Agropoli: cosa visitare

di Marco Rossomanno tramite: O2O difficoltà: facile

L'Italia è una nazione bellissima, in cui ogni singolo paese è ricco di storia, cultura e tradizioni. Nel Sud Italia è presente una zona denominata Cilento, la quale presenta una storia che parte dall'Impero Romano, dato che era una meta molto ambita dai nobili del tempo. La porta del Cilento è Agropoli, città antica che oggi vive di un turismo molto sviluppato. Agropoli si trova in provincia di Salerno e conta circa 21mila abitanti. Questa guida si propone appunto di darvi delle informazioni riguardo la città di Agropoli: cosa visitare.

1 Baia di Trentova La Baia di Trentova è uno dei luoghi più belli della Costiera Cilentana, di grande apprezzamento da parte degli amanti del mare e della natura. Acque cristalline ed il verde del paesaggio circostante, rendono questo luogo davvero incantevole. La Baia prende il nome dallo scoglio di Trentova, uno scoglio dalla forma insolita che, visto dall’ alto, sembra essere collegato alla spiaggia da un sottile lembo di terra. Dunque se siete degli amanti del mare, non potete far altro che visitare questo luogo incantevole.

2 Chiesa della Madonna di Costantinopoli La Chiesa della Madonna di Costantinopoli è stata eretta nel XVI secolo ed è stata dedicata a Santa Maria di Costantinopoli, protettrice dei naviganti. Risale all’epoca di Costantino il Grande e presenta un presbiterio in marmo con balaustra e cancello in ottone ed una statua a telaio. È un piccolo gioiello e quindi andrebbe visitata per poterne apprezzare l'architettura e la finezza degli affreschi presenti all'interno.

Continua la lettura

3 Il centro storico Il centro storico di Agropoli è di grande richiamo turistico.  Il centro storico conserva intatto gran parte del centro antico e anche parte delle mura difensive del borgo, accessibili varcando un grande portone risalente al Seicento.  Approfondimento Cosa vedere nel Cilento (clicca qui) Caratteristico tutto il percorso per giungere a quella che può essere definita la perla del piccolo centro storico: Il Castello Aragonese di Agropoli.  Si tratta di una particolare fortezza medievale nata allo scopo di proteggere la cittadina; il castello si erge in una posizione strategica dalla quale era possibile controllare un po’ tutto il territorio.  Oggi, ai visitatori, offre uno spettacolare panorama sul golfo della cittadina.  Le prime testimonianze sulle origini di questo Castello risalgono al periodo greco-bizantino e sappiamo che ospitò Normanni, Angioini e successivamente gli Aragonesi, ovvero coloro che diedero l’impronta definitiva alla fortezza.  Non vi resta dunque che mettervi delle scarpe comode e fare delle lunghe passeggiate alla scoperta di questi luoghi favolosi.

Come visitare Il Cilento Il Cilento è una zona della nostra variegata Italia, esattamente della ... continua » Come e perchè visitare Acciaroli Acciaroli è una piccola frazione del comune di Pollica, lungo la ... continua » Cilento: itinerari La regione Campania ha tanti luoghi che meritano di essere visitati ... continua » Le 10 spiagge più belle del Cilento In questo articolo vi presenteremo oggi le 10 spiagge più belle ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

10 cose da fare a Praga

L'Europa è uno dei continenti più visitati al mondo dai turisti per via della bellezza dei posti e delle città presenti. Una delle capitali ... continua »

Come e perchè visitare Scilla

Una splendida cittadina tirrenica, Scilla fiore all'occhiello dell'intera Costa Viola, uno dei paesi più incantevoli della Calabria, per la sua strategica posizione geografica ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.