Le 10 cose da vedere a Tallin

di Salvatore Amato difficoltà: media

Le 10 cose da vedere a TallinLeggi La città di Tallin è un’incantevole località che sorge sulle rive del Mar Baltico, a poche decine di chilometri a sud di Helsinki. Capitale dell’Estonia dal 1991, allorquando la nazione ristabilì l’indipendenza dalla Russia sovietica, Tallin è stata, sin dalla sua fondazione, un crocevia di culture e fiorenti commerci, complice la sua strategica posizione sulle rotte mercantili. Le dominazioni danese, svedese, tedesca e russa, alternatesi nel corso dei secoli, hanno influenzato profondamente lo stile architettonico della città e le loro tracce sono ancora fortemente visibili nella Città Vecchia di Tallin, un vero e proprio gioiello dell’urbanistica medievale e rinascimentale, patrocinato oggi dall’UNESCO. Pertanto, se avete voglia di respirare le atmosfere di un tempo lontano, inframmezzato da anacronistici quanto improvvisi ritorni al presente, addentratevi tra le strade e i vicoli della Città Vecchia, visitate le sue attrattive e, in meno di un giorno, camminerete attraverso 800 anni di storia. In questa guida scopriremo le 10 principali cose da visitare della capitale estone.

Assicurati di avere a portata di mano: Una cartina della città di Tallin macchina fotografica

1 Le 10 cose da vedere a TallinLeggi Al centro della Città Vecchia di Tallin sorge Toompea (collina della Cattedrale), un piccolo altopiano di circa sette ettari che si erge fino a 30 metri sopra il resto della città. A Toompea potrete visitare le prime due attrattive che Tallin vi offre: la Cattedrale di Aleksandr Nevskij e il Castello di Toompea. La Cattedrale di Aleksandr Nevskij è una chiesa ortodossa, eretta alla fine del XIX secolo, le cui caratteristiche cupole a cipolla dominano Tallin dall'alto. Al suo interno la cattedrale è decorata con apprezzabili mosaici e numerose icone che richiamano lo stile orientaleggiante della struttura. Il vicino Castello di Toompea è un edificio medioevale risalente al XIII secolo e rappresentante la tradizionale sede dell'autorità regnante sulla città baltica. Oggi il castello ospita il governo estone e sulla sua torre più alta (soprannominata dai locali Pikk Hermann, ossia Ermanno il Lungo) sventola il tricolore estone. Discendendo da Toompea, passando per le zone di Patkuli e Kohtuotsa, potrete ammirare la fantastica vista che questa collina offre sulla città.

2 Le 10 cose da vedere a TallinLeggi Dalla Collina della Cattedrale, giungerete a Raekoja Plats, piazza su cui si affacciano la terza e la quarta attrazione del nostro itinerario: il Municipio di Tallin e la Raeapteek. Il Municipio di Tallin è un complesso in stile gotico risalente ai primi anni del '400, famoso soprattutto per il segnavento metallico che campeggia alla sommità della guglia municipale; questa banderuola ha l'aspetto di un anziano soldato in divisa chiamato, dagli abitanti locali, Vana Toomas (il Vecchio Tommaso), mito positivo a cui sono legate alcune leggende locali. La Raeapteek (o Farmacia Municipale) è la farmacia più antica d'Europa ad essere ancora in attività; la sua apertura coincide con gli anni in cui fu costruito l'attiguo municipio. Oggi la Raeapteek espone al suo interno le erbe medicinali ed i composti farmaceutici che hanno fatto la storia della medicina degli ultimi seicento anni.

Continua la lettura

3 Le 10 cose da vedere a TallinLeggi A nord di Raekoja Plats, sorge la Chiesa di Sant'Olav, struttura gotica il cui campanile supera i 120 metri d'altezza.  Questa chiesa a tre navate che, a cavallo tra il XVI e il XVII secolo, rappresentò il più alto edificio d'Europa, è andata incontro, nel corso della sua storia, a diversi danneggiamenti ed incendi, sempre seguiti da pronti interventi restaurativi.  Approfondimento Estonia: cosa vedere (clicca qui) Nella stessa zona è ubicato il Monastero domenicano di Tallin. Il complesso, fondato a metà del ‘200, fu inizialmente abitato da monaci provenienti dal Nord Europa, i quali svolgevano, accanto all'impegno evangelico, un ruolo di accoglienza nei confronti dei malati.  Oggi il monastero è visitabile ed ospita anche una serie di opere scolpite nella pietra.  In vicinanza del monastero, inoltre, è presente il caratteristico Passaggio di Santa Caterina, una stradina lastricata da sampietrini medioevali e sormontata da archi rivestite da tegole.. 

4 Le 10 cose da vedere a TallinLeggi Addentrandovi nella parte meridionale della Città Vecchia, andrete incontro a due importanti siti d'interesse dedicati alle arti figurative: la Chiesa dedicata a San Nicola e il Museo di Adamson-Eric. La Chiesa di San Nicola, risalente al XIII secolo, funge oggi da museo ospitante numerose opere d'arte risalenti soprattutto al primo periodo rinascimentale. Il più noto capolavoro osservabile al suo interno è la Danza della Morte di Bernt Notke: il dipinto raffigura un insieme di personaggi appartenenti a differenti ceti sociali, ognuno dei quali danza con uno scheletro che rappresenta la morte; la scena, simboleggiante la caducità di tutto il genere umano (indipendentemente da ricchezza ed estrazione sociale), è un tema ricorrente della simbologia medievale e rinascimentale. Il Museo Adamson-Eric è un complesso interamente dedicato all'omonimo artista, forse la figura più versatile dell'arte estone contemporanea. La collezione ospita numerosi dipinti di vario tipo (ritratti, paesaggi, nature morte) a cui si aggiungono porcellane e gioielli, disegnati e realizzati dallo stesso Adamson-Eric.

5 Le 10 cose da vedere a TallinLeggi Spingendovi ancora più a sud fino alle mura che cingono la Città Vecchia, giungerete a Piazza della Libertà, dove spicca la Colonna della Vittoria. Questa struttura è composta da quasi centocinquanta lastre di vetro ed è alta 25 metri, terminando all'apice con una scultura che riproduce la Croce della Libertà, un'importante onorificenza militare. La Colonna della Vittoria è uno spettacolare monumento che commemora le vittime della guerra che ha portato alla prima indipendenza estone avvenuta nel 1918. Prima di lasciare Tallin, però, non potete perdervi i Bastion Tunnels, un sistema di canalicoli sotterranei, scavati durante la dominazione svedese della città nel XVII secolo, per facilitare lo spostamento delle truppe durante gli attacchi nemici. In seguito, durante il secondo conflitto mondiale, i tunnel furono riutilizzati come bunker dalla popolazione locale.

Come Visitare Tallinn Come visitare le Repubbliche Baltiche Come organizzare un tour da Brescia al Garda I 10 migliori monumenti di Firenze

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili