Come aprire una società in Turchia

di Rita Malizia tramite: O2O difficoltà: media

Aprire una società all'estero non è mai un'impresa facilissima ed immediata, se poi vogliamo rivolgerci a quei paesi fino a poco tempo fa a rischio, la cosa si complica ancora di più. La Turchia, per la sua posizione strategica di ponte tra oriente ed occidente, è sempre stata mira degli scambi commerciali. Anche oggi, infatti, continua ad attrarre gli investimenti esteri, non solo per questo motivo, ma anche per la rapida crescita economica che sta sperimentando e che supera il tasso del 5% all anno. Aprire una società in Turchia vuol dire anche contare su forza lavoro relativamente a basso costo e su un mercato interno in costante espansione. Ecco come aprire una società in Turchia.

1 Forme giuridiche in Turchia Non bisogna più pensare alla Turchia come un Paese pericoloso. I problemi e l'instabilità economiche degli Anni'90 sono stati risolti, e nel 2003 gli investimenti diretti esteri sono stati regolati da un'apposita legge. Da allora sono aumentate le società straniere presenti in Turchia. Aprire una società in questo Paese è un procedimento estremamente semplice e veloce rispetto alle tempistiche italiane e non solo.
Le forme giuridiche più diffuse in Turchia sono la società a responsabilità limitata e la società per azioni. Esistono altre formule, come la società in accomandita e collettiva, ma la maggior parte delle società estere adotta le prime due tipologie di assetto societario per operare in Turchia.

2 Tasse da pagare Dal 2003 si è semplificata la procedura per aprire una società in Turchia e non è più richiesta l'autorizzazione ministeriale per la costituzione. Oggi, quindi, si opera in un contesto legislativo ed istituzionale più semplificato e liberale che, anzi, favorisce l'investimento da parte di aziende estere. L'imposta sulle società ammonta al 20%. Inoltre è possibile usufruire di una serie di agevolazioni finanziarie, molte delle quali sono esenti da IVA, tasse e dazi doganali. Sono previste ulteriori facilitazioni per chi vuole investire in aree svantaggiate del Paese. Inoltre in Turchia sono presenti dei parchi tecnologi destinati alle imprese del settore hi-tech e dell'innovazione.

Continua la lettura

3 Profilo demografico della Turchia La Turchia ha una popolazione che sfiora i 75 milioni di persone ed un'età media di 29 anni.  Un profilo demografico assolutamente favorevole per reclutare forza lavoro a basso costo e ad elevata produttività (si contano infatti bassi tassi di assenteismo).  Approfondimento Come Acquistare Un Tappeto Orientale A Istanbul, In Turchia (clicca qui) Una buona percentuale, inoltre, è altamente specializzata.  Aprire quindi una società in Turchia è una delle soluzioni migliori per un imprenditore che voglia espandere la sua azienda al di fuori dell'Italia, riuscendo così in poco tempo ad emergere e a guadagnare parecchie entrate.

Non dimenticare mai: L'orario GMT+2 permette di comunicare in Oriente e Occidente nella stessa giornata lavorativa

Guida alle migliori spiagge della Turchia E’ stato detto che la Turchia volge le spalle all’Asia ... continua » Come aprire una società nella Repubblica Sudafricana Se desideri aprire una società nella Repubblica Sudafricana non è assolutamente ... continua » Come aprire una società in Messico Il mercato economico è diventato globale, quindi è sempre più frequente ... continua » Come aprire una società in Tunisia Come aprire una società in Tunisia? Ci sono diversi fattori che ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come aprire una società in Svezia

Al giorno d'oggi purtroppo sono tantissimi i giovani che decidono di intraprendere una carriera lavorativa trasferendosi all'estero. Tra i paesi esteri maggiormente apprezzati ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.