Come visitare Park Guell

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il progetto era inizialmente quello di creare una città giardino; a commissionarlo fu Eusebi Guell, ricco industriale catalano, che acquistò la collina su cui il parco attualmente sorge. In seguito Park Guell fu acquistato dal comune di Barcellona, che lo rese pubblico e aperto a tutti i cittadini e i visitatori. Vediamo allora come visitare questo splendido parco, considerato dall'Unesco patrimonio dell'umanità.

26

Occorrente

  • Scarpe comode
36

Come visitarlo

Visitare Park Guell (o Parc Guell) è imprescindibile per tutti coloro che si recano a Barcellona. Progettato e realizzato tra il 1900 e il 1915 dal genio creativo dell'architetto Antoni Gaudì, è un luogo unico ed inimitabile. Il modo migliore per visitare il parco è attraversarlo liberamente, perdendosi tra i suoi sentieri puliti e ben tenuti, lasciandosi sorprendere continuamente delle strutture fantasiose disseminate in ogni angolo. Oppure, scaricando l'applicazione del parco, gratuita e disponibile in tante lingue, si possono avere mappe e itinerari da consultare comodamente sul proprio telefonino o tablet. Tra le attrazioni maggiori citiamo l'enorme scalinata protetta dal drago salamandra, il tempio dorico, costituito da 88 colonne che formano il cosiddetto bosco dorico, la splendida terrazza, contornata da una lunghissima panchina a forma di serpente e decorata da suggestivi mosaici, dalla quale si gode di una vista mozzafiato sui tetti di Barcellona. Dal Belvedere è anche possibile ammirare case fiabesche con alte guglie e tetto che sembra fatto di panna.

46

Gli ingressi

A Park Guell si accede mediante diversi ingressi: da via Larrad, da via del Carmelo, da Monte San Giuseppe. Nelle vicinanze di via del Carmelo è disponibile un comodo parcheggio per i pullman, ma ai tre ingressi si arriva facilmente anche con i mezzi pubblici o a piedi. Qualunque sia l'ingresso scelto, appena si entra in Park Guell si resta subito meravigliati dalla vista di edifici e strutture fiabesche. Immediata è, infatti, la sensazione di entrare in un mondo fatato. Gaudì raggiunse il suo obiettivo di creare opere straordinarie e vivaci, ma comunque ispirate alle meravigliose forme della natura.

Continua la lettura
56

La Casa Museo

All'interno del parco è situata anche la Casa Museo di Gaudì, che contiene oggetti personali dell'artista, strumenti di lavoro e progetti. Tuttavia la sua visita non è compresa nel prezzo del biglietto e bisogna acquistarne uno a parte presso la fondazione Casa Museo di Gaudì. Il biglietto di ingresso a Park Guell ha un costo di 7 euro e sono previste riduzioni per bambini, anziani e accompagnatori di disabili. Con il biglietto si può visitare l'intero parco (ad eccezione di Casa Gaudì) e la parte denominata Area Monumentale. Questa comprende tantissime opere come il Portico della Lavandaia, i giardini austriaci, piazza della Natura.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Data l'alta affluenza di visitatori è consigliato acquistare i biglietti on line, evitando le lunghe code alla cassa del parco.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Dieci cose da fare a Barcellona

Barcellona è la principale metà turistica quando si decide di visitare la Spagna. Famosa per il suo clima mite, tipicamente mediterraneo, e per le sue bellezze paesaggistiche. E come capoluogo della regione spagnola della Catalogna. Nella città vivono...
Europa

Le 10 migliori attrazioni di Barcellona

Viaggiare rende migliori le persone in quanto aiuta la gente a conoscere luoghi che finora non aveva mai visto, usi e costumi nuovi. Tra gli Stati più visitati troviamo la Spagna, oltre Madrid la più visitata è sicuramente Barcellona che è uno dei...
Europa

Barcellona: il tour di Gaudì

Barcellona è una delle più belle cittadine della Spagna, piena di posti magnifici, architetture mozzafiato, ed opere d'arte uniche e famose. Se stiamo pensando di organizzare un viaggio in Spagna non potremo assolutamente non passare da Barcellona.Tuttavia...
Europa

10 posti da visitare a Barcellona

La Spagna, grazie al suo clima, al suo fascino e alla sua storia, rimane da sempre una delle tappe turistiche più importanti e curiose da visitare. Il fascino della Spagna e delle sue grandi città, è un meraviglioso incrocio di colori, di tradizioni...
Europa

Come e perché visitare Casa batllò a Barcellona

Prima di partire per un nuovo viaggio, dovremo cercare di conoscere la storia del posto che intendiamo visitare e tutti i vari posti, monumenti ed opere che non potremo assolutamente perdere. Tutte le varie informazioni su moltissime città, potremo trovarle...
Europa

Cosa vedere a Barcellona in un weekend

Barcellona è una città affascinante e particolarissima, uguale a nessun'altra in quanto a stile, bellezza e vivacità. L'architettura eccentrica, i locali alla moda, l'esuberante vita culturale sono solo alcuni aspetti di una città che è proiettata...
Italia

10 ragioni per trasferirsi a Barcellona

L'Italia si sa, non è il massimo ormai delle aspirazioni lavorative, questo perché sono ben noti i problemi economici nei quali versa, ma che dire della Spagna? Non che questa se la passi meglio, anzi per alcuni versi ci sono ancora meno opportunità...
Europa

10 consigli per visitare Barcellona

Barcellona si pone come una delle migliori destinazioni turistiche europee e nel mondo. La capitale della Catalogna, infatti, offre numerosi spunti artistici e di intrattenimento per rendere perfetta la vacanza di ogni turista. Nonostante ciò, è bene...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.