Come ottenere un visto turistico per l'india

di Luca Banana tramite: O2O difficoltà: media

Chi si appresta ad organizzare un viaggio in India incorre prima o poi nell'incombenza di procurarsi il visto di ingresso, che è obbligatorio, anche per ingressi sporadici tipo crociera, e per i cittadini italiani NON viene rilasciato dalle autorità locali sul posto, ma deve essere richiesto assolutamente prima di partire dal proprio paese. Possono essere rilasciati vari tipi di visto: giornalistico, affari/business, medico, ecc.. E ciascuno si differenzia dall'altro per tempi di emissione e validità, e documentazione da produrre per il rilascio. In questa guida parleremo di come ottenere un visto di tipo TURISTICO.

Assicurati di avere a portata di mano: Passaporto con validità residua di 6 mesi al momento dell'arrivo in India Il passaporto deve avere 3 pagine libere anche non consecutive 2 foto tessera a colori a fondo bianco di formato 5cm x 5cm uguali tra loro

1 Un consiglio generale quando si viaggia è di attingere da fonti di informazioni autorevoli, evitando blog o passaparola di amici, perché, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti burocratici, le normative possono cambiare al variare della situazione politica del paese di destinazione. In questa guida, perciò farò riferimento a quanto è espressamente dichiarato nel sito ufficiale dell'ambasciata indiana in italia e nel sito governativo del Ministero degli Esteri Italiano, dei quali trovate anche il link.

2 VALIDITA':
il visto turistico viene rilasciato con validità di multipli di 6 mesi.

COSTI:
71 euro da pagare in contanti al momento della consegna della richiesta. Non saranno accettate altre forme di pagamento.

COME COMPILARE LA DOMANDA:
Accedete al link che vi indirizzerà al sito del governo indiano dove compilare la domanda on line. Leggete attentamente le indicazioni riportate e, novità dal 01.01.2014, la fotografia a colori dovrà essere uploadata al momento dell'invio. Trovate il modo quindi di averne una un formato digitale. Completata la compilazione inviatelo e scaricatene una copia.

DOVE PRESENTARE LA DOMANDA:
Presentate la copia scaricata al passaporto e alle fototessere o all'Ambasciata Indiana a Roma (Via XX Settembre - 5, Roma) oppure, se siete del nord Italia, dovrete far riferimento al Consolato Indiano a Milano. Tuttavia, dal 2007 il Consolato a Milano non accetta direttamente le richieste per visti turistici ma si basa su un'agenzia esterna: Centro Visti India, via Marostica - 34, Milano.

Continua la lettura

3 I tempi di emissione del visto sono di 3-5 giorni dal momento in cui avrete fatto domanda al consolato oppure all'ambasciata.  Se vi risulta difficile recarvi di persona a Milano o a Roma potete affidarvi per tutta la pratica alle agenzie di viaggi della vostra zona.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: http://www.indianembassy.it/ http://www.viaggiaresicuri.it/?india

Come fare il visto turistico per la Russia Dal 1 settembre 2012 cambiano le regole per ottenere il visto ... continua » Come arrivare a Visakhapatnam in India Visakhapatnam (a volte chiamata "affettuosamente" Vizag) è una metropoli di oltre ... continua » Guida: tour dell'India in 10 giorni Per gli amanti delle mete spirituali l'India è una delle ... continua » Come richiedere il visto per il Kenya Il Kenya, Paese posto a oriente, nel cuore dell’Africa, affascina ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Le 10 cose da vedere a New Delhi

All'interno della presente guida, andremo a occuparci di un tema molto interessante: il turismo. Nello specifico caso, come avrete potuto notare attraverso la lettura ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.