5 piatti da assaggiare a Torino

di Korra Zuko tramite: O2O

Torino è la bellissima città piemontese, amata da diverse generazioni di persone. Ricca di storia, questa pittoresca città è meta di turisti che arrivano tutto l'anno da ogni parte d'Italia ed anche dall'estero, per ammirare i suoi antichi palazzi, i musei, il parco del Valentino, la basilica di Superga, il Monte dei Cappuccini, Cavoretto con la sua terrazza panoramica, ed i pittoreschi mercatini delle pulci. A Torino è possibile assaggiare numerosi piatti tipici, ed in questa interessante guida ve ne descrivo 5, in modo da farvi avvicinare alla cucina piemontese con le sue specialità, una più buona dell'altra. Sono sicura che dopo avere letto queste informazioni sarete ansiosi di andare subito a Torino ad assaggiare questi gioielli dell'arte culinaria piemontese.

1 Bagna cauda La bagna cauda è una salsa tipica piemontese a base di olio, aglio ed acciughe. Il suo gusto è intenso e molto piacevole, e difficilmente si dimentica. La bagna cauda viene servita come accompagnamento ad un piatto di verdure crude, che vengono intinte golosamente nella salsa calda.

2 Agnolotti Gli agnolotti sono un altro piatto tipico torinese. Essi consistono in morbidi cuscinetti di pasta che vengono riempiti di formaggio, verdure o carne. Vengono conditi con del ragù oppure semplicemente con burro fuso e salvia. Di questo piatto esiste una versione chiamata Plin che si differenzia per la misura degli agnolotti, che in questo caso sono molto più piccoli.

Continua la lettura

3 Fritto misto Il fritto misto torinese è una vera golosità: esso è composto da alcuni pezzi di carne e frattaglie cotte insieme a biscotti dolci chiamati Pavesini, amaretti e polpette di semolino.  Questi cibi vengono impanati e fritti nell'olio bollente e serviti tutti insieme.  Approfondimento Come organizzare un week end a Torino (clicca qui) Di questo piatto esistono alcune varianti che prevedono biscotti ripieni di marmellata, ed alcuni pezzetti di verdura, sempre fritti.

4 Bicerin Impossibile visitare Torino senza assaggiare un delizioso bicerin: si tratta di una specie di cappuccino servito in un piccolo bicchiere di vetro: esso è composto da cioccolata fusa, caffè e panna (o latte) Il tutto servito rigorosamente bollente, come vuole la tradizione torinese.

5 Fonduta La fonduta è originaria della Valle D'Aosta ma è poi stata riconosciuta ed "adottata" dal capoluogo piemontese, diventando uno dei piatti più richiesti dai ristoranti torinesi. La fonduta viene preparata mettendo a fondere dadini di formaggio Fontina in un pentolino di latte bollente, fino ad ottenere una specie di crema molto gradita dai cittadini. La fonduta può essere gustata con polenta o con crostini di pane abbrustolito.

Torino: la vita notturna Torino è una città con una vita notturna poliedrica adatta per ... continua » Torino: la vita notturna Torino è una città con una vita notturna poliedrica adatta per ... continua » Come visitare Torino In Un Weekend Torino è una vera e propria città "magica" per eccellenza per ... continua » Guida al Museo Civico di arte antica di Torino La storia della cultura italiana è senza dubbio da annoverare tra ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come girare l'Italia in auto

L'Italia è da sempre una gettonatissima rotta per turisti stranieri e non: i nostri incantevoli paesaggi e antichi borghi richiamano turisti da tutto il ... continua »

Come girare l'Italia in auto

L'Italia è da sempre una gettonatissima rotta per turisti stranieri e non: i nostri incantevoli paesaggi e antichi borghi richiamano turisti da tutto il ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.