Come non bruciarsi al mare

di Irene Romeo tramite: O2O difficoltà: facile

Non è estate senza abbronzatura! Il calore del sole, l'acqua cristallina del mare, il relax in spiaggia, forse a volte rendono poco cauti. Come risultati si ottengono pericolose scottature e fastidiose dermatiti. Tuttavia, perché rinunciare ad una bella tintarella e demonizzare il sole? Gli eccessi, è vero, hanno effetti genetici ed ossidativi. Il sole però è una grande risorsa. Concorre nella produzione della vitamina D e nel processo di mineralizzazione delle ossa. Risulta quindi indispensabile per l'accrescimento e la lotta contro l'osteoporosi. Per prendere il sole in tutta sicurezza bisogna attenersi a delle piccole regole ed astuzie! Ecco allora come non bruciarsi al mare.

Assicurati di avere a portata di mano: Creme solari Buon senso

1 L'epidermide è molto sensibile ed un'errata esposizione solare comporta scottature o eritemi piuttosto fastidiosi. I raggi UVA e UVB sono altamente aggressivi e dannosi. I primi, in particolar modo, penetrano in profondità, arrivando fino al derma. Queste radiazioni a cui ci si sottopone giornalmente invecchiano in maniera precoce la pelle. Sono inoltre i principali indiziati dei danni cellulari e dei terribili mali della pelle. Bruciarsi al mare implica una maggiore esposizione ai pericoli. Pertanto, bisogna prendere alcune precauzioni.

2 La pelle va immancabilmente protetta con un'ottima crema solare. Ormai si ripete fino alla nausea, ma rimane la migliore soluzione per non bruciarsi al mare. Bisogna scegliere la protezione più adatta alla propria carnagione. In genere, un po' per tutti, si parte da un fattore più elevato fino a ridurlo gradualmente. In tal senso, si otterrà in tutta sicurezza una perfetta abbronzatura ambrata ed omogenea. Per non bruciarsi, il sole va preso per gradi. Pertanto, per i primi giorni, esporsi solo per 30 minuti e nelle ore meno calde della giornata.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Per non bruciarsi al mare, evitare l'esposizione durante le ore centrali della giornata (dall'una alle quattro).  In questo frangente, infatti, i raggi ultravioletti raggiungono la massima intensità e la pelle necessita di una protezione più intensa.  Approfondimento 5 consigli per una perfetta giornata al mare (clicca qui) L'ombrellone non sempre rappresenta una valida soluzione.  Il sole penetra attraverso le fibre ed è facile bruciarsi.  Al mare ci si abbronza molto più velocemente.  Bisogna munirsi quindi di una protezione che resista anche all'acqua.  Infine, dopo la doccia applicare un buon doposole per idratare e lenire la pelle.  Per favorire l'abbronzatura e non bruciarsi al mare, mangiare tante carote ed albicocche.

Non dimenticare mai: Essere abbronzati non ci protegge dall'esposizione dannosa dei raggi UVA. Continuiamo ad applicare una crema solare leggera ad ogni esposizione. Alcuni link che potrebbero esserti utili: Abbronzarsi in sicurezza: ecco come. 7 consigli per non scottarsi

Cosa mettere in valigia per i soggiorni al mare Tempo di partenze, vacanza e relax e come sempre c'è ... continua » 10 errori da evitare in crociera Il viaggio in crociera è qualcosa a cui veramente non si ... continua » 10 motivi per andare al mare Le vacanze sono il momento più atteso dell'anno, per rigenerarsi ... continua » 10 regole per un perfetto zaino da gita al mare Con l'arrivo della bella stagione abbiamo tutti subito voglia di ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.