Come visitare I Castelli Di Quart, Nus, E Fénis

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

I castelli medievali sono uno degli aspetti più caratteristici della Valle D'Aosta. Solitamente edificati in zone di straordinaria bellezza paesaggistica, da feudatari più o meno riottosi, hanno subito anni di trasformazioni, ingrandimenti, passaggi di proprietà, fino all'abbandono totale tra il XVII ed il XVIII secolo, lasciandoci preziose testimonianze storiche ed architettoniche. In questa guida, proponiamo un itinerario particolarissimo che vi condurrà alla scoperta dei meravigliosi castelli di Quart, Nus e Fénis, tre interessanti località poco distanti da Aosta. Vediamo insieme come visitare questi manieri medievali.

25

Il Castello di Quart prende il nome dall'omonima località, e significa "quarto miglio", ovvero l'effettiva distanza dal paese al capoluogo della regione. La parte più antica del maniero risale al 1185. Edificata dal capostipite della locale signoria Jacques de la Porte de Saint Ours, aveva funzioni prettamente difensive. In epoche diverse, il castello subì varie modifiche, tra le quali quella più significativa fu durante il periodo di occupazione dei Savoia (1378-1550). Nel 1874 il maniero fu venduto ad una famiglia privata e trasformato in una cascina perdendo molto del suo carattere originario. Attualmente è in via di restauro, ma al termine, ospiterà il Museo Etnografico Valdostano. Sotto il castello, si trova il villaggio di Vollen, dove nel 1968 sono stati rinvenuti dei resti di un'antica necropoli del neolitico.

35

Nus è un comune della media valle sovrastato dall'omonimo castello, conosciuto anche come Castello di Plane. Descritto come una dimora confortevole, con giardini ed ampi spazi, impreziosito da lavori di affresco settecenteschi, non è ancora possibile stabilirne con certezza la data di costruzione. Con molta probabilità si pensa risalga a prima del XIII secolo. Nel tempo, il maniero subì delle modifiche soprattutto a seguito di un incendio scoppiato intorno al 1595. Ciò permise di aggiungere alla pianta originaria anche un torrione circolare. Con l'estinzione della famiglia dei Nus, nel XIX secolo, il castello cominciò ad andare in rovina. In tempi recenti l'amministrazione comunale si è adoperata per il restauro ed il recupero del maniero.

Continua la lettura
45

Fénis è un borgo di stampo medievale che conserva un famoso castello che fu di proprietà degli Challant. A differenza degli altri manieri, situati sulla cima di una roccia, quello di Fénis si trova sulla sommità di una collinetta. L'edificio risale al 1242, fu trasformato, nel 1340 da fortezza a sfarzoso palazzo da Aimone di Challant che ne fece la sede di rappresentanza di famiglia. Noto per l'architettura scenografica, è protetto da una doppia cinta muraria merlata, usata per intimidire e stupire la popolazione. Meta turistica, attrae non solo per la struttura ma anche per le opere pittoriche del cortile interno e della cappella, commissionate al pittore piemontese Giacomo Jaqueno. Il castello è ora proprietà dell'amministrazione regionale e può essere visitato solo accompagnati da una guida.

55

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Castelli d'Italia da visitare

I castelli risalgono a tempi definiti che variano sia dai primi anni dopo Cristo, che fino a qualche secolo fa. Le visite ai castelli sono sin da sempre un ottimo modo per unire il piacere alla conoscenza della storia del nostro meraviglioso bel Paese....
Italia

Che cosa visitare in Valle d'Aosta in una settimana

La Valle d'Aosta è una delle regioni più belle d'Italia nonostante le sue dimensioni ridotte. Indissolubilmente legata alle Alpi e porta per la Francia, la Valle d'Aosta è un vero gioiello. Si trova ogni sorta di attrazione da quella naturale come...
Italia

I castelli più belli d'Italia

Se c'è una cosa di cui l'Italia può andare fiera è il suo sconfinato patrimonio artistico e culturale. L'Italia è dimora di secoli di storia, che lasciarono sul territorio una ricchezza impareggiabile. Maggiori testimoni di ciò sono le centinaia...
Italia

Vacanze green in Valle d'Aosta

Vacanze in Valle d’Aosta. Un tesoro tutto da scoprire, laddove l’evoluzione tecnologica dell’uomo non è riuscita ad arrivare, permettendo di conservare i tesori che la terra ci ha donato. Qui, la regione più piccola d’Italia, risulta, a coloro...
Italia

I 5 castelli più belli di Italia

L'Italia è un paese ricco di storia e di posti magnifici, anche se spesso non ce ne rendiamo conto e tendiamo a sottovalutare questo aspetto. Per un weekend romantico, una gita fuori porta o semplice curiosità una meta davvero amata sono i castelli:...
Consigli di Viaggio

Camper: i migliori itinerari in Italia

La vacanza in camper, viaggiando a contatto con la natura, vivendo all'aria aperta e gustando il senso di libertà, non è più un piacere solo per gli appassionati di questa forma di turismo ma un nuovo trend che, già da tempo, si è diffuso tra le...
Europa

Le 10 cose da vedere a Valencia

Valencia è una bellissima città di circa 800 mila abitanti. Fondata dai romani nel 138 a. C., è una delle città più importanti del Mediterraneo. Gli ampi viali di palmeti e ficus abbracciano il quartiere antico, con dimore gotiche ed eleganti patii....
Consigli di Viaggio

I castelli più belli della Germania

La Germania è una terra nota per grandi castelli e maestose dimore: sono spesso collocate in scenari magici e poetici, come tra i monti o in fitte foreste. Il tutto serve a rendere ancor più fiabesco del necessario la maestosità di questi manieri,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.