I 10 posti da non perdersi a Cracovia

di Marianna Papapicco tramite: O2O

Cracovia è la meta ideale per quanti vogliono conoscere il patrimonio della cultura polacca e l'anima della cultura ebraica. Grazie al suo ricco patrimonio storico - culturale, l'antica capitale polacca affascinerà i turisti appassionati di storia e arte. Ecco, dunque, i dieci posti che non si possono perdere a Cracovia.

1 Il castello Situato sull'omonima collina alla destra del fiume Vistola, il castello di Wawel è il simbolo dell'identità nazionale. Il castello reale è stato la sede dei re e dei principi del regno polacco e conserva al suo interno 10 secoli di storia. In questo luogo, divenuto patrimonio dell'Unesco, è irrinunciabile la visita alla cappella reale, all'armeria medioevale e al tesoro reale.

2 Auschwitz A poco più di 50 km da Cracovia sorge il luogo simbolo dell'olocausto: Auschwitz. Il campo di sterminio è divenuto un sito che consente di comprendere a pieno gli efferati crimini nazisti perpetuati durante la seconda guerra mondiale. Il percorso nel campo, che riceve più di un milione di visitatori all'anno, sarà un'esperienza straziante ma doverosa.

Continua la lettura

3 La dama con l'ermellino Gli amanti dell'arte non potranno perdersi assolutamente la visione di un capolavoro di Leonardo da Vinci: la dama con l'ermellino.  Il dipinto, custodito nel museo Czartorvakich, è uno dei simboli dell'arte di Leonardo.  Approfondimento Cracovia: cosa vedere (clicca qui) La celebre tela, datata 1485, è il ritratto di Cecilia Gallerani, una donna dall'animo sensibile, incline all'arte della musica e della poesia.

4 La miniera di sale di Wieliczka Dichiarata patrimonio dell'UNESCO dal 1978, la miniera di sale è situata a 13 km da Cracovia. È una delle miniere più antiche del mondo dove i visitatori possono ammirare stupende opere realizzate interamente con il sale. La riproduzione in sale dell'Ultima Cena di Leonardo o della Crocefissione rappresentano davvero uno spettacolo per gli occhi dei turisti.

5 La basilica di Santa Maria Situata nel centro storico della città, la chiesa di Santa Maria custodisce l'altare di legno in arte gotica più grande del mondo. La basilica è composta da un corpo centrale e da due torri: una campanaria e l'altra di guardia. È una delle più belle chiese dell'Europa centrale per i ricchi e sfarzosi decori presenti al suo interno.

6 La città vecchia Il centro storico di Cracovia è anch'esso patrimonio dell'Unesco e ammalia i suoi visitatori con chiese, monasteri, palazzi e vicoli. Al suo interno si ritrova un connubio di vari stili artistici delle epoche passate. Il centro storico, con la sua ineguagliabile bellezza, conquista il cuore di ogni turista.

7 Il quartiere ebraico Il quartiere ebraico Kazimierz racchiude le testimonianze che ricordano il dramma vissuto dagli ebrei nel secolo scorso. Rappresenta il centro della vita religiosa e sociale della cittadinanza ebraica con le sue sinagoghe, i mercati, le case con la stella di David e le scritte in yiddish.

8 Nova Huta Irrinunciabile è una visita al quartiere industriale di Cracovia: Nova Huta. Costruito dopo la seconda guerra mondiale, fu creato da Stalin per aumentare la capacità siderurgica della città. Il simbolo della cultura socialista racchiude parchi, palazzi e chiese di notevole interesse.

9 Tracce di Giovanni Paolo II Per molti turisti Cracovia è anche la patria di Giovanni Paolo II. Papa Wojtyla trascorse qui molti anni della sua vita e ancora oggi è possibile visionare tracce e ricordi della sua presenza. Le chiese e i santuari, da lui frequentati, e il santuario del Vescovo permettono al turista di ricordare la figura di uno dei Papi più amati della storia.

10 La cattedrale di Wawel Realizzata interamente in stile gotico, la visita della cattedrale di Wawel è una esperienza ricca di fascino. Le sculture sulle tombe dei re, i bellissimi bassorilievi alle pareti e i celebri dipinti in essa presenti la rendono un tesoro inestimabile. Situata sull'omonima collina è uno dei luoghi religiosi più importanti della Polonia.

Come visitare Cracovia in 3 giorni Città dalla forte tradizione storico-culturale, Cracovia è la terza città più ... continua » 5 musei imperdibili di Cracovia L'Europa dell'Est racchiude veri e propri gioielli ricchi di ... continua » Cracovia e dintorni in auto La guida che andremo a sviluppare lungo in passi che seguiranno ... continua » Cracovia e dintorni in auto Cracovia, che un tempo fu capitale della Polonia, ha tanti monumenti ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Polonia: cosa vedere

Visitare la Polonia significa godersi una paese tranquillo, incantevoli paesaggi montani con villaggi dalle atmosfere remote e magiche. La costa, che è la zona meno ... continua »

Come visitare Lublino

Lublino è una città della Polonia sud orientale, sorge nel voivodato del omonimo di cui è il centro principale. Conta un numero di abitanti pari ... continua »

Cosa mangiare a Cracovia

Cracovia è stata per diversi secoli la capitale culturale della Polonia, prima che venisse trasferita a Varsavia. In questa città è possibile degustare numerose specialità ... continua »

Cosa mangiare a Cracovia

Un famoso proverbio recita: "Paese che vai, cibo che trovi". Nulla di sbagliato dal momento in cui ogni paese, ma anche ogni città, ha le ... continua »

Come visitare Tarnow

Tarnow è una piccola cittadina polacca situata nel Vovoidato della Piccola Polonia, la quale rappresenta un luogo d'incomparabile bellezza che lascia affascinati i moltissimi ... continua »

Cosa visitare a Varsavia

Elegante, un vero e proprio salotto a cielo aperto: è Varsavia, la bellissima capitale della Polonia.
Città d'arte e ricca di storia, Varsavia è ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.