Come visitare Bologna: Santuario Beata Vergine di San Luca

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La visita nella straordinaria Bologna potrebbe essere terminata con un mini-tour che, dal centro della città, conduce ad ispezionare uno dei famosi colli accerchianti il territorio bolognese, ovvero il Colle della Guardia. Precisamente, si tratta di salire in cima al magnifico Santuario della Beata Vergine di San Luca (direttamente dalle mura della cittadina), attraversando i 3,50 km di Porta Saragozza, ossia il portico più lungo del mondo. Nei passi di questa guida, vi spiegherò come visitare questo meraviglioso santuario italiano situato presso la località di Bologna.

26

Occorrente

  • Bus di linea "20" (eventuale)
  • Pulmino privato "Cosepuri" (eventuale)
  • Automobile (opzionale)
36

Partire da Piazza Maggiore

Anzitutto, il mini-tour finalizzato a migliorare la visita a Bologna richiede un enorme sforzo fisico: se non riuscirete a concluderlo a piedi, non dovrete innervosirvi poiché ci saranno tutti i mezzi pubblici che potranno aiutarvi a renderlo più semplice. Partendo sempre da Piazza Maggiore, girerete in Piazza Galileo, attraverserete Piazza Roosevelt ed entrerete in Via 4 Novembre: all'angolo di questa strada, troverete il Palazzo Caparra, ovvero un'antica residenza senatoria oggi sede della Prefettura bolognese. Seguendo tutta Via 4 Novembre, vedrete la Chiesa di San Salvatore, ossia il luogo di sepoltura del Guercino. In seguito, passando in Via Porta Nova, giungerete a Piazza Malpigli, dove è situata la Basilica di San Francesco (XIII secolo), cioè il primo esempio di gotico francese nel territorio italiano.

46

Visitare il Museo della Beata Vergine di San Luca

Girando a sinistra dopo aver percorso tutta Piazza Malpigli, arriverete in Via di Nosadella e dovrete percorrerla finché non incrocerete Via Saragozza: svoltando nuovamente a sinistra e continuando fino alla Porta Saragozza, troverete il Museo della Beata Vergine di San Luca ed il suo porticato costruito per riparare i pellegrini dal maltempo e contenente esattamente 666 archi (numero ricordato dall'Apocalisse ed indicante il demonio). Proprio come un serpente, la Porta Saragozza s'inerpica ai piedi del monte e finisce ai piedi della Beata Vergine: suggestivo con i suoi 3.796 metri sopra il livello del mare, questo porticato è stato progettato nell'anno 1600.

Continua la lettura
56

Utilizzare i trasporti pubblici

Se questo mini-tour vi sembrerà tanto faticoso compiuto direttamente a piedi, avrete l'opportunità di andare in cima al Colle della Guardia con due pullman. In questo caso, da Piazza Maggiore, prenderete il bus di linea "20" e scenderete in Via San Luca, dove troverete il pulmino privato "Cosepuri" che vi porterà direttamente sul piazzale davanti al Santuario della Beata Vergine di San Luca in circa 10 minuti. Per maggiori informazioni, potrete rivolgervi all'ufficio dei trasporti pubblici in Via Rizzoli, fra la Piazza del Nettuno e la Piazza Re Enzo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Emilia Romagna: come muoversi e cosa visitare

Nella guida seguente, saranno fornite informazioni circa un'area specifica, quella dell'Emilia Romagna: come muoversi e cosa visitare di questa regione non sarà più un mistero. La penisola italiana si configura attualmente come una delle più ambite...
Consigli di Viaggio

Come arrivare al Santuario di Gibilmanna

Il Santuario di Gibilmanna, come tutte quante le costruzioni sacre che si rispettano, è dedicato ad un Santo e, nella fattispecie, alla Beata Vergine. Questo luogo rappresenta, sicuramente, uno dei più conosciuti e celebrati Santuari presenti nella...
Europa

Come e cosa visitare nella valle del Reno in Emilia Romagna

All'interno di questa guida ci soffermeremo sulla spiegazione di alcuni utili accorgimenti da potere utilizzare durante l'organizzazione di una fantastica visita in alcune delle più belle e storiche località emiliane. Descriveremo come e cosa c'è da...
Europa

Come visitare il Santuario del Divino Amore a Roma

Il santuario della Madonna del Divino Amore è un santuario di Roma composto da due chiese: quella antica è del 1745, quella nuova è invece del 1999. È tuttora una meta di pellegrinaggio cara ai romani. Durante l'estate ogni sabato si tiene un pellegrinaggio...
Consigli di Viaggio

Come visitare Dinnammare e il santuario degli innamorati

Il monte Dinnammare, si trova a sud di Messina, si chiama così perché si affaccia tra due mari: lo Jonio ed il Tirreno. Esso da anche il nome al santuario, nascosto sulla sua vetta e ribattezzato dagli abitanti “Santuario degli Innamorati”. Chi...
Europa

Come visitare chiese, castelli e monasteri d'Aragona

L'Aragona è una comunità autonoma che si trova nel nord est della Spagna, la cui capitale è Saragozza. Si tratta di una regione ricca di bellezze naturalistiche, ma di grande interesse soprattutto per gli amanti dell'arte e dell'architettura medievale....
Europa

Come visitare Valverde

Valverde è un piccolo comune sulle pendici sud est dell'Etna. Sorge a 305 mt s. L. M. E i primi insediamenti risalgono al tardo medioevo ad opera degli abitanti acesi che dalle coste si ritirarono nelle colline per trovare rifugio dai continui attacchi...
Italia

Luoghi misteriosi da visitare in Lombardia

Forse non tutti sono al corrente che nel nostro Paese, come per il resto in tutto il mondo, sono presenti luoghi ancora oggi avvolti nel mistero. Costruzioni insolite, quadri con simboli strani, oggetti insoliti posizionati in luoghi ancora più insoliti....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.