Come visitare la chiesa di San Giovanni Battista a Bressanone

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

In questa guida vedremo come visitare la chiesa di San Giovanni Battista a Bressanone. Vedremo anche come visitare l'importante chiostro che si trova nella piazza del Duomo e anche alcune caratteristiche o meglio, alcuni dettagli che presenta il Duomo. Denominata anche Battistero, è la più antica cappella di corte del palazzo vescovile, decorata di un complesso di *affreschi di alta qualità e di notevole importanza. La chiesa è costituita da una navata rettangolare altissima, già suddivisa in due piani, coperta da una volta a botte e illuminata da 4 piccole finestre, due per piano. Dall'arco trionfale si accede al piccolo presbiterio terminante in un'absidiola semicircolare.

25

Iniziamo dal Duomo. Qui troviamo il Transito di Maria di Michelangelo Unterperger (sull'altare maggiore di Teodoro Benedetti) e il Martirio di San Casiano di Paul Troger (transetto sinistro). Il chiostro, cui si accede dalla piazza, non fu toccato quando si mise mano al rifacimento barocco del Duomo.

35

È rimasto quello costruito in forme romaniche alla fine del dodicesimo secolo e modificato nel 1370 con la realizzazione di volte a crociera. Solo 15 delle 20 campate furono ornate di affreschi tra la fine del quattordicesimo secolo e durante il quindicesimo secolo: vi lavorarono Leonardo da Bressanone, Giovanni e Cristoforo.

Continua la lettura
45

Una cappella battesimale: questo, è in realtà, la chiesa di San Giovanni Battista, romanica. Nella parte superiore della navata è decorata da notevoli affreschi del tredicesimo secolo. Della stessa mano sono le pitture eseguite nel 1216 nel sottotetto della chiesa di Nostra Signora in Ambitu. Il complesso del Duomo medievale.

55

La navata venne coperta nel 1400 circa con la volta a crociera attuale. L'interno Gli affreschi della cappella superiore sono del 1200 circa e rappresentano sulle due pareti principali le allegorie del trono di Salomone e del trono della Sapienza cristiana; sulle pareti, teorie di santi. Nella chiesa inferiore del 1400 circa: fra essi 5 episodi della leggenda di S. Erasmo; nel presbiterio, a sinistra, affreschi di stile lineare databili al 1350: nel sottarco, i Ss. Pietro, Ingenuino e Albuino; il martirio di S. Giovanni Evangelista e la decapitazione del Battista; nel transetto, parete est, S. Cristoforo; su quella nord, Crocifissione, Adorazione dei Magi e, in basso, santi entro arcata; sulla parete ovest, triadi di sante e santi su tre registri sovrapposti. Nell'abside, un affresco (Cristo in pietà) del 1410-20 circa; sotto, Madonna col Bambino tra i Ss. Giovanni Evangelista e Battista. Sulla parete di destra, Disputa di S. Caterina, della stessa epoca.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Viaggio

Come visitare Gubbio

Come visitare Gubbio: è una città italiana dell'Umbria, precisamente si tratta di un territorio della provincia di Perugia e conta circa 32220 abitanti. Famosa per essere parte attiva delle Associazioni "Città del Tartufo", "Città della Ceramica"...
Italia

Guida alle Chiese di Torino

Guida alle Chiese di Torino. Vedremo in questa sede di indicare ai turisti, ma anche ai residenti, quali sono le Chiese di Torino che davvero non si può fare a meno di conoscere.La città di Torino, un tempo Augusta Taurinorum, accoglie alcune delle...
Europa

Come visitare Il Borgo Di Garbagna

Uno dei Borghi più belli borghi d'Italia è Garbagna, in provincia di Alessandria, conosciuta sia per l'artigianato dei mobili antichi sia per la coltivazione delle prestigiose " Ciliegie di Garbagna". Parte del fascino di questo comune è racchiuso...
Europa

Come visitare Via Portici Maggiore a Bressanone

L'Italia è piena di piccoli paesi che vale la pena visitare almeno una volta nella propria vita. La caratteristica principale è che ancora si può respirare l'aria e il sapore dei tipici paesini medievali, arroccati su colline e che conservano ancora...
Europa

Come e perché visitare il Duomo di Siena

Se avete in programma un viaggio in Toscana, ecco come  e perché visitare il Duomo di Siena. La cattedrale metropolitana di Santa Maria Assunta, meglio conosciuta come il Duomo di Siena, è un gioiello di architettura in stile romano-gotico italiano,...
Italia

Le 10 cose da vedere a Torino

Il turista in visita a Torino avverte subito di trovarsi in un ambiente urbano alquanto diverso da quello di altre città. Ciò è grazie a quel tono dignitoso e signorile che l'ordinato impianto urbanistico a larghe vie incrocianti ad angolo retto, a...
Consigli di Viaggio

Come visitare il Duomo di Firenze

Per gli appassionati dei viaggi nel centro Italia la Toscana è sicuramente una regione bellissima e affascinante da visitare. Firenze, il capoluogo della Toscana, è una città molto conosciuta ed amata sia in Italia e sia all'estero grazie ai suoi capolavori...
Consigli di Viaggio

5 motivi per fare un weekend a Breslavia

Breslavia, cittadina polacca e storica capitale della regione della Slesia, nasce e si sviluppa su diverse isole del fiume Oder collegate da oltre cento incantevoli ponti. Storicamente questa affascinante cittadina polacca è stata oggetto di aspre contese...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.