Come visitare Lemnos

di Alex Pinturicchio tramite: O2O difficoltà: facile

Lemnos è un'isola greca che si trova nella parte settentrionale del mar Egeo ed ospita circa 17.000 abitanti. Sembra quasi divisa in due parti dalla gola della baia di Moudros, uno dei porti naturali più grandi dell'Egeo ed offre, per questo, scorci di rara bellezza anche grazie alla sua posizione geografica molto vicina alla Turchia.
Ancora poco conosciuta al turismo di massa, negli anni sta divenendo sempre più meta di visitatori provenienti da tutto il mondo che ne apprezzano lo spirito autentico e le acque limpide e cristalline.
L'isola, va detto, è un'importante base militare proprio in relazione alla sua vicinanza agli stretti del Mar di Marmara e per questa ragione è abbastanza frequente udire rumore di aerei.
Vediamo ora, nella guida che segue, qualche dritta utile su come visitare Lemnos.

Assicurati di avere a portata di mano: Spirito di avventura Voglia di visitare

1 In completo contrasto con la parte rocciosa ad ovest, il lato orientale dell'isola è pianeggiante e agricolo, tranne alcune zone paludose. In questa zona, potrete facilmente trovare belle spiagge, disposte lungo la costa così come strutture turistiche, anche se, proprio per i motivi sopra citati sono ancora scarse se paragonate alle altre isole situate nell'Egeo.
Mirina è la città principale di Lemnos ed il punto di approdo e di partenza dei traghetti che collegano l'isola con quelle vicine e la terraferma.

2 A Mirina vi consiglio di fare, per prima cosa, una rilassante passeggiata sul lungomare: è molto bello ed estremamente suggestivo! Percorrete le caratteristiche strade a ciottoli del centro e ammirate gli incantevoli edifici in stile turco per poi dedicarvi ad un visita alle rovine del castello bizantino costruito proprio nel punto in cui si trovava l'originaria acropoli.
Da qui potrete godere di una fantastica vista sulla città e sull'intera costa ad ovest ed immortalare tramonti di rara bellezza.

Continua la lettura

3 Da non perdere anche una visita al Museo Archeologico, che ha sede in magione del XIX secolo e che, pur possedendo un numero limitato di oggetti in esposizione, merita comunque di essere visitato.  Recatevi, infine, in alcuni dei vari siti archeologici dell'isola: in particolare consiglio di non perdere Poliochni e il tempio di Kabireio.  Approfondimento Come visitare alcuni luoghi meno conosciuti di Eubea (clicca qui) Poliochni, in particolare, fu scoperto nel 1930 dalla Scuola di Atene e gli scavi, iniziati negli anni trenta, si sono protratti fino all'inizio degli anni novanta quando sono iniziati i lavori di restauro delle antiche mura di cinta della città.  Siamo giunti ormai al termine di questa guida.

Non dimenticare mai: Andateci in estate quando potrete approfittare anche del mare bellissimo!

Cosa vedere in Grecia La Grecia è uno dei posti più visitati al mondo, non ... continua » Le più belle isole greche La Grecia è uno stato europeo unico, in quanto è formato ... continua » Come organizzare una vacanza nelle isole Cicladi Le Isole Cicladi sono un gruppo di isole greche situate nel ... continua » Come visitare l'isola di Anafi Anafi è una splendida isola che si trova a sud est ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come visitare Scarpanto

Scarpanto è un'isola greca poco conosciuta, situata tra Rodi e Creta. Adesso grazie alla presenza dell'aeroporto i collegamenti con quest'isola cominciano ad ... continua »

Come visitare Cnosso

Prima di poter spiegare come potreste visitare CNOSSO, faccio una breve descrizione della medesima.
Cnosso è il più importante Sito Archeologico dell'età del bronzo ... continua »

Cosa vedere a Rodi

Con questa guida vi consiglierò cosa vedere a Rodi. L'isola di Rodi è la più grande Isola del Dodecanneso, l'aeroporto dista solo 15 ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.