Dieci cose da fare a Istanbul

di Domenica Magno difficoltà: media

Dieci cose da fare a Istanbul Oggi con questa semplice guida vi descriverò dieci cose da fare a Istanbul! Concedersi una visita in un Hamam di Istanbul è un’esperienza assolutamente da non perdere.
Cagaloglu e Cemberlitas sono i due hammam principali della città: pur essendo un po' cari e concepiti per i turisti, meritano una visita perché i loro ambienti sono particolarmente curati e puliti.
Cagaloglu è il migliore della città, con spogliatoi privati, un caffè e un negozio che vende prodotti per il corpo.
Il Cemberlitas risale al 1584 ed è altrettanto bello, con sale separate per uomini e donne e un ricco carnet di trattamenti.

Assicurati di avere a portata di mano: Una buona guida di Istanbul dentro lo zaino; Tanti gettoni per la rete dei tram, che vi permetterà di attraversare tutta la città in modo veloce ed economico; Scarpe comode e - per le donne - un paio di pantaloni lunghi e freschi e magliette non troppo scollate nella valigia!

1 Dieci cose da fare a Istanbul L'ordine dei Dervisci fu bandito dal presidente Ataturk nelgli anno ‘20, ma al giorno d'oggi è tollerato perché rappresenta una forte attrazione turistica.
Il posto migliore dove assistere ad una Sema sono le Tekke (luoghi di raduno delle confraternite), situate a circa 4 km da Sultanahmet.
Potete rivolgervi a Les Arts Turcs che per 25 euro - dopo una lezione di circa un ora sulla storia dei Dervisci - vi condurrà al luogo dello spettacolo. Oppure andare al museo Galata Mevlevihanesi dove potrete consultare la bacheca esterna per gli orari degli spettacoli che vi si svolgono da secoli. Non dimenticatevi che si tratta di una danza religiosa, è necessario dunque mantenere un comportamento rispettoso evitando di scattare fotografie.
Ponte di Galata
Un’esperienza unica ed emozionante!
Verso sera il ponte si popola di gente e di pescatori del luogo che gettano le loro lenze nel canale sottostante, circondati da centinaia di rumorosi gabbiani.
Sullo sfondo si staglia il profilo della città, con i suoi sette colli e le cupole delle moschee.
Un ricco viavai di ambulanti e venditori che offrono qualsiasi tipo di cibo, facendo concorrenza ai numerosi locali e ristoranti situati sotto il ponte stesso, dove sarà bello guastare un chai guardando il via vai infinito della gente a passeggio all'ora del tramonto.
Il kebab
Lo si può considerare il “cibo nazionale”!
Ci sono due locali storici a Istanbul che preparano il miglior kebab della città: Develi (a Samatya, aperto dalle 12:00 alle 24:00) e Beyti (a Florya, aperto dalle 12:00 alle 24:00).
Il Develi è il più popolare e frequentato; il cibo è straordinario, con un menu che cambia a seconda della stagione, e i prezzi sono molto ragionevoli.
Il Beyti invece si trova vicino all'aeroporto ed’ è un po' più caro rispetto al suo concorrente. Famoso è il suo kebab di agnello.
Lokum
È chiamato “la delizia turca” ed è effettivamente un concentrato di piacere per i palati più golosi!
Sono piccole gelatine traslucide ricoperte di zucchero che vennero inventate dal più famoso pasticcere ottomano, Ali Muhiddin Bekir.
Al giorno d’oggi esiste un’intera catena di negozi Ali: quello principale si trova vicino al Bazar delle spezie dove potrete acquistare Lokum alle noci, al pistacchio, all'arancia, alla mandorla e all'acqua di rose, oppure assaggiare un assortimento completo chiedendo un “cesitli”.

2 Dieci cose da fare a Istanbul Gran Bazar
(Kapali Karsi) è il cuore del centro storico della città. Se volete visitarlo preparatevi ad una lunga camminata e armatevi di tanta pazienza per le contrattazioni sui prezzi! E’ una struttura al coperto, formata da 4000 negozi disposti lungo una rete interminabile di affascinanti vicoletti e stradine. Nacque con le caratteristiche di un piccolo mercato recintato, chiamato “bedesten” all'epoca del conquistatore Mehmet, ed era già concepito come un luogo protetto e circoscritto dove i mercanti potevano riunirsi e vendere in qualsiasi condizione climatica. Per poterlo vivere a fondo sono necessarie almeno tre ore. Visitate lo straordinario ed elaborato Padiglione Orientale e perdetevi nelle viuzze secondarie più nascoste, dove troverete i negozi e i laboratori più particolari. Il Gran Bazar è aperto dalle 9:00 alle 19:00. Lo si raggiunge da due porte principali: la porta Carsipaki (la fermata del tram è quella di Beyazit) e la porta di Nurusmaniye (fermata del tram Cemberlitas).

Continua la lettura

3 Dieci cose da fare a Istanbul Il panino di pesce
Gustate un classico della cucina turca: il panino di pesce appena pescato, nella zona di Eminonu Ogni pescatore ha un piccolo fornello elettrico sulla sua barca, dove cuocerà per voi il suo pesce appena pescato per poi servirvelo dentro una calda pagnotta: un pasto veloce, delizioso ed economico, costa infatti solo 3,50 TL (1,50 euro).

4 Antiquariato
Gli amanti dell’ Impero Ottomano o più in generale per chi adora le antichità e i souvenir antichi non deve dimenticarsi del mercato dell’antiquariato, l’Horhor Antikacilar Carsisi (a Bitpazari, raggiungibile in tram fino ad Aksaray e poi un breve tratto a piedi).
Qui si ritrovano i collezionisti e gli appassionati di antiquariato della città. Decine e decine di negozi che vendono ogni genere di curiosità, distribuiti sui cinque piani di questo affascinante e decrepito edificio.

Non dimenticare mai: Abbandonate i percorsi guidati, le gite turistiche e le guide a pagamento! Perdetevi nella città, nei suoi vicoli antichi e tra la gente: è il modo migliore per assaporare le vera Istanbul!

Come fare una passeggiata per i due Bazar a Istanbul Come girare Istanbul in bici Guida ai musei di San Paolo Dove e cosa mangiare a Vancouver

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili