Alla scoperta dell'Andalusia: Granada

di Maurizio Bianchi tramite: O2O difficoltà: facile

Granada è il capoluogo della Provincia dell’Andalusia, situata nel sud della Spagna alle pendici della Sierra Nevada, ed è una delle città più visitate di tutto il paese. Il motivo di tanto interesse sta nell’immenso patrimonio architettonico che combina insieme lo stile moresco, quello rinascimentale e molti edifici contemporanei. Granada è anche un ottimo punto di partenza per visitare l’intera Andalusia e le vicine Siviglia e Malaga. La città gode di un clima secco ma è consigliabile visitarla in primavera - estate in quanto nei mesi invernali le temperature scendono sotto lo zero. Con questa guida andiamo quindi alla scoperta di Granada.

1 Sebbene molte delle attrazioni più interessanti siano concentrate nel centro storico, le due meraviglie che sono diventate il simbolo della città sono situate sulle due colline adiacenti, che ospitano la città medievale. Stiamo parlando della fortezza di Alhambra, con i suoi cortili rettangolari (il più bello è quello dei Leoni) e le sale arabescate, ed i Giardini del Generalife dove è possibile ammirare splendide fontane e piante. Entrambi sono stati dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Una visita a Granada non può quindi prescindere da queste due attrazioni.

2 Un altro sito di sicuro interesse è la Cattedrale di Granada, costruita all’inizio del XVI secolo in stile gotico-rinascimentale e la vicina Cappella Maggiore, considerata il monumento cristiano più significativo della città. Gli appassionati di musei non dovranno perdersi il Museo Archeologico ed Etnografico, con sede nella Casa di Castril, un bellissimo palazzo rinascimentale. In questo museo sono custoditi numerosi reperti archeologici, risalenti ad epoche diverse, che ricostruiscono la vita quotidiana delle popolazioni che hanno abitato la città.

Continua la lettura

3 Nel centro storico di Granada si trovano inoltre molti edifici interessanti in stile Nazari, il Palazzo della Madraza che costituisce la prima sede dell’università (una delle più antiche in Europa) ed i Bagni Arabi, in cui è possibile rilassarsi provando l’esperienza del vero hamman.  Nel centro della città sarà anche possibile godere dell’interessante vita notturna che si svolge principalmente in locali che offrono spettacoli di flamenco e nelle discoteche.  Approfondimento Come organizzare un viaggio in Andalusia (clicca qui) La cucina locale è molto variegata e ricca di spezie.  Alcuni piatti tipici sono il famoso gazpacho, il prosciutto di Trevelez, la tortilla del Sacromonte e dolci a base di miele e di spezie.

4 Granada è facilmente raggiungibile dall’Italia in quanto collegata direttamente con molte città (Milano, Roma, Firenze, Napoli, Venezia, Verona, ecc), anche con voli poco dispendiosi. È consigliabile comunque prenotare con un po’ di anticipo, soprattutto se il viaggio sarà nella stagione estiva. Sarà sufficiente essere in possesso della carta d’identità. Per chi ha un po’ di tempo a disposizione, un’idea interessante potrebbe essere quella di noleggiare un’auto e visitare l’intera provincia. Malaga dista circa 125km, Siviglia 250, Cordova 200.

Cosa visitare in Andalusia L'Andalusia è una delle diciassette Comunità Autonome della Spagna. È ... continua » Come visitare Granada Granada città affascinante dell'entroterra dell'Andalusia, nella sua immensa bellezza ... continua » Andalusia: cosa vedere Se volete visitare la Spagna, avete sicuramente sentito parlare dell'Andalusia ... continua » Come visitare l'Andalusia in 3 giorni Viaggiare si sa, è il modo migliore per scoprire nuovi posti ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.