Guida al Museo Civico di arte antica di Torino

di Giuseppina Lombardo tramite: O2O difficoltà: media

La guida di oggi ci accompagnerà alla scoperta del Museo Civico di arte antica di Torino. Questa incantevole città è ricca di bellezze architettoniche. Ed offre anche dei siti atti all'accoglienza di mostre e rappresentazioni culturali. Il Museo Civico di Arte Antica rappresenta entrambi gli elementi. Si trova infatti all'interno della splendida cornice di Palazzo Madama, patrimonio mondiale dell'umanità. Questo monumento fra i più famosi di Torino si trova nella centralissima piazza Castello. Il Museo di arte antica nacque nel 1861 ad opera dei Savoia che vollero, con l'Unità d'Italia, il rilancio storico e rievocativo della città e della regione.

Assicurati di avere a portata di mano: Amore per l'arte, la storia e la cultura.

1 La sede del Museo Negli anni il Museo Civico di arte antica di Torino ha avuto varie sedi. Nel contempo ha incrementato i suoi tesori in stile risorgimentale. Grazie anche ai vari regali e lasciti della famiglia sabauda e dei privati. Il museo si stabilisce definitivamente a Palazzo Madama nel 1934. Fu poi chiuso nel 1988 per un lungo ed importante periodo di restauri, per riaprirsi poi nel 2006. Ad oggi il museo possiede più di 70.000 opere, delle quali 2.500 esposte. Queste rappresentano un arco temporale che va dall'ottavo al diciottesimo secolo. Il Museo si sviluppa su 4 piani, per 35 sale complessive.

2 La visita nell'interrato del Museo La guida per la visita al Museo Civico di arte antica di Torino comincia con l'interrato ed il suo Lapidario Medievale. Questa parte del museo è ricca di opere di oreficeria e sculture in pietra dei periodi dall'ottavo al tredicesimo secolo. Sono rilevanti il mosaico originario del Duomo di Acqui ed il Tesoro di Desana, con le sue molteplici opere di oreficeria longobarda ed ostrogota. Si può poi accedere al Giardino Medievale attraverso il fossato.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Il piano terra e le sue opere Il Museo Civico di arte antica di Torino accoglie al pianterreno molte opere dell'arte gotica e rinascimentale, del periodo fra i secoli dodicesimo e quindicesimo.  Accedendo alla sala con lo stupendo coro ligneo dell'Abbazia di Staffarda, si può poi proseguire verso un'altra sala.  Approfondimento Le 10 cose da vedere a Torino (clicca qui) Ovvero quella intitolata a Ludovico di Savoia-Acaia, con opere di scultori e pittori piemontesi medievali e rinascimentali.  È doveroso citarne alcuni, come Giacomo Jaquerio e la sua "Vocazione e Liberazione di San Pietro".  Ed inoltre Defendente Ferrari, Giovanni Martino Spanzotti, Giulio Campi e Antonio Vivarini.  La quattrocentesca Torre dei Tesori ospita delle opere molto interessanti.  Ad esempio, il manoscritto "Très belles Heures de Notre Dame de Jean de Berry", con le decorazioni di Jan Van Eyck.  Oppure il "Ritratto d'uomo" di Antonello da Messina, oltre a molti oggetti d'arte del Gabinetto delle meraviglie di Carlo Emanuele I di Savoia.

4 Il primo piano di Palazzo Madama La guida ora ci conduce al primo piano, o piano nobile, di Palazzo Madama. In questo luogo, nel passato, si trovavano le camere delle due Madame Reali: Maria Cristina di Borbone e Maria Giovanna Battista di Savoia. Qui è visitabile una raccolta di opere del periodo barocco, con molteplici dipinti del seicento e del settecento delle nobili famiglie torinesi dell'epoca. Desta l'attenzione, nella Stanza dei Fiori, la collezione di 130 miniature dei secoli XVIII e XIX. Le successive sale accolgono i pregiati mobili di Pietro Piffetti.

5 Il percorso del secondo ed ultimo piano La guida al Museo Civico di arte antica di Torino termina con la descrizione del secondo ed ultimo piano del museo. Al suo interno si trovano oggetti di arte decorativa di tutte le epoche. Si tratta di circa quattromila opere custodite in 73 vetrine. Il piano si articola in tre sale: la Sala Ceramiche, la Sala Tessuti e la Sala Vetri e Avori. Quest'ultima racchiude mirabili smalti di Limoges, avori, bronzetti e vetri soffiati veneziani. Tutti del periodo compreso tra il XIII e il XVI secolo e devoluti alla fine dell'ottocento da Emanuele Tapparelli d'Azeglio. https://it.wikipedia.org/wiki/Museo_civico_d%27arte_antica

Non dimenticare mai: Per ammirare lo splendido panorama di Torino, si può accedere alla Torre Panoramica dell'ultimo piano di Palazzo Madama.

Come visitare Alessandria in un giorno Alessandria è una città del Piemonte che si trova all'interno ... continua » Come visitare Palazzo Reale Di Torino Quando divenne capitale del restaurato ducato sabaudo, sotto Emanuele Filiberto, Torino ... continua » Guida ai migliori musei di Torino Cosa rende così speciale Torino? Non basta il fatto che sia ... continua » Come visitare Pinerolo Scopo di questa breve guida è fornire qualche consiglio su come ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

10 cose da fare a San Pietroburgo

San Pietroburgo è una grande metropoli russa che vanta un patrimonio artistico e culturale di tutto rispetto. Come meta turistica, questa città è particolarmente ambita ... continua »

Come visitare i dintorni di Torino

I viaggi culturali o di piacere vertono sulle grandi città ed i capoluoghi di provincia. Questi luighi offrono straodinarie testimonianze storiche, scientifiche come anche naturali ... continua »

Come visitare Lecco

Questa è una breve guida di come visitare Lecco.
Lecco è un comune italiano di 48.131 abitanti, sorge su un deposito alluvionale, in una ... continua »

Alessandria: cosa visitare

Alessandria è il cuore pulsante del triangolo economico Genova, Milano e Torino. Negli ultimi anni gode di una notevole visibilità grazie all'aumento delle attività ... continua »

10 cose da vedere a Mantova

Mantova è stata dichiarata, nel 2008, patrimonio culturale dell'umanità Unesco in quanto eccezionale testimonianza di realizzazioni artistiche, urbane ed architettoniche rinascimentali. Sono molti i ... continua »

Come visitare Parma

Parma è una città del nord Italia importante sia dal punto di vista storico che da quello artistico. La città è stata un punto di ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.