Come visitare il sud Sardegna: Pula, Tharros e Chia

di Ercole Cimbalo tramite: O2O difficoltà: media

Tra le tante terre meravigliose presenti in Italia, la Sardegna è sicuramente una di quelle più degne di nota e che non si può non vedere almeno una volta nella vita. Se il Nord dell'isola, con la celebre Costa Smeralda, è abbastanza famoso, il Sud è ancora tutto da scoprire. Un mare trasparente, paesaggi mozzafiato, calma, bellezza assoluta, sono le caratteristiche di questa zona e se non siete amanti dei luoghi troppo turistici allora troverete nel Sud della Sardegna il posto ideale per voi. In questa guida ci concentreremo su tre luoghi particolarmente belli e affascinanti. Vedremo in particolar modo come visitare Pula, Tharros e Chia. Qui le spiagge non sono mai troppo affollate, e vi permetteranno di godervi pienamente un meritato riposo di fronte a una distesa di acqua di un sorprendente verde smeraldo. L'interno rivela invece la parte più selvaggia, ma altrettanto bella, della Sardegna in cui troverete paesini caratteristici e boschetti di eucalipti, querce e ginepri.

Assicurati di avere a portata di mano: Costume da bagno, vestiti comodi, scarpe da ginnastica, macchina fotografica

1 La cittadina di Pula si trova in provincia di Cagliari, capoluogo della regione. Potrete arrivarci in nave e poi noleggiare un auto per arrivare facilmente e in poco tempo a Pula. Le spiagge bianche sono sicuramente una delle attrazioni principali di questo luogo: le più conosciute sono quelle di Santa Margherita di Pula e quella di Nora. Non dimenticate però che, dopo una bella giornata di sole e mare, potrete percorrere le vie della cittadina e fermarvi ad assaggiare le specialità locali nei numerosi negozi di prodotti tipici. Pula offre ai turisti anche molte iniziative culturali che potrete scoprire consultando i programmi degli uffici del turismo.

2 Spostatevi quindi verso la città di Oristano. Nel territorio di questa provincia, precisamente nella penisola del Sinis, troverete Tharros, celebre soprattutto per degli importanti siti archeologici. L'area che gli scavi hanno portato alla luce rivela tracce di vita risalenti fino all'VIII secolo dopo Cristo. Si tratta di un museo all'aperto, che mostra reperti storici davvero belli e affascinanti. Tutto questo circondati da un paesaggio bellissimo. Nonostante l'aspetto culturale sia quello prevalente a Tharros, troverete anche qui un mare meraviglioso e nessuno vi impedirà di farvi una bella nuotata dopo aver passato la giornata al sito archeologico.

Continua la lettura

3 Tornando nella zona di Cagliari, potrete trovare Chia, cittadina che sorge su una baia detta Golfo degli Angeli.  L'elemento principale qui sono la spiaggia e il mare.  Approfondimento Come visitare il sito archeologico di Nora (clicca qui) Subito dietro la costa, il paesaggio si fa collinare, brullo e selvaggio.  La vegetazione è fatta principalmente di arbusti e ricorda quella delle zone aride.  Anche qui è presente un sito archeologico di notevole importanza, che mostra le rovine dell'antica città di Bithia e ci troviamo in una zona particolarmente bella da percorrere.

Come visitare Nora in Sardegna Come visitare Nora: è una cittadina molto antica, le sue origini ... continua » Come visitare la penisola del Sinis Come visitare la Penisola Del Sinis: si tratta di una penisola ... continua » Le migliori strade panoramiche italiane Se si decide di fare un viaggio in Italia spostandosi con ... continua » Come e cosa visitare in Sardegna: le spiagge della Penisola del Sinis La Sardegna è una delle isole più grandi e più belle ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come Muoversi in Sardegna

La Sardegna, regione meravigliosa in mezzo al mediterraneo è conosciuta dai turisti per le spiagge splendide, però offre anche degli itinerari stupendi, favolosi paesaggistici storici ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.