Come arrivare e cosa visitare a Tindari

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'Italia è piena di luoghi meravigliosi da poter visitare. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, essi sono poco conosciuti ed apprezzati dalla popolazione. Uno di questi è sicuramente Tindari, una località balneare situata in Sicilia, precisamente nella provincia di Messina. In questa guida dunque verranno dati alcuni consigli su come arrivare e cosa visitare in questa cittadina.

26

Occorrente

  • Automobile o mezzi pubblici
36

Per arrivare a Tindari in macchina occorre prendere l'autostrada Palermo-Messina. Per chi arriva da Palermo è necessario imboccare l'uscita Patti, mentre coloro che giungono da Messina devono immettersi nell'uscita Falcone. In seguito si deve proseguire sulla SS 113 fino al bivio per Tindari.
Se arrivate in treno potete scendere alla stazione di Patti e proseguire con il servizio di pullman locale.

46

La principale attrazione turistica di Tindari è sicuramente il Santuario della Madonna Nera.
Esso è situato su un promontorio a strapiombo sul mare e fu edificato intorno al 1500 per poi essere restaurato in tempi recenti. Il Santuario ospita la statua in legno di cedro di una Madonna col Bambino, posta in un baldacchino dorato sorretto da due angeli. Essa, venerata per i numerosi miracoli compiuti nel corso dei secoli, è la protagonista di un'antica leggenda che racconta di una nave che trasportava questa statua, rifugiatasi nella baia di Tindari per sfuggire a una tempesta. Al momento di ripartire, la nave non riuscì più a muoversi. Fu solo dopo aver lasciato la statua sull'isola che la nave riprese il suo itinerario.

Continua la lettura
56

A poco più di un centinaio di metri dal Santuario vi è l'area archeologica con i resti dell'antica Tindari di epoca ellenistico-romana. Dagli scavi archeologici sono stati rinvenuti mosaici, sculture, fregi e capitelli conservati nel museo locale. Inoltre si possono ammirare i resti delle antiche terme e delle ville patrizie, pavimentate con bellissimi mosaici, ancora visibili e abbastanza intatti. In ultimo, è consigliabile effettuare una tappa anche al teatro Greco, il quale è stato edificato dai Greci ma in seguito è stato trasformato in un'arena dai Romani. Solo alcuni dei resti sono integri, ma vale la pena visitarlo in quanto la cavea è stata ricavata direttamente dalla conformazione naturale della collina.

66

Se amate il mare non potete certamente perdervi una visita alla Laguna di Tindari e alla spiaggia di Marinello. Quest'ultima in particolare sembra aver ispirato lo scrittore Camilleri in uno dei romanzi del Commissario Montalbano. Per quanto riguarda invece la Laguna sembra che essa si sia creata dopo la caduta di una bimba dal balcone del Santuario.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Le spiagge più belle di Bastia

Con l'arrivo delle giornate estive risulta evidente che chiunque voglia passare qualche ora sotto il sole, in riva al mare, magari sdraiato su una comoda sdraio mentre sorseggia un cocktail o sgranocchia qualcosa di fresco e rigenerante, punterà sicuramente...
Consigli di Viaggio

Come arrivare al Santuario di Gibilmanna

Il Santuario di Gibilmanna, come tutte quante le costruzioni sacre che si rispettano, è dedicato ad un Santo e, nella fattispecie, alla Beata Vergine. Questo luogo rappresenta, sicuramente, uno dei più conosciuti e celebrati Santuari presenti nella...
Italia

I più bei castelli della Sicilia

La Sicilia, l'isola italiana più grande, è una delle perle del Mediterraneo. Nove sono le province che la compongono (Palermo, Messina, Catania, Siracusa, Ragusa, Enna, Agrigento, Caltanissetta, Trapani), anche se da Marzo 2014 si parla di solo 3 città...
Europa

Come visitare Santo Stefano Di Camastra

Viaggiare è la passione di sempre più persone nel mondo, che decidono così di trascorrere le loro vacanze ed il loro tempo libero visitando e scoprendo sempre nuovi ed interessanti luoghi. Spesso però accade di dare molta importanza all'estero, trascurando...
Consigli di Viaggio

Come visitare Cefalù

Per gli amanti dei viaggi nelle isole italiane la Sicilia è sicuramente una regione affascinante e bellissima da visitare. La Sicilia è ricca di storia, di storia dell'arte, di paesaggi e di cultura, e consiglio vivamente di fare un viaggio in questa...
Consigli di Viaggio

Come visitare il santuario di Santa Rosalia a Palermo

Il Santuario di Santa Rosalia si trova sul monte Pellegrino, nella città di Palermo, ed è tutt’uno con la grotta, la stessa in cui il 15 luglio 1624 fu trovato il corpo della santa e nella quale lei si rifugiò fino alla morte. La sua struttura è...
Europa

Come visitare San Vito Lo Capo

Se trascorrerete le vostre vacanze in Sicilia per renderle indimenticabili raggiungete San Vito Lo Capo. È una bellissima cittadina della Sicilia Nord Occidentale. San Vito Lo Capo, con le sue spiagge costituite da chilometri di sabbia dorata e con i...
Italia

Come organizzare una vacanza a Vulcano

Vulcano, in provincia di Messina, fa parte delle isole Eolie. In questa isola, risultato dell'antica fusione di alcuni vulcani, si trovavano le mitologiche fucine del marito della bellissima Afrodite, il dio del fuoco (e fabbro degli dei) Efesto o Vulcano....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.