Come visitare Fossombrone

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Se si va in vacanza nelle Marche è consigliabile visitare i piccoli e pittoreschi paesini che si incontrano lungo le strade. Uno dei più belli e turistici è Fossombrone. Fossombrone è un comune della provincia di Pesaro e Urbino e conta poco meno di diecimila abitanti. Geograficamente è situato al centro della val Metauro, poco prima della Gola del Furlo, sede di ritrovamenti di origine romana antica. Si tratta di un paesino principalmente medievale in cui è possibile visitare sia la Cittadella sia i resti della antica roccaforte. Il nome del paesino deriva quasi sicuramente da origini romane: si tratta infatti dell'antico centro romano legato a Gaio Sempronio Cracco. Sono sicuramente da visitare i molteplici capolavori architettonici, sia civili sia religiosi. Vediamo insieme in questa pratica guida come visitare Fossombrone.

27

Occorrente

  • Mappa del paese
  • Scarpe comode
  • Macchina fotografica
37

Innanzitutto, la prima cosa che dovrete fare è quella di visitare la famosa e bellissima Chiesa di San Filippo, la quale risale al 1600 ed è situata precisamente sul lato sinistro del corso. Avrete modo di apprezzare ed ammirare la facciata, la quale risulta essere rimasta incompleta con pregiati rilievi marmorei, invece al suo interno potrete osservare uno stile barocco e stucchi lignei incisi da Tommaso Amantini. Questa particolare chiesa, viene spesso utilizzata per concerti e manifestazioni di tipo artistico-culturali. Sempre nelle vicinanze, potrete ammirare la chiesa di sant'Agostino, la quale presenta una facciata a capanna caratterizzata da due finestre del seicento. Il portone è interamente di legno e possiede le statue di Sant'Agostino e Santa Monica, mentre l'interno presenta l'altare principale dell'800 e altissime colonne.

47

In seguito, potrete recarvi al Palazzo Vescovile, costruito nel 1500 circa. L'edificio è il risultato del disegno di Domenico Rosselli, anche se oggi è notevolmente cambiato rispetto all'assetto originario. Apprezzerete sicuramente la facciata a bugnato, che ancora mostra l'antico stile rinascimentale, e bifore con timpani triangolari e semicircolari. Lo stile vi lascerà senza fiato e potrete scattare delle straordinarie fotografie se siete appassionati.

Continua la lettura
57

Visitate, inoltre, il Palazzo Ducale. L'edificio fu costruito nel 1500 da Francesco di Giorgio Martini e Girolamo Genga, il quale si distingue per la presenza di un cortile a soppalco, di stile rinascimentale, all'interno del quale trovano posto un pregiato ballatoio, un ninfeo eretto da Ludovico Carducci, e una piccola cappella, appartenente al cardinal Giuliano. Il palazzo merita una visita di mezza giornata in modo da essere apprezzato a pieno.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Sfruttate le giornate primaverili per la visita
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare Montepulciano

Ecco una guida, pratica e veloce, mediante la quale poter imparare come e cosa fare per visitare nel modo corretto la città di Montepulciano, una città che è molto bella non solo da vedere ma anche da vivere ed ammirare, per le sue meraviglie, per...
Europa

Come e cosa visitare a Narni

Narni è una piccola ma bella cittadina nel cuore dell'Umbria, a Terni. Si tratta di una città abitata fin dall'era neolitica, con le prime costruzioni importanti nate nel 300 av. Cristo per opera dei romani, ma la città è realmente sbocciata durante...
Europa

Come visitare Tiggiano

Tiggiano è un comune Italiano di circa 3000 abitanti situato nella provincia di Lecce in Puglia. Si trova nel basso Salento, precisamente nella costa orientale. Non sono presenti spiagge di sabbia ma solo scogli alti e rocciosi. Le origini di questo...
Europa

Come visitare Cascia in Umbria

Nel sud del territorio della provincia di Perugia, in Umbria, si trova il paesino di Cascia. Noto per aver dato i natali a Santa Rita, è un paesino di poco più di tremila abitanti. Ogni anno è meta di pellegrinaggio di numerosi fedeli. Nel verde dell'Umbria...
Europa

Come visitare Castiglion Fiorentino

Castiglion Fiorentino è una città medievale situata in provincia di Arezzo, nei pressi di Cortona. È un luogo piuttosto popoloso ed è stato la scenografia delle scene iniziali di un film notissimo: "La vita è bella". Ricco di chiese medioevali, rovine...
Europa

Come visitare Visso

Visso è un piccolo comune posto sui Monti Sibillini nelle Marche che vale la pena visitare. È importante come centro culturale grazie ai numerosi monumenti di carattere religioso e reperti risalenti addirittura all'epoca romana. Dopo la proclamazione...
Consigli di Viaggio

Come e perchè visitare Spoleto

Spoleto è un'incantevole cittadina che sorge sul colle Sant'Elia, nei pressi della Valle Umbra. Una romantica perla incastonata nel verde puro della natura. Qui il tempo sembra essersi fermato ai tempi dell'Alto Medioevo. Ma vi sono anche testimonianze...
Europa

Come E Cosa Visitare A Como

Como è un luogo di soggiorno la cui rilevanza è dovuta fondamentalmente alla propria disposizione sulle rive dell'omonimo lago, richiamato anche dal famoso romanzo di Alessandro Manzoni ne "I promessi sposi". Durante i mesi di luglio ed agosto, è possibile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.