Come visitare il castello di Pandino

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il castello di Pandino è sempre stato considerato uno uno dei più importanti esempi dell'architettura del trecento; presenta delle mura fortificate e lo stile dell'architettura risale al periodo dei Visconti, in cui le esigenze difensive e residenziali erano curate alla perfezione. Il castello è costruito a nord-est della città, all'interno di antiche mura, circondato da un fossato e con un design semplice e quadrato. Ogni lato misura 66 metri, presenta inoltre, quattro torri angolari quadrate ed è completamente costruito in mattoni, ha un marcapiano che divide visivamente le pareti in due livelli, che sono punteggiate di finestre singole e doppie. Le torri sono divisi in tre livelli, con una singola finestra al primo piano e una doppia finestra sulle altre due. I due ingressi sui lati sud e nord sono sottolineate dalla presenza di rivellini, che interrompono la scorrevolezza della facciata. Ecco come visitare il castello di Pandino!

25

Come raggiungere il castello di Pandino

Per visitare il castello di Pandino, dovrete raggiungere la zona di "Gera d'Adda". Tale zona dista circa 20 chilometri dalla città di Milano. Potrete raggiungere la fortezza, a bordo di una vettura. Partendo da Milano, dovrete percorrere la SS415 fino a Spino d'Adda. Giunti qui seguite le indicazioni stradali ed arriverete alla vostra meta.

35

Visitare l'interno e l'esterno del castello

Nel visitare il castello di Pandino, noterete che oggi ospita gli uffici comunali, la Biblioteca civica ed il convitto della locale Scuola casearia professionale. La costruzione ha una pianta quadrata ed ha quattro torri quadrate angolari. L'esterno ed il cortile li potrete visitare tutti i giorni. Per l'interno, invece, occorre la prenotazione. Il costo del biglietto d'ingresso è di circa 4,00 euro a persona! Nell'ammirare tale castello potrete approfondire le caratteristiche dell'architettura fortificata viscontea trecentesca. Particolarmente interessanti da vedere, sono gli affreschi che decorano ancora oggi, il portico e la loggia del castello.

Continua la lettura
45

Osservare gli affreschi sulle pareti

Nel visitare il castello di Pandino, salendo al piano superiore entrate nel salone della fortezza. Qui osserverete una sorprendente decorazione, posta sulle pareti. Raffigura un porticato visto in profondità. Riproduce l'effetto di sfondamento della parete! Sulle pareti delle altre stanze, potrete notare la presenza un po' dovunque degli stemmi. In posizioni alterne, infatti, si susseguono gli stemmi del biscione visconteo e della scala, in onore dei signori che costruirono l'edificio. All'esterno del castello, potrete osservare le ampie bifore in cotto, e la curiosa disposizione dei due ingressi. Gli ingressi, collocati in posizione antisimmetrica, sono uno spostato sulla destra dell'edificio mentre l'altro è sulla sinistra.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare Lecco

Questa è una breve guida di come visitare Lecco.Lecco è un comune italiano di 48.131 abitanti, sorge su un deposito alluvionale, in una conca delimitata dalle Prealpi e dal lago Lario, nel punto in cui il Lario finisce e l'Adda riprende il suo corso....
Italia

Come visitare i dintorni di Milano

Abbiamo deciso di proporvi questa guida, che vuole essere un aiuto concreto, per tutti coloro che amano viaggiare e vivere a contatto con le città che non si conoscono. Nello specifico vogliamo aiutare tutti costoro, a capire come poter visitare i dintorni...
Consigli di Viaggio

I più bei borghi medievali della Toscana

La Toscana è una delle regioni più belle d'Italia. Visitarne solo le città più famose, senza perdersi tra le stradine dei piccoli borghi medievali di cui è piena, significa privarsi di ciò che attrae ogni anno milioni di turisti. Vediamo insieme...
Italia

Come visitare la città di Lodi

Lodi è una città con 50 mila abitanti, capoluogo dell'omonima provincia della Lombardia. Situata nella zona centro meridionale della Lombardia, presso il fiume Adda, venne fondata ufficialmente dall'Imperatore Federico Barbarossa, anche se già esisteva...
Italia

Le più belle città medievali d'Italia

L'Italia è uno dei paesi più belli che esistano, ricco di storia e di piccole citta' medievali sopravvissute fino ad oggi, visitabili, e dove si puo' trascorrere il tempo in totale rilassatezza e godendo dell'ospitalita' degli abitanti. Il Medioevo...
Italia

I 10 borghi più belli del Centro Italia

Come tutti ben sappiamo, l'Italia dispone di un patrimonio storico, artistico e culturale da far invidia a tutto il mondo. Non vi sono solo le grandi città ricche di monumenti storici, ma anche centri più piccoli, lontano dal caos della città, ma ciò...
America del Nord e Centrale

Dieci cose da fare a New York

New York è una delle città più grandi e spettacolari al mondo, ricca di paesaggi naturali, attrazioni, parchi, luoghi di grande interesse, storia, tradizione e spettacolo. Per visitare la Grande Mela al completo non bastano pochi giorni, ma sappiamo...
Consigli di Viaggio

10 idee per una gita fuori porta da Milano

Milano, da molti ritenuta soltanto la fredda e inquinata capitale del business italiano, è in realtà una città che ha molto da offrire anche ai turisti, sia al proprio interno che nei dintorni. Questi offrono una buona scelta di opzioni, adatte sia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.