Come visitare i principali parchi e riserve dello Swaziland

di Alessandro Spasiano tramite: O2O difficoltà: media

Lo Swaziland è un paese relativamente piccolo dell'Africa del sud, al confine con il Mozambico, un luogo dove non c'è spazio per il turismo di massa. Qui è possibile partecipare a safari privati per scoprire i rinoceronti bianchi e neri, i leoni, le giraffe, le zebre e gli gnu. I parchi e le riserve naturali in Swaziland ospitano infatti una varietà impressionante di animali selvatici; ma ciò che rende questo paese diverso dalle altre destinazioni è la possibilità di fare esperienze di esplorazione della fauna selvatica più nascosta e di ammirare incantevoli paesaggi naturali incontaminati. Ma ora vediamo come visitare i principali parchi e riserve dello Swaziland.

1 Per iniziare il nostro tour, dovremo raggiungere lo Swaziland, e per farlo potremo utilizzare l’aereo, che è il mezzo più veloce ed in alcuni casi anche il più economico per viaggiare. In questo caso, l'aeroporto di riferimento è quello internazionale di Johannesburg (Sudafrica), situato a soli 10 km dal centro della città e perfettamente servito sia dalle compagnie aeree di bandiera che da quelle low cost.

2 Una volta giunti in Swaziland, il posto più semplice da raggiungere per vedere un'ampia gamma di flora e fauna è il Mlilwane Wildlife Sanctuary, situato nella Ezulwini Valley. Si tratta di una riserva privata il cui ingresso costa 25 €, totalmente giustificato dalla bellezza dei paesaggi e dall'avvistamento dell'aquila nera, molto raro da vedere. L'ingresso si trova sulla vecchia strada che collega Mbabane a Manzini, che sono le principali città dello Swaziland.

Continua la lettura

3 Il posto più popolare per i sentieri escursionistici è sicuramente il Malolotja Nature Riserve, che comprende una rete di sentieri di circa 200 km, rendendo tale riserva un'eccellente meta per le passeggiate nonché un vero paradiso per i cultori dell'avifauna.  La riserva è attraversata da torrenti e fiumi che danno origine a spettacolari e suggestive cascate e rapide, in cui poter fare rafting.

4 Da visitare anche il Mkhaya Game Riserve perché, oltre alle varie specie faunistiche, ospita il famoso e raro rinoceronte nero. La riserva si trova sulla strada tra Manzini e Big Bend, in prossimità del villaggio di Phuzumoya, il posto è dotato di un campo, dove pernottare per la notte, che ricorda un vecchio accampamento di caccia del secolo XIX con sistemazioni in cottage fatti di pietra e paglia. Meritano altresì una visita il Parco Nazionale di Hlane ed il Mbuluzi Nature Riserve.

Guida alle riserve naturali in Australia L'Australia è uno dei paradisi terresti tra visitare almeno una ... continua » Le 5 riserve naturali in Sicilia da visitare in estate La Sicilia è una regione stupenda ricca di siti turistici straordinari ... continua » Repubblica Ceca: guida ai migliori parchi naturali Viaggiare è un'attività che affascina molti. Visitare località nuove e ... continua » Guida ai parchi del Kenya Per gli amanti della natura e degli animali la vacanza non ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come visitare Gorgona

Famosa per la ricchezza di specie animali e vegetali che ospita, Gorgona, nel cuore della Colombia, è diventata la meta di moltissimi ambientalisti e appassionati ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.