Come visitare Pisa in 3 giorni

di Pietro Ianneo tramite: O2O difficoltà: media

LA città di Pisa, è un comune toscano che si inserisce in un territorio densamente popolato ed urbanizzato denominato "area pisana". È una città molto bella e rappresentativa dal punto di vista sia culturale che monumentale grazie all'ampia e varia presenza di piazze, musei e monumenti. Pisa non è solo la città della Torre pendente, e visitare solo la Torre sarebbe uno spreco, perché davvero essa è classificata tra le città più belle della nostra penisola. Visitare Pisa in tre giorni senza tralasciare gli aspetti più importanti è possibile. Ecco come.

1 I bagni di Nerone Uscendo da Piazza dei Miracoli e avviandoci al Borgo, troviamo il Cimitero Ebraico e un po' più avanti c'è una struttura nota come i Bagni di Nerone, in realtà si tratta un'antica struttura termale che si trovava all'interno del palazzo dell'imperatore romano Nerone. Più in là ci si imbatte nella Chiesa di San Torpè, struttura sempre dell'epoca romana. Da qua si può proseguire verso il Borgo Stretto che è il quartiere piú antico di Pisa caratterizzato da antiche costruzioni e vicoletti. La via principale presenta dei portici le cui volte sono decorate da numerosi affreschi. Questa zona è colma anche di diversi locali di intrattenimento e ristoranti in cui si possono provare i piatti tipici toscani.

2 Le piazze Nel secondo giorno si piò dedicare alla visita delle più belle piazze di Pisa. Si potrebbe cominciare col visitare Piazza Santa Caterina, in cui trova il suo sito l'omonima Chiesa. Qui vicino c'è anche la famosa Porta di San Zeno, dove si possono osservare i resti di un'antica abbazia dedicata al Vescovo di Verona, San Zeno.

Continua la lettura

3 Museo Nazionale di San Matteo L'ultimo giorno di soggiorno, si puó dedicare alla visita di importanti musei tra cui il Museo Nazionale di San Matteo che raccoglie dipinti e opere scultoree dal duecento al Settecento; il Museo Nazionale di Palazzo Reale che ospita una raccolta di armature e dipinti di molti pittori famosi; il Museo dell'Ordine dei Cavalieri di Santo Spirito; il Museo Anatomico di Veterinaria; l'Antiquarium del Dipartimento di Scienze Archeologiche che conserva collezioni archeologiche classiche; il Museo di Anatomia Umana; la Gipsoteca di Arte Antica; la Domus Mazziniana ovvero la casa in cui Mazzini morì e dove sono conservati i documenti del suo pensiero.  L'Abbazia di San Zeno ha subito nel corso del tempo moltissimi cambiamenti rilevabili dalla vista dei diversi stili architettonici.  Approfondimento I 10 luoghi più romantici della Toscana (clicca qui) Un'altra piazza famosissima è Piazza dei Cavalieri, un tempo denominata Piazza delle sette vie.

I più bei borghi medievali della Toscana La Toscana è una delle regioni più belle d'Italia. Visitarne ... continua » Come visitare Viterbo Viterbo è un'antica e bellissima città del Lazio, nel centro ... continua » Come muoversi e cosa visitare a Genova Genova, "Zena" per i locali, è il capoluogo della Liguria, nota ... continua » Come visitare Empoli La regione Toscana, oltre alla rinomata Firenze, presenta tante altre città ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come e cosa visitare a Siena

Siena, capoluogo di provincia italiano situato nel cuore della toscana, offre tantissimi spunti interessanti per una visita, a partire dal centro storico (patrimonio dell'umanità ... continua »

Belgio: cosa vedere

Viaggiare è il modo migliore per accrescere la propria cultura, imparare nuove lingue, venire a contatto con nuove persone e le loro tradizioni, e visitare ... continua »

Cosa vedere a Carpi

Prima di dirvi cosa c'è da vedere di bello nella città di Carpi (Modena), dobbiamo ricordare che stiamo parlando di un centro urbano di ... continua »

Come visitare Bientina

Nell'area tra la Piana di Lucca e il Valdarno inferiore, in particolare in provincia di Pisa, si trova situata Bientina: questo comune appartiene a ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.