Cosa vedere a Nikko in 3 giorni

di Denni J. tramite: O2O

La città di Nikko è situata a 125 km da Tokyo ed è una delle mete più visitate di tutto il Giappone. Dal 1999 è patrimonio dell'Umanità dell'Unesco grazie ai numerosi monumenti e templi che la rendono una città di grande interesse storico e culturale. Come arrivare a Nikko? Il modo più comodo è con il treno, partendo da Tokyo dalla stazione di Asakusa. La compagnia di riferimento è la Tobu Railways che effettua corse frequenti che in due ore vi condurranno a destinazione. Il costo è di circa 11€ a tratta a persona, ma esistono biglietti combinati più convenienti che includo il viaggio di andata e ritorno e l'utilizzo degli autobus una volta arrivati a Nikko (attenzione perché il Japan Rail Pass non è valido per questa tratta).  

1 Santuario di Toshogu La nostra lista comincia dal sito più interessante e visitato della città: il Santuario Toshogu, dedicato a Tokugawa Ieyasu, fondatore dell'ultimo shogunato del Giappone. Il santuario è costituito da diversi edifici, tutti riccamente decorati e circondati da un bosco lussureggiante. A differenza della maggior parte degli edifici tradizionali giapponesi, il cui stile è semplice e rigoroso, questo santuario è decorato con numerose e variopinte sculture in legno e in oro. Qui potrete trovare sia elementi della religione scintoista che di quella buddista, caratteristica assai frequente negli edifici costruiti sino al periodo Mejii, al termine del quale le due religioni furono definitivamente rese indipendenti l'una dall'altra. Qui potrete osservare la scultura delle tre scimmie sagge, che non vedono, sentono e parlano con il male, divenuta simbolo della cultura giapponese. La visita dell'intero santuario vi impegnerà per buona parte della giornata, la struttura è visitabile tutti i giorni e l'ingresso costa circa 11€ a persona.

2 Giardino botanico Gli amanti della natura non dovranno perdersi una passeggiata rilassante nel giardino botanico di Nikko, inaugurato nel 1902 allo scopo di studiare e conservare piante alpine. Tutt'oggi è gestito interamente dall'Università di Tokyo. Vi sono numerosi percorsi da seguire, piante ed alberi sono etichettati per permettere un immediato riconoscimento a tutti i visitatori. Il giardino botanico consta di oltre duemila specie di piante diverse, sia di tipo alpino (che tutt'oggi vengono ancora studiate dagli esperti dell'Università di Tokyo), sia di varietà autoctone. Il giardino è aperto al pubblico dal 15 aprile al 30 novembre e l'ingresso costa circa 3,5€.

Continua la lettura

3 Tempio Rinnoji Il Tempio Rinnoji è forse il più importante della città, in quanto fondato da Shodo Shonin, il monaco che introdusse in buddismo a Nikko nell'VIII secolo.  Nell'edificio principale, chiamato Sanbutsudo, troverete tre imponenti statue laccate in oro raffiguranti le tre divinità Amida, Senju-Kannon e Bato-Kannon.  Approfondimento Guida ai parchi di Tokyo (clicca qui) Nell'edificio situato dal lato opposto potrete invece visitare la sala del tesoro con le relative esposizioni.  Terminata la visita potrete passeggiare nel piccolo giardino adiacente, i cui splendidi aceri offrono un'incredibile spettacolo di colori in particolare nella stagione autunnale.  Il biglietto per poter visitare l'intero tempio costa circa 6€.

4 Villa Tamozawa La villa imperiale di Tamozawa fu costruita nel 1899, utilizzando alcune parti di un'altra residenza imperiale originariamente situata a Tokyo. La villa fungeva da residenza estiva della famiglia reale, ma dopo la fine del secondo conflitto mondiale andò lentamente in rovina. Fu aperta al pubblico solo nel 2000, dopo un lungo periodo di ristrutturazione. Si tratta di uno degli edifici in legno più grandi mai costruiti in Giappone ed al suo interno osserverete un interessante miscuglio di stile giapponese (tatami e porte scorrevoli in carta) ed europeo (moquette ed opulenti lampadari). Molto grazioso anche il giardino esterno, con alberi di acero che in autunno offrono uno spettacolo di colori molto suggestivo. La residenza è chiusa al pubblico di martedì e l'ingresso costa poco più di 4€.

5 Mausoleo Iemitsu Il mausoleo è dedicato a Iemitsu, terzo shogun Tokugawa, nipote di Ieyasu ed è costruito in stile più morigerato rispetto al Santuario Toshogu, ma anche in questo caso troverete elementi sia della religione scintoista che di quella buddista. All'ingresso della sala di preghiera troverete un imponente cancello decorato con una statua rappresentate un drago bianco, all'interno potrete osservare sculture e pilastri decorati in oro, un elegante soffitto ed altri ornamenti preziosi. La sala principale non è però aperta al pubblico e può essere osservata solo dall'esterno. Il tempio può essere visitato tutto l'anno e l'ingresso costa circa 5€.

Come scegliere l'itinerario per un viaggio in Giappone Giappone è un paese straordinario, pieno di tradizioni e di cultura ... continua » Il Giappone in treno: guida e consigli Il Giappone è uno dei paesi più variegati culturalmente e più ... continua » Cosa vedere in Giappone Se state pensando ad un viaggio da fare ma non sapete ... continua » Cosa vedere a Osaka In questa guida vedremo cosa vedere ad Osaka. Quando pensiamo al ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

10 cose da non perdere a Tokyo

Templi, Ryokan, tatami, futon ma anche grattacieli, maxi-schermi e luci di ogni tipo, questa è la capitale giapponese Tokyo, una delle città più belle del ... continua »

I santuari del Giappone da visitare

Il Giappone presenta delle meravigliose attrattive, non solo di natura paesaggistica o urbanistica, ma anche di natura spirituale. Sono numerosissime le località giapponesi in cui ... continua »

Kyoto: cosa vedere

Kyoto, è una delle città più belle del Giappone, che custodisce al proprio interno meraviglie e tesori da vedere ed ammirare, che lasceranno sicuramente senza ... continua »

Le città del Giappone

Il Giappone, è uno stato insulare che ha racchiusi in sé un lato mistico ed ecclettico, unico e particolarissimo dove antico e moderno si sposano ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.