Derweze, la porta dell'Inferno

di Francesca Ac. tramite: O2O difficoltà: media

Esistono dei luoghi dove nel passato sono accaduti dei fenomeni particolari. Questi, infatti, hanno lasciato dei segni evidenti e disastrosi. Non tutti sono a conoscenza dell'esistenza della cosiddetta porta dell'Inferno, in Turkmenistan. Si tratta di un vero e proprio cratere formatosi nelle vicinanze del villaggio di Derweze. Questa parola ha un significato molto particolare, ovvero vuol dire porta. Quindi, un vero è proprio mistero l'avvenimento che ha interessato il luogo. Derweze, inoltre, conta poche centinaia di abitanti, appartenenti alla tribù Teke. Nella seguente guida racconto di Derweze, la porta dell'Inferno.

Assicurati di avere a portata di mano: Guida turistica

1 Caratteristiche della Porta dell'Inferno In occasione dell'incidente non ci furono vittime. Molte apparecchiature vennero però risucchiate da quella che venne spontaneo battezzare Porta dell'Inferno. Le caratteristiche risultano molto particolari. Infatti, ha un diametro di settanta metri e una profondità di circa venti metri. Va aggiunto che quello che è un fenomeno assai banale, per la popolazione locale ha origini soprannaturali. Per questo motivo la zona è diventata una meta turistica. Poiché, la gente incuriosita dall'evento, decide di visitare la porta dell'Inferno che arde.

2 Origine della causa Negli ultimi anni le autorità politiche del Turkmenistan stanno cominciando a valutare la possibilità di chiudere il cratere o comunque di limitare al massimo la dispersione del gas naturale.
Nel 1971 nessuno poteva immaginare, che dopo tanti anni tutto rimanesse invariato e in questo piccolo mistero, forse viene racchiuso il segreto dell'innegabile fascino di tale fenomeno.
Ricordiamo che il Turkmenistan si trova in Asia, si affaccia sul Mar Caspio e confina con i seguenti Paesi: Iran, Uzbekistan, Kazakistan, Afghanistan. Ha numerosi giacimenti di gas e ha fatto parte dell'Unione Sovietica fino all'anno 1991. La sua capitale è Ashgabat.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Situazione attuale Nel 1971 vennero effettuati alcuni lavori di perforazione nella porta dell'Inferno.  Questi servivano per poter individuare la possibile presenza di petrolio.  Approfondimento Guida per un'escursione al Vesuvio (clicca qui) Ma, durante gli scavi avvenne un cedimento improvviso della superficie: un crollo che ha aperto una via di fuga al gas metano.  Davanti a questa situazione di emergenza gli esperti sovietici che si trovavano sul posto hanno dovuto per forza incendiare il gas, per evitare gravi danni all'ambiente.  Da quel giorno ormai lontano, la parte interna del cratere, brucia senza sosta, dando luogo ad un fenomeno davvero singolare.  Oggi sembra incredibile, ma gli scienziati pensarono che la riserva di gas presente nel sottosuolo poteva esaurirsi in pochissimo tempo.  Dopo alcuni decenni, invece, non viene registrato alcun cambiamento a Derweze, la porta dell'Inferno.  Infatti, la situazione attuale risulta identica come da principio.

Non dimenticare mai: Leggere alcune notizie su internet Alcuni link che potrebbero esserti utili: PORTA DELL'INFERNO: NEL DESERTO DEL TURKMENISTAN IL CRATERE CHE BRUCIA DA 40 ANNI La Porta dell'Inferno è un cratere infuocato che brucia in Turkmenistan da 45 anni

Come recitare il Rosario Il Santo Rosario è la preghiera più importante per chi professa ... continua » 10 cose da vedere a Tenerife La parola piú ricorrente, quando si parla di Tenerife, è varietá ... continua » Come scoprire la cultura degli aborigeni È con la data del 13 febbraio 2008 che gli aborigeni ... continua » Come E Dove Fare Torrentismo In Abruzzo L'Abruzzo è una regione regione che da un punto di ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Cosa vedere a Lanzarote

In questa guida, passo dopo passo, spiegherò cosa vedere a Lanzarote. Si tratta di un'isola desertica che fa parte dell'arcipelago delle Canarie che ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.