I migliori alberghi della Thailandia

di Domenica Magno tramite: O2O difficoltà: media

Quando si cerca la vacanza perfetta in Asia, non bisogna assolutamente trascurare la Thailandia. Il paese, infatti, è una destinazione che offre qualcosa per tutti poiché composto da molte regioni differenti con il loro fascino unico. Qui è possibile trovare l'hotel ideale a prezzi accessibili per tutti, anche per quanto riguarda i soggiorni in grandi città come Bangkok, Phuket e Pattaya. Premesso questo, scopriamo quali sono i migliori alberghi della Thailandia, attraverso i semplicissimi passi di questa breve guida.

1 Strutture di gran lusso La Thailandia, fra i diversi stati dell'Asia è quello che maggiormente attrae il turista, in quanto, oltre ad offrire spiagge bellissime e dorate, è anche una terra piena di storia e di tradizioni artistiche. Inoltre la Thailandia è piuttosto attrezzata, sia per quanto riguarda le strutture ricettive, sia in merito ai trasporti urbani ed extraurbani, che risultano essere molti funzionali. Per dormire e mangiare in Thailandia, potrete optare fra strutture di gran lusso così come preferire strutture più a buon mercato. Ma se volete una vacanza da sogno, allora è bene conoscere almeno alcuni, fra gli alberghi più importanti e confortevoli presenti in questa terra.

2 L'Ariyasomville Un primo hotel che vale la pena di provare, perché considerato fra i migliori, è sicuramente l'Ariyasomville, che si trova un po' fuori dal centro ma che vanta bellezza ed eleganza, ricercata. Situati nella caotica Bangkok, questo hotel è considerato un'isola felice, dove il turista potrà soggiornare nel massimo relax e tranquillità. Infine, un altro consiglio riguarda l'hotel Mandarine Oriental di Bangkok dove si respira il vero gusto e lo stile thailandese. Seppur non sia considerato il più lussuoso della zona, è sicuramente quello, dove maggiormente si avverte il fascino orientale asiatico. Potrete infatti soggiornare in camere che affacciano sul fiume e assaporare l'ottima cucina thailandese.

Continua la lettura

3 Il Banyan Tree Phuket Sicuramente il più elegante e anche il più caro della zona, frequentato da personaggi dello spettacolo e dello sport, è il Banyan Tree Phuket, un resort di gran lusso, formato da una serie di ville private, dotate di piscina privata e arredate nel perfetto stile thailandese, con pavimenti in teak e tessuti tipici locali.  Un resort dove lusso e raffinatezza allieteranno la vostra vacanza.  Approfondimento Come visitare la Thailandia (clicca qui) Un altro ambiente di lusso lo potrete trovare nel W Marriot Phujet Resort e Spa, situato lungo la costa, un po' fuori dalla capitale ma che sarà in grado di offrirvi un servizio eccellente.

Le 10 spiagge più belle della Thailandia La Thailandia, Stato asiatico confinante la Birmania e la Malesia, è ... continua » 5 itinerari per visitare la Thailandia La Thailandia è un paese davvero magico, ricco di storia e ... continua » Viaggi di nozze: le mete più ambite in Asia Per molte persone la luna di miele rappresenta probabilmente il viaggio ... continua » I 5 migliori ristoranti in Thailandia La Thailandia è uno dei più affascinanti Paesi del sudest asiatico ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Thailandia: cosa visitare

La Thailandia è una meta davvero imperdibile. Posta nel Sud-Est asiatico, ha paesaggi indimenticabili e città completamente del tutto diverse da quelle europee. Sappiate, quindi ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.