Come aprire una società in Cina

di Annalisa Spasiano tramite: O2O difficoltà: media

Nell'ultimo decennio, l'economia della Cina ha avuto una fortissima crescita a livello planetario che sta portando il paese ad un crescente sviluppo in molteplici settori. Coloro che fossero interessati ad intraprendere un'attività commerciale in Asia, troverà molto utile la seguente guida, che spiega come bisogna aprire una società in Cina, cercando di capire come il sistema fiscale cinese può influire la nostra vita lavorativa.

1 Definire il tipo di attività Prima di tutto è necessario definire il tipo di attività che intendiamo intraprendere. A tal proposito, occorre sapere che per avere successo all'interno di un mercato dinamico come quello cinese bisogna analizzare in modo approfondito le prospettive e gli obiettivi futuri: un project management quanto più dettagliato possibile è essenziale per ottenere dei buoni risultati. Dopodiché bisogna conseguire una licenza commerciale.

2 Ottenere il certificato di registrazione Partiamo dall'Ufficio di Rappresentanza, che è l'entità commerciale più semplice che ha un capitale estero. Quest'ufficio consente di insediarsi rapidamente nel mercato lavorativo cinese e l'iter da seguire non è complesso. Dopo l'autenticazione e la traduzione della documentazione in lingua cinese, si dovrà istruire la pratica presso il garante pubblico di Garanzia. Ottenuto il Certificato di Registrazione, bisogna procedere con la registrazione all'ufficio delle imposte e delle imposte aprendo un conto corrente presso una qualsiasi banca cinese, dopodiché bisognerà registrarsi presso una delle autorità doganali.

Continua la lettura

3 La Joint Venture La Joint Venture è l'unica forma di investimento ammessa in Cina, per via di restrizioni imposte dal governo cinese in alcuni settori.  Questa può essere di due tipologie: Equity Joint Venture o Cooperative Joint Venture; quest'ultima è caratterizzata da una maggiore flessibilità rispetto alla prima.  Approfondimento Come visitare Hainan in Cina (clicca qui) In entrambe, però, la procedura di costituzione della società è pressoché uguale.  Dopo la fase di identificazione dell'investitore straniero, si redige una lettera d'intenti tra le parti, ovvero un business plan mirato allo sviluppo della collaborazione.

4 La Wholly Foreign Owned Infine, la Wholly Foreign Owned Enterprise (WFOE), società di proprietà interamente straniera, costituisce l'entità commerciale che negli ultimi anni è diventata il veicolo preferenziale da parte degli investitori esteri per penetrare nel mercato cinese. Occorre tenere presente, però, che la società dovrà avere la propria sede sociale in Cina con un responsabile legale presente sul territorio nazionale.

Come aprire una società in Danimarca La Danimarca, è uno Stato del nord Europa, membro dell’Unione ... continua » Come visitare Canton In Cina In un mondo sempre più frenetico, è difficile trovare del tempo ... continua » Come aprire una società in Tunisia Come aprire una società in Tunisia? Ci sono diversi fattori che ... continua » 10 cose da non perdere in Cina La Cina ormai è una dei luoghi di vacanza più ambiti ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come spostarsi in Cina

La Cina è una Nazione dell'Asia Orientale che, grazie alla propria estensione, è confinante con svariati Paesi (come la Russia, la Mongolia, la Korea ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.