Come richiedere il visto per il Kenya

di J. F. tramite: O2O difficoltà: media

Il Kenya, Paese posto a oriente, nel cuore dell’Africa, affascina molti occidentali, per la ricchezza del territorio, per la natura incontaminata e per la presenza di una vasta fauna allo stato libero. Al contempo, però, può anche spaventare per la sua soglia di povertà e per la presenza di gruppi terroristici armati che rendono potenzialmente pericolosi i luoghi di culto e gli edifici pubblici, come anche le zone aride del centro-nord. Chiunque vada in Kenya, a patto che abbia più di 16 anni, deve richiedere un apposito visto d'ingresso seguendo scrupolosamente la vigente normativa.
Nella guida che segue, a questo proposito, vedremo alcuni consigli utili ed intuitivi su come richiedere il visto per il Kenya nel modo più semplice possibile.

Assicurati di avere a portata di mano: Passaporto con validità residua di almeno 6 mesi 2 foto tessere Biglietti aerei di andata e ritorno Modulo di richiesta compilato

1 Come imparare i vari tipi di visto Innanzitutto è bene precisare che ci sono varie categorie di visto. Il cosiddetto visto turistico può avere validità compresa da uno a tre mesi, fino a una massimo di sei; costa 50 USD se richiesto all'aeroporto, oppure 40 USD se rilasciato dall'Ambasciata. Tra le altre categorie di visto ricordiamo: il visto di transito, quello multiplo per affari, il “single journey visa” ed infine il “double-entry visa".

2 Come capire quali documenti occorrono per il visto in Kenya In generale, i documenti necessari per qualsiasi tipologia di visto sono: il passaporto con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell'ingresso nel Paese, due fototessere, il modulo di richiesta del visto e da ultimo i biglietti aerei di andata e di ritorno per il Kenya volti ad attestare con precisione le date esatte del viaggio. Per tutti i visti non turistici è necessario un documento "accessorio" ossia una lettera d’invito da parte della persona o dell’Ente/società invitante che risiedono in Kenya.

Continua la lettura

3 Come richiedere il visto per il Kenya Le modalità per richiedere un visto sono sostanzialmente due: ci si può rivolgere all’Ambasciata del Kenya a Roma, oppure esso può essere ottenuto direttamente in aeroporto.  Se ci si affida all’Ambasciata sarà bene tenere a mente sia gli orari di apertura: dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 12.30 che la variabile "tempo" in quanto è bene sapere che il visto d'ingresso sarà pronto in 24 ore a patto di presentare tutta la documentazione in regola.

4 Come controllar eil passaporto per il Kenya Da ultimo è importante assicurarsi di verificare che sul passaporto sia ancora disponibile almeno una pagina bianche necessaria affinché il timbro possa essere apposto in modo corretto; in caso contrario potreste non essere accettati e correre il serio pericolo di venire rimpatriati con il primo volo utile per l'Italia.

Non dimenticare mai: Nessuna vaccinazione è obbligatoria. La somma massima accettata per i turisti in ingresso in Kenya è di 5.000 USD. Per una cifra maggiore, bisogna compilare un apposito modulo statistico per la Banca Centrale. Alcuni link che potrebbero esserti utili: http://www.condor.it/info_utili/documentazione_necessaria_per_l'espatrio_in_kenya.cfm

Viaggio in Kenya: consigli utili Situato in Africa Orientale, il Kenya è uno stato confinante a ... continua » Come organizzare una vacanza in Kenya Il Kenya è un gioiello africano. Non necessita di grandi presentazioni ... continua » 5 cose da sapere prima di partire per il Kenya Il Kenya è uno stato situato in Africa Orientale, confinante a ... continua » Attrezzatura necessaria per un safari in kenya Viaggiare è uno dei modi migliori per imparare nuove cose sul ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come visitare lo Yemen

Lo Yemen è un Paese magico e dalle mille sfaccettature. Nel 1970, il regista italiano Pier Paolo Pasolini decise di girare un documentario nella capitale ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.