Come organizzare un week-end low cost a Parigi

di Jane Dark tramite: O2O difficoltà: media

Per organizzare un week-end low cost in una delle città più romantiche che esistano al mondo, quella che ha ispirato il Periodo Rosa a Picasso e La vie en rose a Édith Piaf, bisogna senz'altro iniziare per tempo. Ti sconsiglio infatti di andare in un ostello a caso come abbiamo fatto noi: ci siamo ritrovati in una zona multietnica e periferica, con docce mezze rotte, tanta polvere, scarafaggi e altri insetti non meglio identificati nelle camere... Non è concepibile tornare a dormire in un posto così triste dopo essersi riempiti gli occhi della bellezza e dell'eleganza di questa città. Ancor peggio poi se si arriva da Versailles con la sua Galleria degli Specchi. Numerosi film sono stati ambientati a Parigi, tipo Sabrina, Arco di Trionfo, Ultimo tango a Parigi, Bella di giorno, L'appartamento (in cui la Bellucci ha conosciuto l'ex marito Vincent Cassel), perciò ti risulterà familiare. Crepi dunque l'avarizia!

Assicurati di avere a portata di mano: bagaglio a mano leggero macchina fotografica smartphone Carta di credito o Postepay per effettuare prenotazioni e comprare biglietti scarpe comode

1 Per prima cosa bisogna pensare al viaggio, senza trascurare però la base dove rientrare dopo le scorribande in giro per la città. Per questo è necessario prenotare presso una compagnia low cost il volo di andata e ritorno, ricordando che i bagagli concessi sono molto ridotti, a meno di non voler pagare un sovrapprezzo considerevole. Inoltre bisogna prendere una navetta per raggiungere Parigi dall'aeroporto di arrivo, tragitto che non è certo a buon mercato. Per dormire, ti suggerisco un bilocale da prendere in affitto giorni prima, per essere certi che vi sia posto e disponibilità. La zona deve essere abbastanza centrale e ben servita dai mezzi, il prezzo possibilmente abbordabile. Il vantaggio innegabile che dà è quello di poter cucinare, evitando quei ristoranti pela-turisti dove non si mangia nemmeno tanto bene (il giudizio è di un parigino DOC, Louis).

2 Per spostarsi liberamente a Parigi, esistono i pass Paris Visite, il cui prezzo dipende dalle zone (la città è suddivisa in 5 zone concentriche) e dal numero di giorni consecutivi. A partire dal primo giorno di utilizzo, darà un accesso illimitato alla rete dei trasporti parigina (tra cui la comoda metropolitana, autobus, tram, treni periferici SNCF, la funicolare di Montmartre). Quest'opzione va bene se vuoi scoprire la città percorrendola in lungo e in largo.

Continua la lettura

3 Che cosa si può vedere in due piene giornate da vivere intensamente? Nel primo giorno, si va ai giardini del Trocadero, sulla collina di Chaillot; si sale in cima alla Tour Eiffel.  Dopo, una poetica crociera sulla Senna con il bateau-mouche (il traghetto) della Compagnie des Bateaux Mouches, un giro in Place Vendome (celebre piazza di Parigi dove abitò Chopin) e ancora in Rue de Rivoli a guardare le vetrine.  Approfondimento Parigi in 10 giorni (clicca qui) Si fa una passeggiata presso gli Champs-Élysées, raggiungendo da qui l'Arc de Triomphe; infine di sera una sortita nel Quartiere Latino.  Il secondo giorno sarà dedicato principalmente al Louvre.  Non dimenticarti l'île Saint-Louis e l'île de la Cité, due isolette fluviali che ospitano pregevoli monumenti storici.  Nell'ultima potrai ammirare la gotica Cathédrale Notre-Dame.  In serata, una visita a Montmartre.  La basilique du Sacré-Cœur troneggia arroccata in cima alla Butte de Montmartre.

4 Bisognerebbe evitare le visite al Louvre o a Versailles nel fine settimana a causa del sovraffollamento: ore e ore di coda potrebbero guastare il piacere di aggirarsi tra le opere d'arte. Una soluzione accettabile può essere quella di fissare una visita guidata, che pur vincolando negli orari dà l'innegabile vantaggio di saltare la coda. Oppure esiste il mitico Paris Pass, un pacchetto turistico grazie a cui si può entrare in oltre 60 musei e attrazioni di Parigi schivando la fila. Include anche gli spostamenti con i mezzi (metropolitana, autobus e treni RER-SNCF diretti verso il centro, nelle zone comprese tra 1 e 3, escluso il tragitto dall'aeroporto alla città). Quello che dura due giorni si aggira intorno ai 130 euro per gli adulti, molto meno per i bambini. Si prenota online. Certo è la scelta migliore se hai già visto Parigi e vuoi trascorrere un soggiorno all'insegna della cultura.

Non dimenticare mai: Ti suggerisco di comprare il Paris Pass online, per poter usufruire delle promozioni Il biglietto magnetico e il tesserino nominativo del Paris Pass non sono cedibili a terzi Alcuni link che potrebbero esserti utili: Vantaggi della Paris Pass

Come raggiungere la reggia di Versailles La Reggia di Versailles, che è situata a soli 17 km ... continua » Come visitare Parigi in 4 giorni Parigi è una delle capitali più belle del mondo, chiamata anche ... continua » Parigi: 5 consigli per il tempo libero Parigi è una città che almeno una volta nella vita andrebbe ... continua » Parigi a piedi: itinerari Parigi, la Capitale della Francia, è una città incredibilmente affascinante. Per ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come raggiungere Reims da Parigi

Reims è una città della Francia settentrionale, molto bella ed accogliente, famosa per il suo patrimonio storico ed architettonico. Infatti fra le strade di questa ... continua »

Come arrivare da Orly a Parigi

Paris-Orly è uno degli aeroporti principali della città di Parigi. Ogni giorno, infatti, tantissimi viaggiatori transitano per questo scalo in partenza o in arrivo nella ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.