Come visitare Cnosso

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Prima di poter spiegare come potreste visitare CNOSSO, faccio una breve descrizione della medesima.
Cnosso è il più importante Sito Archeologico dell'età del bronzo di Creta.
Sorge nella parte centrale dell'isola di Creta, a 6 km dal mare e a 5 km da Candia, sul fiume Katsaba.
Fu un importante centro della Civiltà Minoica(la civiltà cretese dell'età del bronzo).
Il palazzo di Cnosso è legato ad antichi miti della Grecia Classica, come Minosse e il Labirinto costruito da Dedalo, e quello di Teseo e il Minotauro.
Dal punto di vista Storico c'è da dire moltissime cose e cioè:
Che fu già abitato già nel Neolitico, divenne un florido centro della Civiltà Minoica verso il 2000 a. C., epoca della costruzione del grande palazzo che, privo di mura difensive, era sintomo dell'egemonia cretese sul Mar Egeo.
In questo periodo gli abitanti di Cnosso cominciarono ad avere rapporti economici e commerciali con la civiltà egizia e vengono addirittura dipinti straordinari affreschi prodotti con le tradizionali tecniche degli abitanti del Nilo.
Verso il 1700 a. C. Un cataclisma, forse un terremoto provocato dall'eruzione del vulcano dell'isola di Thera (l'odierna Santorinbo), distrusse tutti i palazzi dell'isola, incluso quello di Cnosso. Durante il periodo neopalaziale (1700 a. C.- 1500 a. C.) il palazzo venne ricostruito ancora più sontuoso di quello di epoca palaziale, ancora una volta privo di mura difensive, cosa che testimonia la totale assenza di invasioni da parte di altri popoli.
Verso il 1450 a. C. Cnosso fu devastata dai Micenei, popolazione proveniente dal Peloponneso, come testimoniano i testi in lineare B rinvenuti nel palazzo, finché verso la metà del XIV secolo a. C. La città iniziò a decadere.
Vi sono infine fonti che indicano la presenza di artigiani cretesi nelle città micenee dove veniva apprezzata la loro alta conoscenza nel campo dell'oreficeria.
Poi da molti anni era noto che in quest'area si dovesse trovare una città di nome CNOSSO.
Infatti gli abitanti della regione, coltivando i loro campi, trovavano spesso degli oggetti antichi.
Il primo ad intraprendere gli scavi fu Minos Kalokairinos, un antiquario, commerciante di Iraklion, che nel 1878 scoprì due dei magazzini del palazzo.
I turchi, padroni del terreno, lo costrinsero a fermare le ricerche.
Fallirono pure i tentativi di Heinrich Schiiemann nel comprare la collina di "Kefala" a causa delle eccessive pretese dei turchi.
Infatti volevano vendere al ricercatore molti più ulivi di quanti non ce ne fossero sulla collina costringendolo a pagare un'ingente somma che il tedesco rifiutò indignato.

La fortuna aiutò invece Sir Arthur Evans, archeologo e in quel periodo direttore dell'Ashmolean di Oxford, che incominciò scavi sistematici nel 1900, seguito dal suo assistente, l'archeologo inglese Duncan Mackenzie, che teneva anche il diario di scavo, dopo la proclamazione dell'autonomia dell'isola. Verso la fine del 1903 quasi tutto il palazzo era scoperto e la ricerca procedette nei dintorni.
Evans continuò così fino al 1931, con un'interruzione durante la Prima Guerra Mondiale.
Più tardi pubblicò la sua opera The Palace of Minos at Knossos in quattro volumi. Fin dall'inizio i monumenti scoperti avevano bisogno di restauro.
Così certe parti del palazzo sono state restaurate e in questi lavori fu usato il cemento armato in abbondanza.
Le parti che corrispondevano a costruzioni in legno furono all'inizio dipinte in giallo (oggi il colore giallo è sostituito).
Inoltre, copie dei meravigliosi affreschi trovati durante gli scavi sono state collocate ai posti originali.
Questo metodo di restauro è stato criticato da molti a causa dell'utilizzo di materiali estranei all'architettura minoica.
Altri scienziati hanno contestato certi risultati di Evans.
A parte tutto ciò, la intuizione, l'immaginazione creativa e la profonda conoscenza scientifica di Evans sono sempre state ammirate.
In grandissima parte si deve a lui la scoperta dello splendore del mondo minoico, che fino alla sua epoca si rifletteva solo nella Mitologia Greca. Dopo la sua morte, gli scavi di Cnosso, che continuano fino a oggi, sono stati intrapresi dalla Scuola Britannica ad Atene.

26

Occorrente

  • guida turistica bilingue
36

Le rovine del Palazzo Reale minoico di Cnosso sono la maggiore attrazione turistica di Creta.
Esse sono ben lontane dall'essere i resti del sito originario, abitato a partire dal Neolitico.
Il primo palazzo è stato datato al 2000 a. C. E venne distrutto da un terremoto circa 300 anni dopo.
Il palazzo più recente fu eretto dopo il terremoto e sopravvisse fino al 1380 a. C., quando anch'esso venne distrutto da un incendio.
Progetta di trascorrere a Cnosso almeno due ore se speri di vedere buona parte del palazzo e della città.
Se visiti Cnosso in estate, ti consiglio di arrivare molto presto al mattino o nel tardo pomeriggio (il sito rimane aperto fino al tramonto).
Vale la pena di comprare una guida turistica.

46

Considera anche la possibilità di farti scortare da una guida ufficiale: il prezzo del servizio dipende dalla lunghezza del giro turistico e dal numero di persone che vi prendono parte.
Entrando nel sito si supera un busto raffigurante Evans, l'archeologo che portò Cnosso all'attenzione mondiale.
Mentre procedi vedi alla tua destra uno dei famosi simboli di Cnosso, le Corna della Consacrazione ovvero le corna del toro sacro che si trovava in origine in cima al palazzo.

Continua la lettura
56

A sinistra del percorso principale, quasi di fronte alle Corna, alcuni gradini ti conducono al piano nobile, il piano superiore, con i resti di alcuni templi e un bel panorama su gran parte del sito.
Da questa zona dirigiti alla Sala del Trono.
Al centro del sito, c'è un grande cortile centrale all'aperto, dove aveva luogo il salto dei tori.
Oltre questa zona trovi la parte principale del palazzo, inclusi gli appartamenti reali.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • attenzione

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

10 luoghi assolutamente da visitare a Creta

Creta è la più grande delle isole greche a sua volta circondata da isole e isolotti di grande bellezza. Ricchissima di siti archeologici offre ai suoi visitatori una natura ancora per molti versi incontaminata a partire dal mare cristallino fino alle...
Europa

Creta: cosa vedere

L'estate si avvicina e se state iniziando a progettare una bella vacanza, non potete non prendere in considerazione la Grecia. Molte sono le mete interessanti che questa terra ci offre, in questa guida andremo a spiegare nel particolare cosa vedere a...
Europa

Come visitare Creta in 3 giorni

Se il lavoro vi stressa tutto l'anno e non avete nemmeno quelle due-tre settimane di ferie in estate che vi permettono di staccare, non disperate! Se il vostro capo vi concederà al massimo tre giorni di vacanza, potrete sfruttarli al meglio per visitare...
Europa

Come visitare Creta

Creta è una delle più grandi isole del mar Mediterraneo, la quinta per dimensioni dopo la Sicilia, la Sardegna, la Corsica e Cipro. Situata all'estremo sud dell'Europa gode di un clima mite per gran parte dell'anno. L'isola conserva ancora il fascino...
Europa

Come organizzare un viaggio a Creta

Creta è la più grande isola della Grecia, situata a sud della penisola tra il Mediterraneo e il Mar Libico è anche la quinta isola in ordine di grandezza del Mare Nostrum. È un'isola davvero fantastica dove, a seconda delle stagioni, potrete ammirare...
Europa

I 5 posti più belli di Creta

Se desiderate rimanere in Europa, ma comunque fuori dall'Italia, una scelta certamente di grande successo potrebbe essere la Grecia, la quale comprende tantissime isole. In particolare, Creta è una delle più belle isole della Grecia ed è anche quella...
Europa

Guida: visitare le isole greche

La Gracia è un territorio molto affascinante e da sempre rappresenta una meta turistica molto gettonata. Mare cristallino, splendide spiagge assolate, storia, cultura ed un'ottima cucina caratterizzano le isole greche di Creta, Mykonos, Santorini e Rodi...
Europa

Creta: come visitarla in 6 giorni

Per chi ama visitare le molte isole sparse nel mondo, dove possiamo ammirare magnifiche spiagge e un mare stupendo. Il Mediterraneo ci offre mete stupende come le famose spiagge di Creta meta di molti turisti. Creta: come visitarla in 6 giorni. Grazie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.