Come trascorrere tre giorni sulle 4000 isole del Mekong in Laos

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il Mekong è il fiume più lungo e importante dell'Indocina e l'undicesimo al mondo per lunghezza. Attraversa ben sei stati, partendo dall'altopiano del Tibet, per proseguire attraverso la provincia cinese dello Yunnan, Birmania, Thailandia, Laos, Cambogia e Vietnam. Se siete interessati ad un viaggio in Indocina, non potete non fermarvi per qualche giorno sulle 4000 isole del Mekong in Laos. Vediamo come trascorrere tre giorni in questo spettacolare paesaggio.

25

Il corso del fiume Mekong è cosparso di isolette, molte delle quali disabitate. Qui il tempo sembra essersi fermato. I ritmi di vita, le tradizioni e la cultura, sono infatti tipiche di un passato ormai remoto, lontano dalla civiltà moderna. Ambienti rurali, capanne di legno e assenza di elettricità rendono questo posto un vero tempio per chi è in cerca di relax e tranquillità. Ci si sposta usando dei carri trainati da buoi e i pochi abitanti che si possono trovare in queste zone coltivano le risaie e salutano intimiditi i rari turisti.

35

Le tre isole più importanti di questo arcipelago, chiamato Si Phan Don, sono Don Det, Don Khon e Don Khong. Delle tre la più visitata dai turisti è Don Det, in quanto offre spettacoli naturali senza eguali. È il giusto compreso tra tranquillità e socialità. L'isola non è grandissima, solo 7 km, il che vi permetterà di girarla a piedi nel giro di poche ore. Ciò nonostante Don Det non merita di essere vissuta come luogo di passaggio. Appena arrivati sull'isola si trovano bungalow per pochi dollari nei quali vi verrà offerto del "weed... Just to relax".

Continua la lettura
45

Il giorno successivo potreste pensare di soggiornare sull'isola di Don Khong. Questa è la più grande delle tre isole ed anche la più "industrializzata" con strade ed elettricità. Se volete qualcosa di tranquillo ma non troppo "selvaggio" questa è l'isola che fa per voi. Don Khong offre numerosi complessi alberghieri di lusso. Misura 18 km e il modo migliore per spostarsi è la bicicletta che può essere affittata sul posto per pochi dollari. Tra le tante attrazioni, quella principale è il tempio di Wat Chom Thong, edificato agli inizi dell'ottocento. Caratteristici villaggi di pescatori sono seminati lungo le coste, nei quali è possibile degustare la birra locale a base di riso.

55

Il terzo giorno non ci si può esimere dal visitare l'ultima delle tre maggiori tra le 4000 isole, vale a dire Don Khon, dove si trova anche la principale attrazione turistica di tutta l'area, vale a dire le cascate di Khone Phapeng, anche dette "big waterfall", causate da un salto di circa due metri del fiume. Ma queste cascate non sono le uniche: ci sono da vedere anche quelle di Li Phi. Anche su Don Khon il modo migliore per spostarsi sono i piedi, o usare la bicicletta. Non mancano ristorantini in cui rifocillarsi con le gustose papaya salads.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Asia

Come viaggiare in Laos in bicicletta

Il laos, "la terra di un milione di elefanti", è il luogo ideale per gli amanti del cicloturismo. Montagne ricoperte di foreste, strade poco trafficate e attorniate da panorami mozzafiato, cittadine piccole e accessibili ed una popolazione molto amichevole...
Asia

Come visitare la Bolaven Plateau in Laos

Sono tantissime le bellezze da vedere nel mondo, ma il Laos ne riserva una che è veramente unica. Si tratta delle cascate del Bolaven Plateau, una meraviglia immersa nella natura, una vera perla che affascina chiunque la visiti. Collocate nel Sud-Est...
Asia

Vientiane: cosa visitare

Viaggiare è uno dei modi migliori per accrescere la propria cultura e se amate viaggiare all'estero cercando delle mete diverse dal solito, non dovete esitare a visitare il Laos e la sua capitale Vientiane. Questa particolarissima città è sicuramente...
Asia

Laos: consigli di viaggio

Il Laos è uno stato del sud – est asiatico che non ha sbocchi sul mare. In questa guida cercherò di darvi tutti i consigli di viaggio per passare una piacevole vacanza. I periodi migliori per visitare questo stato sono i mesi di novembre, febbraio...
Asia

Itinerari: la Thailandia in 10 giorni

Almeno una volta nella vita si dovrebbe partire alla scoperta dell'Asia, per conoscere una fetta di mondo totalmente diversa dall'Occidente e vedere luoghi indimenticabili. Tra le varie mete a Oriente, la Thailandia è sicuramente una delle più gettonate....
Asia

Come visitare la Cambogia in bicicletta

La Cambogia è sicuramente il paese ideale per tutti coloro che amano viaggiare in bicicletta senza fare troppa fatica: le pianure, infatti, ricoprono la maggior parte del territorio, ad eccezione delle aree montuose, che risultano essere decisamente...
Asia

Itinerari: Il Vietnam in 10 giorni

Uno degli stati del Sud-Est asiatico più affascinanti da visitare è il Vietnam, sia per gli scenari paesaggistici che per gli itinerari culturali. La capitale è Hanoi mentre la lingua ufficiale è il vietnamita cui si affianca in modo dominante anche...
Consigli di Viaggio

5 ragioni per visitare il Laos

Nei nostri viaggi, le mete asiatiche dovrebbero avere sempre un posto nella prima fila delle scelte. Capaci di unire secoli di storia e tradizione, questi luoghi sono un' autentica immersione nel mare di usi e costumi che contraddistingue il sud-est asiatico....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.