Come visitare Mirandola

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Mirandola è un comune italiano che conta circa 23 mila abitanti, situato in Emilia Romagna, nella provincia di Modena, da cui è distante circa 30 kilometri in direzione nord rispetto al capoluogo.
Mirandola è inoltre il centro più importante dell'estrema bassa modenese e che conserva nel suo territorio luoghi unici e significativi per il loro valore storico ed artistico. Questa breve guida fornirà alcune indicazioni su come visitare Mirandola e fare propria una piacevole esperienza di viaggio.

26

Il Palazzo Comunale. Si tratta di un edificio edificato nel lontano 1468 a cui circa un secolo dopo fu aggiunta tutta la parte retrostante ed ancora più tardi, nel tardo ottocento, fu oggetto di un significativo ed importante lavoro di restauro. Purtroppo la struttura è stata gravemente danneggiata dal terremoto del 2012 ed è stato luogo di numerosi crolli di solai, formazioni di crepe e danni a diverse murature dell'edificio.

36

Il Duomo di Mirandola. La cattedrale è dedicata a Santa Maria Maggiore e realizzata in stile tardo-gotico. Fu costruita secondo un ordine di Giovan Francesco I Pico nel 1440 e la sua importanza è nota già dall'epoca medievale. Non conserva purtroppo più la facciata originale in quanto la stessa venne ricostruita nel 1885, pur tuttavia l'edificio ha conservato e mantenuto le sue originali fattezze quattrocentesco e rinascimentali. Purtroppo anche qui il terremoto ha lasciato traccia danneggiando pesantemente la navata centrale ed il soffitto e rendendo pericolante il campanile.

Continua la lettura
46

Chiesa del Gesù. All'apparenza potrebbe sembrare una delle numerose chiese presenti a Mirandola; tuttavia, la sua particolarità risiede nel fatto che la sua costruzione è rimasta incompiuta e non è stata completata la realizzazione della relativa facciata. L'edificazione di questa chiesa si fa risalire ad Alessandro I Pico che la ordinò in occasione della sua investitura quale Duca di Mirandola. Visitando il suo interno si può ammirare il ciborio dell'altare realizzato mediante l'uso di pregiati marmi policromi e la pala della Circoncisione di Innocenzo Monti.

56

Castello dei Pico. Il castello rappresenta il simbolo del notevole potere militare della famiglia Pico tant'è che si conquisto in tutta Europa la fama di maniero inespugnabile. Il Castello fu dimora dei Pico, signori di Mirandola, per ben quattro secoli, dal 1311 al 1711 ed ovviamente anche del più famoso della dinastia cioè Giovanni Pico della Mirandola (1463-1494), filosofo e umanista considerato depositario di una memoria prodigiosa.
Anche il castello, oggetto di un'operazione di restauro nel 2006, è stato reso inagibile dal sisma del 2012 ma tuttavia sono state realizzate le varie opere di messa in sicurezza e di consolidamento della struttura.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

America del Nord e Centrale

Come visitare gli studios cinematografici di los angeles

Los Angeles è la città più grande della California e la seconda negli USA. Molti di voi hanno imparato a conoscerla attraverso il grande schermo, altri avranno avuto la fortuna di poterla visitare. Se sei in procinto di partire in America e pensi di...
Europa

Porto Santo: come visitare l'isola di Porto Santo

Come visitare l'isola di Porto Santo? La splendida isola di Porto Santo si trova nell'Oceano Atlantico, precisamente a largo di Madeira (Portogallo) da cui dista circa 40 chilometri. L'isola offre spiagge lunghissime e paesaggi incantevoli. È il luogo...
Consigli di Viaggio

10 cose da vedere a Tenerife

La parola piú ricorrente, quando si parla di Tenerife, è varietá. Su questa meravigliosa isola convivono differenti zone climatiche, paesaggi mozzafiato, svariate influenze culturali e, ovviamente, numerose attrazioni turistiche. Se state organizzando...
America del Nord e Centrale

Honduras: cosa visitare

Una delle cose più belle che si possano fare è, e sarà sempre quella di viaggiare. Il mondo nasconde meraviglie incredibili, posti unici, dove ognuno ha qualcosa di unico e incredibile. Ogni posto ha le sue caratteristiche, le sue tradizioni, la sua...
Europa

Tenerife: 10 cose da non perdere

Situata nell'Oceano Atlantico e appartenente alla Comunità autonoma delle Isole Canarie, Tenerife, risulta la più grande dell'arcipelago, nonché la più popolata della Spagna.Migliaia e migliaia di turisti scelgono Tenerife in tutti i periodi dell'anno...
Europa

Come visitare Cnosso

Prima di poter spiegare come potreste visitare CNOSSO, faccio una breve descrizione della medesima. Cnosso è il più importante Sito Archeologico dell'età del bronzo di Creta.Sorge nella parte centrale dell'isola di Creta, a 6 km dal mare e a 5 km da...
Europa

Come visitare la cittadina di Salamanca, in Spagna

Patrimonio dell'umanità dal 1988, Salamanca è una gioiosa cittadina spagnola, sede dell'università più antica del Paese. Si celebra il colore ocra della sua morbida arenaria, ma è una tonalità dovuta ai secoli; in origine i suoi colori erano assai...
Europa

Cosa visitare a Messina in un giorno

Vedremo in tale guida cosa visitare a Messina in un giorno. Questa città, chiamata anticamente col nome di Zancle, ed anche detta "porta della Sicilia" è una delle province siciliane meravigliose, più ricche di storia, più belle, e di conseguenza...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.