Giappone: le 10 cose da sapere prima di partire

di Giulia Savasta tramite: O2O

Tradizione, spiritualità, modernità. Questi sono solo tre dei mille aspetti caratteristici del Giappone. Una terra magica, ricca di storia e di cultura. Una terra che accoglie tutti e che abbraccia ogni esigenza. Una terra che vi lascerà a bocca aperta. Ma anche una terra lontana, e con un'anima molto diversa dalla nostra. Il Giappone è uno dei quei posti che vanno assolutamente visitati almeno una volta nella vita. Ma parliamo di una cultura molto diversa da quella Occidentale e, di conseguenza, non è consigliabile partire impreparati. Vediamo insieme le 10 cose da sapere sul Giappone prima di partire. Per passare una vacanza indimenticabile e in totale sicurezza.

1 Le stagioni La prima cosa da fare nell'organizzazione di un viaggio è scegliere il periodo giusto. In generale la stagione migliore per visitare il Giappone è la primavera. Il clima è molto accomodante e, inoltre, potrete godere della fioritura dei ciliegi che vi lascerà estasiati. L'autunno è anch'essa una stagione molto suggestiva in quanto potrete vedere i templi di Kyoto circondati dall'arancione delle foglie che iniziano a cadere. L'estate è il periodo meno consigliato perché si raggiungono altissimi livelli di umidità che di certo non renderanno piacevoli le vostre passeggiate per le città. L'inverno può essere molto rigido. Sono rare le tempeste ma potreste andare in contro ad una nevicata che vi costringerà a passare la vacanza in albergo. Tutto è sempre relativo alle vostre preferenze e ad il tipo di vacanza che volete fare. Se vi recate in Giappone per assistere ad un evento specifico, come per esempio i matsuri (feste tradizionali), non avete grande possibilità di scelta.

2 Il volo Il Giappone è ben collegato all'Italia. Alcune città più di altre. Il volo diretto per Tokyo dura circa 12 ore ma a causa del fuso orario si arriva il giorno dopo. Ricordiamo che il Giappone è 7 ore avanti rispetto all'Italia. A seconda del periodo dell'anno, potreste optare per un volo con scalo per risparmiare. Ma non sempre è conveniente e ricordate che il viaggio è già lungo di suo.

Continua la lettura

3 La moneta Prima di partire per il Giappone ricordate che la moneta utilizzata è lo yen.  Un euro corrisponde circa a 136 yen.  Approfondimento Come organizzare una vacanza economica in Giappone (clicca qui) Per quanto riguarda il cambio valuta è sempre consigliabile farlo in Italia nella propria banca.  In realtà in Giappone sono molto onesti e non dovete temere una fregatura.  A seconda del periodo inoltre è più conveniente cambiare i vostri soldi direttamente lì.  Ma non bisogna dimenticare l'enorme ostacolo della lingua.  Se non siete pratici, vi sentirete sicuramente più a vostro agio ad affrontare quest'operazione in una banca italiana in cui capirete perfettamente le informazioni che vi daranno.

4 L'assicurazione medica Prima di partire per il Giappone, è estremamente importante sapere che, nella terra del Sol Levante, la tessera sanitaria italiana non ha validità. Di conseguenza, tutte le spese sanitarie, a cui potreste andare incontro anche per una semplice influenza, sono a carico vostro. Gli ospedali sono privati e potreste andare incontro a cifre davvero da capo giro. Per questi motivi è consigliabile effettuare un'assicurazione sanitaria prima di partire. Su internet troverete molti siti che vi aiuteranno in tal senso.

5 La cucina Ramen, sushi, sashimi, tempura, norimaki. I piatti della tradizione Giapponese sono ormai famosi in tutto il mondo. La cucina Giapponese è considerata una delle migliori sia per varietà che per gusto. Si tratta inoltre di cucina molto salutare (con delle eccezioni) che predilige la cottura a vapore. Dal punto di vista culinario è impossibile che ne rimaniate delusi.

6 Le regole La mentalità giapponese è radicalmente opposta a quella italiana. Se ci sono regole da seguire, i giapponesi le seguono. Noi italiani da questo punto di vista abbiamo qualche carenza quindi dobbiamo sforzarci un po' per non fare figure pessime. Oltre alla brutta figura però, potremmo anche rischiare la galera per cose a cui non penseremmo mai. Per esempio, in Giappone è illegale fotografare le persone a loro insaputa. La punizione diventa più seria quando il soggetto di una foto è una donna. Non importa come sia vestita o quanto sia coperta, se vi troveranno a fotografare una ragazza per strada senza il suo consenso verrete portati immediatamente alla centrale di polizia e poi processati. In alcuni treni inoltre ci sono cartelli (con immagini... Non avete scuse) con vagoni riservati alle donne. Si tratta di un espediente per evitare che le donne vengano importunate negli orari di punta in cui i treni sono molto affollati. Insomma, state molto attenti i cartelli che vi circondano e non imponete la vostra cultura a casa di altri. Il bello del viaggio è anche questo...

7 La lingua Il Giapponese è una delle lingue più difficili del mondo. Non prendetevi la briga di fare un corso di qualche settimane perché vi servirà a poco. Quasi nessuno parla inglese e, se trovate qualcuno che lo fa, l'impresa sarà capirlo. A prima impatto sembra una barriera invalicabile ma in realtà non è così. Negli uffici pubblici si svolge quasi tutto per via tecnologica e non avrete bisogno di parlare con nessuno. Lo stesso vale per l'acquisto dei biglietti del treno o simili. Nei ristoranti troverete sempre le immagini accanto al nome del piatto. Se volete chiedere indicazioni a qualcuno, ci sono sempre i gesti! I giapponesi sono molto cordiali e disponibili e faranno di tutto per aiutarvi se possono.

8 L'educazione Come abbiamo accennato prima, il modo di vivere la società dei giapponesi è molto diverso dal nostro. Alcuni gesti per noi normali, per loro rappresentano un'offesa. Sui mezzi pubblici troverete sempre un gran silenzio, rispettatelo. Evitate di fumare per strada. Oltre ad essere maleducazione, in alcune zone è proprio illegale. Evitate effusioni pubbliche come semplici baci sulle guance.

9 I controlli Tra l'Italia e il Giappone è in corso un accordo chiamato "accordo di esenzione reciproca dal visto". Grazie a questo accordo infatti per sbarcare in Giappone vi servirà solo il passaporto. Il visto vi verrà richiesto solo per un soggiorno superiore ai 90 giorni. Arrivati in aeroporto vi verrà consegnato un modulo da compilare. Dovrete inserire i vostri dati come nome e indirizzo. Ma anche il motivo della visita e il luogo in cui soggiornerete in Giappone. Dal 2007, per combattere il terrorismo, hanno adottato nuove procedure per controllare tutti i passeggeri in entrata. Vi verranno infatti lette e registrate le impronte digitali.

10 Il popolo Il popolo giapponese può sembrare molto rigido per il numero elevato di regole che segue e la costanza con cui le segue. In realtà è un popolo lodevole. Troverete sempre qualcuno disposto ad aiutarvi. Il tasso di criminalità è bassissimo. Non lasciatevi convincere dai pregiudizi. Partite e non ve ne pentirete!

10 consigli per un viaggio in Giappone Fare un viaggio in Giappone non è certo come visitare una ... continua » Come vivere in Giappone Vivere in Giappone risulta certamente un'esperienza entusiasmante. La nazione del ... continua » 10 cose da non fare in Giappone Arte, cultura, storia e letteratura compongono quello che è il Giappone ... continua » 10 motivi per andare a vivere in Giappone Il mondo è ricco di angoli meravigliosi che fanno quasi pensare ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Il galateo giapponese

In questa guida parleremo del galateo in Giappone, una terra, una cultura che sta agli antipodi rispetto la nostra. È importante conoscere le usanze e ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.