Come visitare Mount Hagen

di Davide D. tramite: O2O difficoltà: difficile

Mount Hagen si trova nello Stato del continente oceanico della Papuasia, anche conosciuta come Papua Nuove Guinea, ed è una città relativamente giovane, nel senso che fu scoperta e visitata dai primi europei solo nei 1933. Qui la gente va ancora a piedi nudi e stringe la mano a lungo per mantenere un maggiore contatto. A parte ciò, vediamo nel dettaglio cosa fare e come visitare al meglio Mount Hagen.

1 Mount Hagen prende il nome dal Monte Hagen (quasi 4 mila metri di altitudine) e si trova ai piedi di questa vetta, sulle sponde del fiume Wahgi: è il capoluogo della Provincia degli Altopiani Occidentali, nella regione delle Terre Alte delle Western Highlands. Tutti questi nomi servono a far comprendere la collocazione montanara ed occidentale, rispetto allo Stato di cui fa parte, di questa città, che conta poco meno di 30 mila abitanti.

2 Visitare Mount Hagen vuol dire fare un viaggio nel viaggio, un bell'impegno sia economico che di tempo: ci vogliono infatti parecchie ore di voli, con diversi scali, per raggiungere questa località che ogni anno, tra il 17 ed il 19 agosto, si trasforma in una sorta di richiamo ancestrale dei riti e delle tradizioni di un tempo che attira turisti da tutte le parti del mondo: si tratta di una famosa festa, denominata "Sing Sing", ma anche conosciuta col nome di Mt Hagen Show. Durante questi due giorni della manifestazione migliaia di guerrieri, di tutte le tribù della regione, ognuno con il suo "look", indossano costumi da cerimonia, unti di grasso, con il volto colorato in modo variopinto e con cappelli elaborati tanto da essere anche un metro, inscenano antiche battaglie, rituali di iniziazione, danzano e cantano al suono dei tamburi, flauti e sonagli di ogni genere al fine di mantenere vive le tradizioni delle Highlands.

Continua la lettura

3 La maggior parte del pubblico è ovviamente composta da locali e gente dei villaggi vicini delle Highlands: inutile dire che questi spettacoli sono diventati un'occasione per fare cassa e per richiamare il turista che paga per entrare nello spazio appositamente allestito per la manifestazione, ma è anche una grande festa per tutti gli abitanti dei villaggi che arrivano su grandi camion già dal giorno prima.  Vi consigliamo di non rivolgervi, in questo caso, ad un'agenzia, che vi chiederebbe parecchi dollari per assistervi.  Approfondimento Come organizzare un viaggio in Scozia (clicca qui) Partecipare alla cerimonia è infatti abbastanza semplice, considerando l'ospitalità dei locali: inoltre un altoparlante spiega in inglese l'evolversi della festa.

Cina: itinerario nel parco nazionale del monte Sanqingshan Il Parco Nazionale del Monte Sanqingshan si trova all'incrocio di ... continua » Carson City: cosa visitare Se siete alla ricerca di un viaggio alternativo e particolare siete ... continua » Malesia: cosa vedere e cosa fare Uno tra i Paesi sud orientali più frequentati dal turismo internazionale ... continua » Cosa visitare nelle Highlands scozzesi La parte più selvaggia della Scozia ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come visitare Il Maine

Il Maine è uno dei cinquanta Stati che costituiscono gli Stati Uniti d'America. Situato nella parte nord-occidentale degli U. S. A., ai confini con ... continua »

Cosa visitare nel Maryland

Il Maryland è uno degli Stati Americani sud-orientali che si affaccia in parte sull’Oceano Atlantico. Una meta perfetta per il prossimo viaggio o semplicemente ... continua »

Cosa vedere a Wellington

Wellington è la capitale della Nuova Zelanda. La città è situata alla punta meridionale dell'isola settentrionale della nazione; è inoltre la capitale più meridionale ... continua »

10 cose da fare a Glasgow

Glasgow è la seconda città più importante di Scozia, dopo la capitale Edimburgo, ed è stata protagonista di un importante percorso evolutivo che l'ha ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.