Come visitare L'Ipogeo Celtico A Cividale Del Friuli

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La nostra penisola con le sue regioni attrae il turista per i monumenti ricchi di storia situati nelle varie città. Il visitatore è attirato dalla curiosità di conoscerne la provenienza e le origini, spesso tutt'ora avvolte dal mistero. Un conto è studiare dai libri, conoscere le cose in teoria; un conto è poterle vedere dal vivo. È li' che le considerazioni personali possono variare in meglio o in peggio. Ne è una prova il Friuli Venezia Giulia e l'Ipogeo Celtico situato a Cividale. La guida seguente ci illustra brevemente come visitare questo luogo cosi' affascinante.

26

Occorrente

  • Accertarsi prima di partire di portar via tutto l'occorrente.
36

Si visita senza pagare, l'entrata è gratuita basta ritirare le chiavi presso il Tempietto Longobardo aperto tutti i giorni. Il numero di telefono per avere informazioni è il 0432700876. Per arrivare alla nostra meta prendendo l'aereo, l'aeroporto più vicino è quello di Trieste. Per chi ama viaggiare in treno la stazione ferroviaria consigliata è quella di Udine. Con l'auto se si proviene dall'Autostrada A 3, si prende l'uscita Nord di Udine; per chi viaggia sull'Autostrada A 4 si prende quella a Sud. La struttura si trova proprio in questa provincia.

46

È scavata nella roccia a diversi metri di profondità; vicino al fiume Natisone. Il numero civico è il due in Via Monastero. Appartiene a privati. Scendendo una scala si arriva alla stanza centrale e da qui si diramano tre corridoi principali pieni di cuniculi e nicchie. Scegliere di fare un giro da queste parti è come una sorta di "pellegrinaggio" per le sensazioni spirituali che emana il posto. Caratteristiche le maschere che sorgono sui muri, talvolta oltre che strane anche "rozze". Ancora oggi non si sa' con certezza a chi siano appartenute e che cosa rappresentino.

Continua la lettura
56

Gli archeologi e gli storici hanno idee divergenti. Alcuni sostengono che l'origine è romana, altri longobarda, altri celtica. Alcuni studiosi affermano che i locali fungevano da prigioni. Tutto ciò alimenta l'alone di mistero, e il Ponte del Diavolo nelle vicinanze arricchisce la fantasia delle persone. Cividale non è solo questo. Se abbiamo tempo visitiamo il Palazzo Comunale e il Duomo. Da pochi anni la cittadina fa' parte del Patrimonio Mondiale dell'Unesco. Diverse manifestazioni vengono svolte durante l'anno. Il Palio di San Donato è tra le rievocazioni storiche più famose. Un viaggio qui è un esperienza unica, diversa dal solito. Per chi può farlo è bello andare a Udine e scoprire cosa offre la città, se c'è qualche personaggio famoso nato li' e se si può visitare la sua abitazione.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Informarsi bene prima di intraprendere il viaggio sul pernottamento, orari e clausole e le modalità inerenti per visitare l'Ipogeo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare Attimis in Friuli Venezia Giulia

Attimis in Friuli Venezia Giulia, è un ridente paesino di poco meno di 2000 abitanti, situato nella parte orientale della regione, in provincia di Udine. Come gran parte della regione in cui è collocato, Attimis Nel Friuli Venezia Giulia è pregno di...
Europa

Come visitare il museo archeologico medievale ad Attimis

Attimis è un comune italiano in provincia di Udine, appartenente quindi al Friuli-Venezia Giulia. Oltre al capoluogo comprende differenti frazioni delle quali si conosce davvero molto poco.Ancora oggi gli attimesi convivono con le influenze slave, ormai...
Europa

Come visitare Tarcento nel Friuli Venezia Giulia

In questa guida forniremo indicazioni su come visitare Tarcento nel Friuli Venezia Giulia, percorrendo un interessante itinerario che da Nimis, altra località di grande interesse storico e paesaggistico, ci porterà a Tarcento. Si tratta di una delle...
Europa

Come visitare le Malghe di Porzus a Faedis

Le Malghe Di Porzus A Faedis sono raggiungibili attraverso un'escursione che parte da Faedis, comune in provincia di Udine che si trova nella regione del Friuli Venezia Giulia. La località è tristemente nota per l'eccidio delle Malghe, con cui si intende...
Italia

Friuli Venezia Giulia: itinerari

Il Friuli Venezia Giulia è una magica regione, sovrastata dalle impraticabili Alpi Carniche e Guglie, che dolcemente retrocedono fino a formare la Pianura Padana e bagnata dal mar Adriatico. In questa regione le scelte di itinerari da scoprire sono davvero...
Italia

Friuli: i castelli da visitare

Quando organizziamo le nostre vacanze è buona norma informarci sui luoghi che la meta da noi scelta ci offre. Possiamo farlo rivolgendoci alle agenzie viaggi, o consultando opuscoli informativi e guide facilmente reperibili in internet, se vogliamo...
Europa

Come Arrivare E Visitare San Daniele Del Friuli

San Daniele del Friuli si colloca nel cuore dei colli friulani, a circa 30 chilometri da Udine. È un piccolo borgo dall'atmosfera rilassante e dal nome stuzzicante. Infatti, è noto per la produzione del celebre prosciutto crudo DOP (Denominazione di...
Consigli di Viaggio

Dove soggiornare in Friuli Venezia Giulia

Il Friuli Venezia Giulia è una delle regioni italiane autonome a statuto speciale e si presta moltissimo per un viaggio interessante tra i monti, oppure nella sua animata laguna. Quest'area magica comprende diverse aree sia climatiche che etniche, dal...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.