Come aprire una società in Spagna

di Concetta Dpcc tramite: O2O difficoltà: media

Dato l'alto tasso di disoccupazione che c'è in Italia, trasferirsi all'estero alla ricerca di un futuro migliore garantito da un posto di lavoro è più che normale. In primis sono gli stessi imprenditori italiani che decidono di chiudere le loro attività in Italia ed aprirne altre in altre nazioni europee in modo tale da risparmiare sui costi di produzione e di manodopera. Ed è proprio a loro che si dedica questa guida che dimostra come aprire una società in Spagna. Ovviamente prima di trasferire la propria attività nel paese iberico bisogna valutare una serie di fattori principalmente quello della lingua spagnola.

Assicurati di avere a portata di mano: Un documento che identifica il cittadino proveniente dall'estero. Passaporto valido per ottenere il NIE. Certification Negativa del Mombre.

1 Essere in possesso del codice del cittadino straniero La prima cosa da fare prima di aprire una società in Spagna è venire in possesso del NIE. Esso è un codice identificativo che viene rilasciato ad ogni cittadino che risiede sul territorio della nazione spagnola ma che proviene da un altro paese. Tale codice dà anche il permesso a chi lo possiede di aprire un business rivolto qualunque tipo di attività da svolgere che sia legata al settore turismo oppure altro. Per avere questo documento il cittadino dovrà recarsi al consolato spagnolo mostrando di essere in possesso del passaporto in corso di validità. Se non si possiede il passaporto il consolato non rilascia il documento. Mentre chi ha fatto la richiesta dovrà attendere circa un mese prima di poter avere il via libera.

2 Informarsi sulle leggi spagnole Un altro punto non meno importante è il tenere conto che, come in altri stati membri della Comunità Europea l'imposta non è bassissima. Tuttavia conviene studiare i vincoli e le clausole del decreto 13/2010. Per il nostro futuro e l'eventuale famiglia, questi passaggi vanno esaminati nei dettagli. Come in Italia, per aprire un impresa in Spagna, l'iter burocratico è abbastanza lungo. A seconda delle attività che vogliamo aprire, ci serve la forma legale e il possesso di una licenza.

Continua la lettura

3 Osservare i vincoli di legge Per l'apertura di una SRL, la soglia minima richiesta corrisponde a tremila euro.  Per legge tutte le imprese, presentano durante l'anno alle autorità competenti, i dati informativi richiesti.  Approfondimento Come aprire una società in Canada (clicca qui) Anche per una Sociedad Anonima, occorre rivolgersi al Registro Mercantil e avere il Certifacacion Negativa del Mombre.  Presso la Ventanilla Unica, si ritira il Numero Identificativo e il modulo da compilare.  Le Società di Azioni devono versare il 25% dell'intera somma all'inizio, ma non occorre che i soci siano a tutti i costi due.  Si può scegliere la facoltà delle azioni al portatore.  Inoltre per un business vero e proprio c'è bisogno di un Gestor.  Soprattutto se le nostre competenze con la lingua sono scarse.  Ci aiuta a verificare nel momento di scegliere la postazione, se le informazioni dell'Ufficio Tecnico del Municipio sono a nostro favore.  L'Asesor Fiscal e il Notaio completano questo profilo necessario per non incorrere in guai giudiziari per mancanza di un idoneo supporto informativo.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Piani Marketing Internazionali in Europa. Il turismo in Italia, Francia e Spagna.

Come aprire una società in Perù La società è un'azienda che viene conferita da più persone ... continua » Come aprire una società in Cile Aprire una società all'estero non è complicato, anzi può diventare ... continua » Come aprire una società in Austria Grazie ai viaggi abbiamo la possibilità, non solo di visitare luoghi ... continua » Come aprire una società in Nuova Zelanda Al giorno d'oggi sono tantissime le persone che tentano di ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.