Come e perché visitare Yogyakarta

di Lucia Cordella tramite: O2O difficoltà: media

Yogyakarta è una regione speciale dell'isola di Giava, situata in Indonesia. La città è il principale centro culturale e artistico del Paese. Il nome della provincia è composto da due parole: "Yogya", che significa "adatto", e "karta" che significa prosperare. Yogyakarta, quindi, è letteralmente una città florida, adatta a prosperare. Ecco come e perché visitare Yogyakarta almeno una volta nella vita.

1 Se Jakarta è il centro finanziario e industriale del Paese,Yogyakarta è simbolo di tradizione orgogliosa. Qui la lingua si trova ancora nella sua forma più pura e i costumi locali vengono valorizzati in ogni modo. I centri commerciali, gli internet point e i semafori non sono riusciti a piegare l'animo dei cittadini. Le tradizioni della regione sono più vive che mai, ma la città è sempre aperta agli stranieri. Il gran numero di hotel e ristoranti, adatti a tutte le tasche, lo dimostrano chiaramente.

2 Yogyakarta è la sede di importanti siti archeologici come Borobudur e Prambanan. Entrambi sono stati dichiarati patrimonio dell'umanità dall'UNESCO e risalgono al IX secolo d. C. Prambanan è un complesso di monumenti, mausolei e templi induisti che all'inizio annoverava 232 strutture. I templi principali sono tre e sono dedicati alle divinità indiane di Shiva, Brahmα e Vishnu. Alto 47 metri e diviso in 6 livelli, il tempio di Shiva ruba la scena agli altri due che sono nettamente più piccoli. Da ammirare sono soprattutto i bassorilievi sul primo livello e la statua del fiore di loto contenente il dio Shiva. Questa è situata nella scalinata est ed è circondata da altre celle dedicate a Ganesh, al maestro di Shiva e alla moglie della divinità.

Continua la lettura

3 Il complesso del tempio Borobudur, invece, è paragonato alle Piramidi di Giza per la sua maestosità.  Esso è alto 35 metri e poggia su 1.600.000 colossali blocchi di pietra.  Approfondimento Come visitare l'isola di Giava in Indonesia (clicca qui) L'edificio sembra quasi una montagna ed è composto da vari livelli di gradini.  È il monumento più visitato dell'Indonesia sia per la sua storia che per le sue caratteristiche architettoniche.  La struttura, infatti, è composta da 10 terrazze che rappresentano le 10 fasi del cammino spirituale.  Esse sono raggruppate in 3 regni che corrispondono ai regni del samsara.  Il primo è il regno del desiderio, il secondo è il regno della forma pura e il terzo, invece, è il regno del senza forma.

4 Oltre a questi monumenti vanno ricordati anche i templi di Ratu Boko, Plaosan e Sewu. Il vulcano Merapi e il museo Ullen Sentalu, tra i più moderni del Paese, sono anch'essi degni di nota. L'aeroporto internazionale di Yogyakarta è un punto cruciale per tutti i turisti. Chi vuole visitare il Paese può atterrare qui e alloggiare in uno degli hotel più vicini. L'aeroporto si trova a 10 km dal centro ed è ben connesso ai trasporti pubblici. Autobus, treni e taxi sono sempre a disposizione dei viaggiatori.

Le 10 isole più belle delľ Indonesia L'Indonesia è l'arcipelago più grande al mondo ed è ... continua » I 10 templi buddisti più belli del mondo Il tempio buddista è in onore di Buddha, il precursore della ... continua » Come visitare la parte spirituale di Bali Viaggiare è forse uno stato mentale piuttosto che un semplice atto ... continua » Come visitare l'isola di Elephanta Se avete intenzione di organizzare un viaggio in India non potete ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Cosa vedere a Bombay

Bombay è un'importante territorio dell'India e adesso viene chiamata Mumbai. Questa città poggia su varie isole sottratte al mare nei secoli, giungendo a ... continua »

Kyoto: cosa vedere

Kyoto, è una delle città più belle del Giappone, che custodisce al proprio interno meraviglie e tesori da vedere ed ammirare, che lasceranno sicuramente senza ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.