Isola di Hokkaido: cosa visitare

di Laura Mariconda tramite: O2O difficoltà: media

L'isola di Hokkaido è la meno sviluppata delle quattro isole dell'arcipelago giapponese. Si tratta di un'isola molto particolare e suggestiva, meta perfetta di chi ama non solo il mare, ma anche la natura più "selvaggia". L'sola, infatti, ospita più di 60 vulcani e consente di godere anche di bellissimi paesaggi di montagna, essendo il clima invernale particolarmente rigido. Guardiamo insieme, allora, quali sono le mete più belle di Isola di Hokkaido e cosa scegliere di visitare durante una vacanza in quest'isola.

1 Il primo luogo da visitare è la capitale Sapporo, città che, a differenza di molte delle altre città Giapponesi, offre un paesaggio immerso nella natura. Andando a Sapporo, non si può non vedere il simbolo della città, ovvero la Torre dell'orologio, il Parco degli Odori, che attraversa il centro della città e che in inverno diventa un museo a cielo aperto di meravigliose statue di ghiaccio, e il Vecchio palazzo del governo dell'Hokkaido, caratteristico per i suoi mattoni rossi e considerato un importante bene culturale.

2 Altra meta quasi obbligatoria è il Parco Nazionale di Akan, un meraviglioso parco all'interno di una catena vulcanica che offre uno spettacolare paesaggio di montagna e una serie di bellissimi laghi, tra cui il lago Mashu famoso per essere il lago più trasparente del mondo e venerato, dagli antichi indigeni del luogo, come il lago degli dei. Non è possibile arrivarci direttamente, ma può essere ammirato da tre osservatori che lo circondano e dai quali si può osservare la famosa nebbiolina che lo avvolge sempre.

Continua la lettura

3 Anche la città di Kushiro offre cose molto particolarri da vedere.  Questa città è famosa per la pesca in alto mare, quindi, nel vostro tour potreste pensare di considerare una visita al mercato Washo, un importantissimo mercato del pesce.  Approfondimento Le mete turistiche più economiche del Giappone (clicca qui) Anche il ponte Nusamai, il simbolo della città, è molto caratteristico ed è famoso per le quattro statue di bronzo che rappresentano le stagioni, create da importanti artisti giapponesi.

4 Hakodate, infine, è un'altra città da visitare caratterizzata da una combinazione perfetta tra la tradizione, si possono vedere i tram che attraversano la città come in passato, e una serie di stili completamente diversi. Il parco di Goryokaku, ad esempio, è stata la prima fortezza in stile europeo ad essere stata costruita in Giappone. È a forma di stella, ed p celebre per i suoi tantissimi alberi di ciliegio. Hakodate, inoltre, ospita Yachigashira-onsen, una grandissima sorgente termale che può ospitare quasi 600 persone.

Non dimenticare mai: Prima di partire è importante avere già chiaro l'itinerario dei posti che si intende visitare.

I migliori sentieri per ammirare la magia del foliage La magia del foliage comincia solitamente in autunno, quando alberi e ... continua » Il Giappone in treno: guida e consigli Il Giappone è uno dei paesi più variegati culturalmente e più ... continua » 5 motivi per visitare il Giappone in inverno Il Giappone è uno dei Paesi del mondo più affascinanti, poiché ... continua » Come visitare l'Île Notre-dame a Montréal L' île Notre-Dame è un'isola artificiale ubicata in Canada, più ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Sri Lanka: cosa visitare

Un tempo era conosciuta come l'isola di Ceylon. Le sue bellezze naturali ed il suo popolo molto ospitale con lo straniero, la rendono un ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.