Come visitare Villarosa

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Visitare Villarosa, beh è una parola! Come? Forse con l'elicottero... Di questi tempi ha infatti detenuto la fascia del "comune più isolato della Sicilia". Che cosa è successo oltre un anno fa? Un evento franoso ha creato per diversi mesi uno stato di emergenza isolamento. Studenti e lavoratori sono stati infatti costretti a ripiegare su tratti molto lunghi e tortuosi per poter raggiungere l'autostrada. Le semplici opere necessarie per rendere accessibile anche per Villarosa il vicino svincolo Ferrarelle, sull'autostrada Catania–Palermo, in modo da poter così superare l'nterruzione della SS 121 nei pressi del ponte Cinque Archi, hanno assunto sempre più l'aspetto di una telenovela. La buona notizia però è che l'aeroporto di Catania dista un'ora e cinquanta minuti. Magari in treno era meglio! Peccato, perché sono tante le cose interessanti da vedere! Scopriamole insieme.

27

Occorrente

  • un navigatore
  • una macchina fotografica
37

Centro agricolo in provincia di Enna, nella Sicilia centrale, Villarosa si trova a 523 metri sul livello del mare. Sorge su di una conca ai piedi del monte Giurfo, in prossimità dei fiumi Salso e Morello (affluente di un lago artificiale lì vicino). Garibaldi vi tenne un discorso per sollevare la popolazione durante la spedizione dei Mille. La sua nascita è dovuta alle risorse connesse al settore primario. Qui si praticavano infatti agricoltura, pastorizia ed estrazione mineraria. La chiusura delle miniere ha portato purtroppo negli anni '60 a un'emorragia migratoria, verso il Nord o all'estero. Suoi prodotti tipici sono il grano, le olive e le mandorle. Si possono assaggiare durante l'annuale festività della Madonna della Catena dell'otto settembre, in cui avviene un tradizionale pellegrinaggio a piedi scalzi. Se volete gustare delle vere prelibatezze non dimenticate questa data!

47

Facciamo ora una rapida carrellata sulle feste più note: passare la settimana santa a Villarosa, significa spenderla rispettando le sacre tradizioni. Durante il Venerdì Santo si svolge infatti la processione della Madonna Addolorata. Il 10 agosto, l'appuntamento fisso è con la Festa di San Giacomo a Villarosa: musica, fuochi d'artificio e bancarelle nelle vie più importanti del paese. E come dimenticare poi la Sagra della Pecora, presso la Stazione Ferroviaria di Villarosa-Treno Museo della Civiltà Contadina e Mineraria? Da segnalare anche la Festa di San Martino: l’Osteria in piazza, arricchita da musica, passatempi e soprattutto dalla gradita presenza delle pietanze della tradizione locale.

Continua la lettura
57

Riguardo ai monumenti, vanno senz'altro ricordati la Chiesa madre di San Giacomo del 1763 (in cui troverete l’altare maggiore consacrato alla Madonna Assunta e pitture relative alla Madonna con il Bambino e all'Assunzione della Vergine), la Chiesa dell'Immacolata Concezione (che ha preso il posto della bellissima chiesa cinquecentesca demolita nel 1932), la Chiesa della Madonna della Catena, la chiesetta di Sant'Anna, i settecenteschi Palazzo Sant'Anna, Palazzo Ducale e Palazzo Notarianni, la Torre dell'orologio, l'ex convento dei Cappuccini con la Chiesa di Santissima Maria delle Grazie. Non molto lontano ci sono anche i resti del Palazzo e la chiesa delle "Stanzie", intorno ai quali secondo il progetto iniziale avrebbe dovuto svilupparsi Villarosa. Il duca Placido Notarbartolo cambiò però idea a causa della scarsità d'acqua e della distanza del sito.

67

Un'altra tappa da non perdere è il Treno Museo dell'Arte Mineraria, Civiltà Contadina, Ferroviaria e dell' Emigrazione. Parcheggiato a tempo indeterminato su un binario nella Stazione di Villarosa e costeggiato da un fresco viale alberato, è composto da vagoni merci dedicati interamente all'esposizione etno-antropologica. Primo David è il capostazione storico che ha avuto l'originale idea di creare un museo per mezzo di vagoni dismessi. Si tratta infatti di ben otto vecchi vagoni, completamente ristrutturati, contenenti antichi documenti e oggetti in uso nelle miniere e nelle case dell'inizio del Novecento, raccolti e catalogati con cura meticolosa. Legato indissolubilmente alla cultura del luogo, è un modo per ripercorrere a ritroso nel tempo la storia dei nostri connazionali del passato. Uno dei vagoni poi è dedicato esplicitamente al tema ferroviario, con tanto di foto d’epoca.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • conviene telefonare ai numeri che trovate nel sito ufficiale del Treno Museo per fissare la visita
  • Non perdere il Treno Museo, perché fa parte delle principali attrattive del luogo
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come Trascorrere Una Giornata A Paternò

Paternò è un comune urbano della provincia di Catania in Sicilia. Dal punto di vista climatico, Paternò presenta un clima mite di tipo continentale nel periodo invernale e torrido in quello estivo. Situata sul versante meridionale dell'Etna, in posizione...
Sudamerica

Come visitare Potosi e Sucre

Potosi rappresenta un meraviglioso comune facente parte della Boliva, situato precisamente nella provincia di Tomás Frías. Questa splendida città è abitata da circa 160000 abitanti, inoltre risulta essere particolarmente famosa grazie alla presenza...
Europa

Come visitare Santa Venerina

Santa Venerina è un comune siciliano della provincia di Catania, città dalla quale dista circa venticinque chilometri. Originariamente il territorio era caratterizzato dalla presenza di folti boschi, qualche pianura e delle colline abitate dai siculi....
Europa

Come visitare Colbertaldo

Colbertaldo è situato in veneto, in provincia di Treviso ed è una piccola frazione di Vidor. Esso sorge ai piedi di alcuni rilievi collinari ed è attraversata dal fiume Rosper. Le origini di questa frazione sono molto antiche e il nome è legato alla...
Europa

Come visitare Corciano

L'Italia è una nazione tanto ricca di belle città come di tanti piccoli paesi e borghi davvero caratteristici. Tra questi va sicuramente elencato Corciano, situato in Umbria, precisamente in provincia di Perugia. Ha una popolazione di 21 mila abitanti...
Europa

Come e perchè visitare Le Castella

Le origini di Le Castella, splendida cittadina calabrese della provincia di Crotone, si perdono nella notte dei tempi, in un miscuglio di storia e mito. Risalente probabilmente al periodo romano, la leggenda vuole che in una delle isolette attigue alla...
Europa

Come visitare Valguarnera Caropepe

Quando si vuole effettuare un viaggio verso una meta estera, sarebbe il caso di prendere in considerazione l'idea, qualora non fosse stato già fatto, di dedicarsi alla scoperta di una regione italiana. In questo modo, oltre che risparmiare un bel po'...
Italia

I 10 borghi più belli del Centro Italia

Come tutti ben sappiamo, l'Italia dispone di un patrimonio storico, artistico e culturale da far invidia a tutto il mondo. Non vi sono solo le grandi città ricche di monumenti storici, ma anche centri più piccoli, lontano dal caos della città, ma ciò...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.