Come visitare il Grand Canyon

di Angela Di Letizia tramite: O2O difficoltà: media

Nell'Arizona settentrionale esiste una gola naturale scavata dal fiume Colorado intrisa di storia e di suggestivi paesaggi: è il Grand Canyon che con i suoi 1600 metri di profondità spiazza qualsiasi visitatore. Il Grand Canyon rappresenta una delle mete d'obbligo se si effettua un viaggio negli Stati Uniti, ma merita anche come meta da raggiungere appositamente. Vediamo insieme come organizzarsi al meglio per visitare questa inestimabile ricchezza.

1 Come arrivare: auto a noleggio Per arrivare alla nostra meta è conveniente spostarsi dai due principali aeroporti, il McCarran International di Las Vegas o lo Sky Harbor International di Phoenix, con una macchina a noleggio. Questa rappresenta la scelta migliore per coloro che vogliono immergersi completamente nell'atmosfera magica del Grand Canyon, alloggiando magari in uno degli alberghi della zona.

2 Come arrivare: l'Air tour Una valida alternativa per raggiungere la nostra meta e senza dubbio più suggestiva è rappresentata dall'air tour in Partenza da Las Vegas. A bordo di piccoli aerei da 10 posti o di elicotteri, si raggiunge il parco nazionale del Grand Canyon attraversando le sue profonde gole e godendo di un paesaggio da togliere il fiato.

Continua la lettura

3 Cosa visitare La conformazione naturale del paesaggio vi dà l'opportunità di scegliere diverse zone da visitare.  Ad esempio, se amate i paesaggi grandiosi ma non particolarmente le altezze, il Canyon West fa al caso vostro.  Approfondimento Come e quando visitare il Grand Canyon National Park (clicca qui) Esso si trova all'interno della Riserva degli indiani Hualapai, nella quale potrete venire a contatto con questa antica popolazione.  Se invece amate l'avventura e le esperienze estreme, nella stessa zona potrete trovare il cosiddetto "marciapiede volante", un angolo panoramico dal quale potrete ammirare le gole da un punto di vista privilegiato, ma adrenalinico.

4 Dove alloggiare Se decidete si pernottare in zona, magari per godersi a pieno i meravigliosi tramonti e le spettacolari albe, si può optare tra due aree, in base alle proprie esigenze. South Rim (bordo sud) è la zona più turistica, sicuramente più attrezzata, con alberghi, ristoranti e centri visitatori. Qui si trova il Desert Point, una torre di osservazione decorata con murales di leggende indiane. North Rim invece (bordo nord) è decisamente la zona più tranquilla e meno turistica, infatti chiude da ottobre a metà maggio. Si trovano comunque strutture alberghiere anche se più piccole e questa è la zona da prediligere se ci si vuole immergere nella natura, dedicandosi all'escursionismo zaino in spalla. Concludendo, qualsiasi sia il modo che si sceglie per raggiungere il Grand Canyon e per visitarlo, sarà sicuramente una delle esperienze più belle della vostra vita.

Stati Uniti: itinerario coast to coast Tra i sogni nel cassetto, di sicuro quasi tutti hanno desiderato ... continua » USA: dove andare in vacanza a luglio Il mese di luglio è probabilmente uno dei periodi migliori dell ... continua » Arizona: cosa visitare Negli ultimi anni il turismo diretto verso gli stati del Sud ... continua » Come muoversi sul Grand Canyon in Arizona Vasto, imponente ed incredibilmente bello: il Grand Canyon in Arizona è ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Utah: cosa visitare

Lo Utah offre alcuni dei paesaggi più belli che si possono trovare negli Stati Uniti e per questo vale la pena visitarlo almeno una volta ... continua »

USA: West Coast cosa vedere

La West Coast USA comprende gli stati della: California, Nevada, Utah e Arizona. Questo tratto di costa che si affaccia sull'Oceano Pacifico è davvero ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.