I 10 street-food da non perdere in Corea del Sud

di Vincenzo Salvati tramite: O2O

In questo ultimo periodo la cultura dello street-food si è notevolmente espansa e continua a farlo. Nata in paesi poco sviluppati come necessità sta diventando caratteristica di moltissime altre culture che prendono a piene mani dalle proprie tradizioni culinarie. Sostanzialmente lo street-food, come ci suggerisce la parola inglese, è il cibo di strada, quello che tutti possono permettersi perché molto economico. Se state per intraprendere un viaggio in Corea del Sud è fondamentale assaggiare questo tipo di cucina. Di seguito verranno elencati i 10 street-food da non perdere in Corea del Sud.

1 Ddeokbokki (Gallette di riso piccanti) Il ddeokbokki è solitamente un antipasto della cucina coreana composta da una base di tteok (cioè una galletta di riso), di gochujang (semplicemente una salsa piccante) accompagnati da vari ingredienti a seconda delle varianti (erba cipollina, semi di sesamo, uova sode, carni, verdure). In principio era consumato dalla famiglia reale però il piatto non conteneva spezie piccanti e veniva cucinata con salsa di soia e olio di sesamo.

2 Ddeokggochi (Spiedini di gallette di riso fritte) I ddeokggochi sono una variante dei ddeokbokki ma in questa versione sono più dolci e meno speziati. Tendenzialmente i ddeokggochi sono formati da una pila di gallette di riso fritte in olio ad alte temperature e infine guarniti con un misto di ketchup e gochujang. La particolarità di questo street-food è che il ddeokggochi è croccante all'esterno e morbido all'interno.

Continua la lettura

3 Waffle ripieni di gelato Questo particolare street-food è molto comune in Corea ma anche in altre parti dell'estremo oriente.  I venditori di questi waffle sono molto numerosi e si concentrano soprattutto presso le uscite della metropolitana.  Approfondimento Street food: i cibi da evitare (clicca qui) Come annuncia il titolo, il waffle è composto semplicemente da una cialda ricoperta di gelato.

4 Hotteok ( Pancake coreano) L'hotteok è la versione coreana del classico pancake ed è solitamente mangiata durante la stagione invernale. L'impasto di questo dolce è composto da farina, latte, acqua, zucchero e lievito. Nell'impasto successivamente viene incorporato un ripieno dolce fatto con zucchero di canna, miele, arachidi tritate e cannella.

5 Bbopkki (Lecca lecca di zucchero) I bbopkki sono dei dolci veramente semplici e si possono preparare anche a casa poiché è composto da un semplice misto di zucchero caramellato unito ad un pizzico di bicarbonato di sodio. Questo tipo di dolce si contraddistingue per la forma perfettamente rotonda e soprattutto per la sua croccantezza. Inoltre una simpatica tradizione ruota intorno a questo dolce: se si riesce a mangiare il lecca lecca senza rompere la figura che viene impressa sopra, se ne vince un altro gratis.

6 Boong-uh-ppang (Pane a forma di pesce rosso) Questo cibo di strada è formato semplicemente da due fette di pane dolce a forma di un simpatico pesce rosso una sopra l'altra con all'interno una crema dolce di fagioli rossi. Questa pietanza è molto tradizionale ed è apprezzata prima di tutto dai coreani che la mangiano abitualmente.

7 Gamja Hot Dog (Hot dog ricoperti da patatine) Il classico hot dog come noi tutti lo conosciamo non è diventato molto popolare in Corea del Sud ma al suo posto è molto famoso questa versione che si ispira idelamente al corn dog americano. Questo street food è composto da una salsiccia ricoperta da una pastella a cui vengono aggiunte delle patatine fritte. Di solito questa pietanza viene mangiata dai più giovani che lo ricoprono con il ketchup.

8 Gyeran-Bbang (Pane all'uovo) Il Gyeran-Bbang (pane all'uovo) non è una pietanza molto raffinata perché è composta solamente da un pezzo di pane ricoperta da un uovo però in ogni caso è molto buono soprattutto per riscaldarsi quando fa molto freddo. Infatti questo street-food viene consumato principalmente durante la stagione invernale.

9 Ojingeo Twigim (Calamari fritto) Questo street-food viene mangiato molto spesso come antipasto ed è uno dei più antichi della tradizione coreana. Il calamaro viene fritto al momento e viene venduto (a prezzi molto contenuti) in un po' di carta arrotolata per preservarne il gusto.

10 Hweori Gamja Questo street-food ormai si può trovare anche in Italia ma è originario dell'estremo oriente. Semplicemente sono delle patate tagliate a forma di spirale, infilate su di uno spiedino e successivamente fritte in olio bollente. Un modo molto innovativo e efficace per mangiare delle ottime patate fritte.

5 piatti tipici da provare a Praga Praga è senza dubbio una delle mete turistiche europee più gettonate ... continua » 5 luoghi da visitare a Lubiana Definita da molti una piccola Vienna, Lubiana è una capitale cosmopolita ... continua » Egitto: i piatti tipici In questo articolo parleremo dei piatti tipici dell'Egitto. La loro ... continua » 10 piatti tradizionali indiani Dolci, speziati o piccanti: i piatti tradizionali indiani hanno sapori intensi ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I 10 piatti più strani al mondo

È davvero molto importante ampliare gli orizzonti gastronomici, conoscere nuove abitudini alimentari, cucine diverse dalla nostra e scoprire nuovi sapori. E allora cosa c'è ... continua »

10 cose da vedere a Minneapolis

Minneapolis è una città dello Stato americano del Minnesota. Precisamente, si trova nella parte settentrionale degli Stati Uniti d'America, in prossimità del confine con ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.