Cosa vedere a Lipsia

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Lipsia, piccola città tedesca ricca di monumenti, arte e parchi, è considerata la capitale ufficiosa della Sassonia. Se si desidera sapere cosa vedere a Lipsia, elegante città sita a circa 100 km da Berlino, occorre semplicemente leggere le indicazioni qui riportate. La città natale di Wagner, in cui vissero anche Mendelssohn e Schumann, oggi è divenuta una vera città cosmopolita, nota per le sue fiere, i mercatini ed i campus universitari.

24

Le attrazioni di Lipsia

Il nome originario di tale cittadina sita nella zona nord orientale della Germania è Leipzig, luogo
dove la storia e la cultura si fondono perfettamente con i nuovi quartieri e le imprese culturali emergenti. Una volta giunti nella città tedesca, non si può non ammirare la piazza del mercato o Marktplatz dove sorge il vecchio municipio rinascimentale noto come L'Altes Rathaus. Tra le più importanti attrazioni del posto vanno citate di certo, oltre le diverse chiese, musei, biblioteche e piazze, l'Opera Leipzig, il Monumento alla Battaglia delle Nazioni, la Sala Concerti Gewandhause, I giardini Botanici di Lipsia, la stazione ferroviaria, Il Museo di Bach e lo Zoo di Lipsia.

34

La Sala Concerti Gewandhause e la Chiesa di San Tommaso

La Sala Concerti Gewanhause, demolita nell'ultima guerra e poi diverse volte ricostruita, è la più vasta e bella sala di tutta la nazione, famosa per la sua acustica perfetta. Tale sala concerti risalente alla fine del Settecento, dopo essere stata distrutta è stata ricostruita dall'architetto Skoda dove un tempo sorgeva il Museo di Belle Arti della città. La Chiesa di San Tommaso o Thomaskirche, è di certo una delle più belle chiese di Lipsia, monumento in stile gotico dove si esibisce un famoso coro di voci bianche. Tale chiesa sita nel centro storico, è nota perché nel settecento vi operò come diorettore di orchestra il musicista e compositore Bach, che oggi custodisce la sua tomba ed una statua a lui dedicata.

Continua la lettura
44

I Giardini Botanici di Lipsia e lo Zoo di Lipsia

I giardini botanici della città, si estendono per circa tre ettari e mezzo ed oggi sono gestiti dall'Università di Lipsia. In questi bellissimi giardini risalenti al 1542, per ciò tra i più antichi al mondo, è possibile ammirare circa settemila specie di piante ordinate in base alla provenienza geografica. Lo Zoo di Lipsia, è un bioparco in cui vivono specie rare di tapiri, gorilla e altri animali. Lo zoo costruito nel 1878, è suddiviso per aree geografiche e riproduce perfettamente l'ambiente naturale dei vari animali presenti al suo interno. Nell'area nota col nome di Gondwanaland, ad esempio è stata ricreata una parte della foresta tropicale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

5 destinazioni europee per le vacanze di Natale

Il freddo si sposa perfettamente con una tazza di vino e una buona storia. Dicono che i bambini sono i più felici durante le vacanze invernali. La magia del Natale si trova nelle piccole cose: caramelle, giocattoli e altri regali per tutti i vostri cari,...
Consigli di Viaggio

Come visitare Dresda in un giorno

Dresda è la capitale della Sassonia, regione orientale della Germania, nonché terza città più grande della Germania orientale dopo Berlino e Lipsia. Si trova nel vasto bacino del fiume Elba, tra Meissen e Pirna, a 30 km a nord dal confine ceco ed...
Europa

Come visitare I Monti Metalliferi E Le Città Minerarie

Siete finalmente in vacanza. Ora non vi resta che trovare una località carina dove trascorrere un po' di tempo con la vostra famiglia, un gruppo di amici oppure da soli, in completa solitudine con voi stessi. Avete scelto di andare sui Monti Metalliferi,...
Consigli di Viaggio

5 motivi per fare un weekend a Breslavia

Breslavia, cittadina polacca e storica capitale della regione della Slesia, nasce e si sviluppa su diverse isole del fiume Oder collegate da oltre cento incantevoli ponti. Storicamente questa affascinante cittadina polacca è stata oggetto di aspre contese...
Europa

Come visitare la Germania

Se si sta cercando una metà dove trascorrere le prossime vacanze di Natale, o anche un luogo dove organizzare un viaggio in estate, una meta molto frequentata è sicuramente la Germania. Si tratta di uno dei Paesi più grandi d'Europa, ricco di paesaggi...
Europa

Germania: vacanze economiche

Ad oggi, la Germania è una potenza europea fortissima anche a livello internazionale. Ha risentito solo in parte della forte crisi economica degli ultimi anni. Tuttavia, non si riduce solamente ad industrie e fabbriche. È soprattutto un Paese con ricchezze...
Europa

Come visitare Heidelberg in Germania

La bellezza dei monumenti e dei fantastici paesaggi verdi della Foresta Nera, regalano ad Heidelberg degli scorci davvero interessanti e dei luoghi non soltanto turistici ma molto importanti anche dal lato storico. Il suo romanticismo trapela in ogni...
Consigli di Viaggio

Come visitare Forlì

Forlì, capoluogo dell'omonima provincia di Forlì - Cesena, è una delle città romaniche più interessanti della regione Emilia Romagna.  Ricca di innumerevoli testimonianze storiche ed artistiche vale indubbiamente la pena di essere visitata in ogni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.