5 motivi per andare a Seul

di Cetty La Fata tramite: O2O

La città di Seul, meta ancora poco nota dagli Occidentali, si caratterizza per il perfetto mix di modernità e storia. Si tratta di una città ricca di storia, tradizioni e cultura in cui è possibile entrare in contatto con i suoi bellissimi palazzi reali e i suoi suggestivi templi. Qui di seguito sono elencati almeno 5 motivi per andare a visitare la moderna e popolosa capitale della Corea del Sud.

1 Assaggiare ottime pietanze speziate Un primo valido motivo per recarsi a Seul è sicuramente la sua ottima cucina speziata e ipocalorica. Tra i piatti che vanno menzionati c'è di certo il Kimci, popolare e tradizionale pietanza coreana fatta con cavolo cinese e molte spezie. Tra le bevande del posto la più consumata è il Soju, bevanda alcolica fatta con cereali e patate dolci. La particolarità di tale liquore risiede nel suo consumo dato che non è possibile versarsi da soli il Soju e il bicchiere va tenuto con tutte e due le mani se viene versato da una persona rispettata.

2 Fare escursioni nel parco nazionale Bukhansan Seul è principalmente dominata da bellissimi paesaggi montani dove poter fare escursioni e trekking montano. Vicino Seul si possono visitare i bellissimi sentieri dei monti del Bukhansan, che offrono luoghi incontaminati ricchi di ruscelli, numerose specie di fauna e flora ed oltre 100 templi buddisti. La montagna si può raggiungere da diversi sentieri ed è possibile fare arrampicate nelle vette più alte o semplici e distensive passeggiate.

Continua la lettura

3 Ammirare il Palazzo di Gyeongbokgung Il Palazzo di Gyeongbokgung, letteralmente "Palazzo della felicità scintillante", è il più famoso edificio reale della città costruito nel 1394.  La struttura è composta da diversi edifici che sono stati ricostruiti in seguito all'invasione giapponese e contiene il Museo della Cultura Coreana, la statua di Sejong il Grande e numerosi giardini coreani.

4 Visita al Tempio di Jongmyo Il tempio cunfuciano Jongmyo, entrato nel patrimonio UNESCO nel 1995 è uno dei luoghi sacri più antichi di Seul. In questo suggestivo tempio si trovano sepolti i re e le regine della dinastia Joseon, ed una volta l'anno si tiene la cerimonia del Rituale Reale del tempio proseguendo così una tradizione secolare.

5 Visitare il quartiere Gangnam Il quartiere Gangnam o a sud del fiume, sito vicino al fiume Han, ha subito un mutamento in seguito alle Olimpiadi dell'88. Questa zona divenuta famosa grazie al tormentone musicale del cantante coreano Psy, è la sede di molti negozi eleganti, hotel di lusso e strutture ultramoderne. Tra le moderne strutture va di certo visitato il grande parco di Lotte Word, il Parco olimpico ed il contemporaneo parco digitale Samsung D'Light.

Come visitare il Vietnam Questa guida vuole essere un valido aiuto per chi cerca utili ... continua » Cosa visitare a Seoul Seoul è la capitale nonché principale centro economico della Corea del ... continua » Le 10 attrazioni da non perdere in Corea del Sud La Corea del Sud è ultimamente diventata una delle mete di ... continua » Vientiane: cosa visitare Viaggiare è uno dei modi migliori per accrescere la propria cultura ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I 5 templi più belli di Chiang Mai

La Thailandia è uno dei luoghi più affascinanti del mondo, ricco di attrazioni, paesaggi naturalistici incontaminati, templi maestosi, un'arte culinaria e un artigianato locale ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.