Come visitare il Planetario di Milano

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Per visitare il Planetario di Milano, collocato all'interno di una costruzione neoclassica avente un'enorme cupola e vicino al Museo Civico di Storia Naturale, è necessario recarsi nei giardini di Via Palestro in zona Porta Venezia: questo edificio venne progettato dall'architetto Piero Portaluppi su richiesta dell'editore svizzero Ulrico Hoepli (che lo regalò alla città di Milano nell'anno 1929) e fu inaugurato l'anno successivo (1930). Nella seguente semplice e pratica guida esplicata dettagliatamente nei passaggi susseguenti, vi spiegherò esaustivamente come bisogna visitare il Planetario di Milano!!!

26

Struttura

Il Planetario di Milano è a forma ottagonale e, al proprio interno, è presente la più estesa sala di proiezione: la sua cupola di riproduzione ha un diametro di circa "20 m", ricopre una superficie di "600 m^2" (metri quadrati) e dispone di 320 posti a sedere. Il suo obiettivo consiste nel far apprezzare l'astronomia e le proprie scienze agli studenti ed a tutti coloro che desiderano capire i misteri del cielo; durante l'anno, sono previsti degli incontri, delle conferenze e dei laboratori dove gli esperti d'astronomia: forniscono delle chiare e dettagliate informazioni sulle stelle, sui pianeti, sulle galassie e sulle costellazione; rispondono ad ogni tipologia di curiosità e domande dei visitatori.

36

Come raggiungerlo

Il Planetario di Milano può essere raggiunto con la metropolitana (utilizzando la linea rossa "1"), il treno (scendendo alla Stazione di Porta Venezia poco distante dal fabbricato, alla Stazione Centrale, alla Stazione di Piazzale Cadorna oppure alla Stazione di Porta Garibaldi, dove dovrete prendere prima la linea verde "2" della metropolitana fino a Loreto e poi la linea rossa "1" fino a Porta Venezia) o la vostra automobile (poiché nella zona è presente un parcheggio a pagamento).

Continua la lettura
46

Meteoriti

Appena entrerete nel Planetario di Milano, dovrete assolutamente: ammirare l'esposizione di meteoriti nell'atrio; scendere nella sala circolare coperta dalla cupola, dove vedrete lo strumento planetario (gigantesco proiettore di Zeiss Modello IV, istallato nel 1968), grazie a cui viene riprodotta la volta celeste, vengono proiettate le stelle ed i corpi celesti sopra uno schermo costituito da pannelli d'alluminio forato, e viene mostrato il cielo sotto differenti latitudini (consentendo cosi, ai visitatori, di osservare il sorgere ed il calare degli astri da ogni punto del pianeta e durante le varie stagioni).

56

Sistema multimediale

Il Planetario di Milano è dotato di un sistema multimediale davvero sofisticato (con tre videoproiettori aventi due laser comandati attraverso un computer), che è capace di creare e trasmettere delle fotografie, dei disegni, delle riprese e degli effetti speciali rendendo molto realistico l'immagine dell'intero universo.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare lo Zodiaco ed il planetario astronomico di Roma

Roma si sa è una grande città, molto vasta e ricchissima di belle cose da vedere, e luoghi storici in cui fare un vero tuffo in un passato. Ma, la maggior parte delle persone che vengono da fuori di solito visitano i monumenti famosi, i posti noti,...
Asia

Come visitare il Space Museum a Hong Kong

The Hong Kong Space Museum, è un museo di astronomia e scienza spaziale situato in Tsim Sha Tsui, in Hong Kong. L'idea del planetario, fu originariamente proposta nel 1961 dalla giunta comunale di Hong Kong. Dieci anni dopo quest' importante data, l'...
Europa

Cosa fare a Mosca con i bambini

Il mondo è pieno di posti fantastici e indimenticabili da visitare, e non è vero che portare con sé dei bambini rallenti o condizioni eccessivamente un bel viaggio. Una località che merita assolutamente di essere vista, a maggior ragione se avrete...
Sudamerica

Guida ai musei di Rio de Janeiro

La sabbia meravigliosa di Copacabana, le statue a tema religioso messe sulle alture, le strade colorate, i palazzi di lusso, l'allegro carnevale e le Favelas inquietanti rivelano tantissimo di Rio de Janeiro. Si tratta di una città che si espande in...
America del Nord e Centrale

Concord: cosa visitare

La città più popolosa è Manchester tutte le altre sono sotto i 100.000 abitanti. La città, fondata nel diciottesimo secolo ma già abitata dalla tribù indiana degli Abenaki, si trova nella contea di Merrimack, una delle dieci del "Granite State"....
Italia

Come arrivare a Orio Al Serio

Orio al Serio, comune in provincia di Bergamo, è molto conosciuto in quanto sede dell'aeroporto che, dal 2010, per numero di passeggeri, risulta essere il quarto scalo in Italia e, proprio per l'alta frequentazione di persone che transitano tra lo scalo...
Europa

Come organizzare un viaggio a milano

Simbolo della moda e del design, Milano, con le sue vie spesso grigie, le sue improvvise esplosioni di colori e vitalità, è la città dove è più facile imbattersi in un mix di modelle ed eleganti uomini d'affari. È una metropoli moderna, dominata...
Europa

Come raggiungere il Duomo di Milano

Una delle attrazioni turistiche sicuramente più belle di tutta la Lombardia è senza alcun dubbio il Duomo di Milano: imponente, splendido, particolarmente affascinante per una serie di motivi che molti di voi scopriranno solo quando lo visiteranno di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.