibi, Cuba offre una miriade di spiagge che possono essere considerate dei veri e propri paradisi marittimi, dove rilassarsi, prendere il sole ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.