Le 5 baie più belle del Salento

di Ivan Benedetti tramite: O2O

Il Salento è una zona geografica pugliese, della quale regione costituisce l'estremità più meridionale. Bagnato sul lato orientale dal mare Adriatico e su quello occidentale dallo Ionio, il territorio è suddiviso amministrativamente tra le province di Lecce, Brindisi e Taranto. Apprezzatissima meta turistica, possiede una moltitudine di paesaggi naturali di magnificente bellezza, sia sulla fascia costiera sia nell'entroterra, i quali fanno da maestosa cornice ad una serie di affascinanti borghi storici, disseminati un po' ovunque sul territorio.
Stilare una classifica delle 5 baie più belle del Salento è compito arduo ed ingrato, in quanto la bellezza è spesso un criterio soggettivo, e si rischia di escludere involontariamente luoghi di straordinari e squisiti. Ciononostante, è possibile inserire in una lista (seppure incompleta e forse in parte ingiusta) alcune località di indubbio, incantevole splendore.
I luoghi che elencherò sono inseriti in puro ordine casuale, non vi è alcun tentativo di privilegiarne uno rispetto ad un altro.

1 Torre Sant'Andrea Situata nel comune di Melendugno (LE) questa spiaggia è nota per i magnifici faraglioni di roccia stratificata che spuntano direttamente dalle acque color verde smeraldo di questo delizioso punto dell'Adriatico. La baia è sovrastata da una pineta rigogliosa ed è ideale per riposare, godendo della fresca ombra dei pini domestici.
Nelle immediate vicinanze si trova la famosa "Grotta degli innamorati", la cui storia, velata di leggendari contorni fiabeschi, narra di una coppia di giovani amanti, che in tempi antichi morirono annegati mentre, travolti dalla passione, non si resero conto dell'arrivo di una potentissima tempesta, che portò con sé l'alta marea e la sciagura.

2 Porto selvaggio Questa spiaggia dal fascino ammaliante e soave, si trova sulla costa ionica, inclusa nel comune di Nardò in provincia di Lecce. La straordinaria bellezza delle acque limpide e trasparenti è difficilmente esprimibile a parole, così come il contorno mozzafiato dei leggeri pendii circostanti, ricoperti dalla caratteristica macchia mediterranea. Il contrasto tra il colore delle rocce, le ombre della vegetazione e lo scintillio del mare, unito al clima secco e ventilato dell'area, è rilassante quasi quanto un'approfondita terapia antistress.

Continua la lettura

3 Porto Cesareo Una tra le zone più conosciute del Salento (a buon ragione) non può mancare in questa breve lista.
La spiaggia chiarissima con riflessi dorati, ed il fondale marino basso e cristallino, mettono in risalto l'incredibile trasparenza dell'acqua, in un paesaggio quasi caraibico.
Da queste parti è possibile godere appieno della bellezza naturale, selvaggia, e ben poco contaminata dalla presenza umana.  Fare tappa nei paraggi è quasi obbligatorio per chi voglia deliziare i propri sensi in maniera indimenticabile.

4 Baia dei turchi Questa piccola perla, situata a pochi chilometri di distanza dallo splendido borgo di Otranto (facente parte del "Club dei borghi più belli d'Italia), trasuda di affascinante appeal selvaggio ed esotico. Si dice che durante il XV secolo i turchi (da qui il nome della baia) scelsero esattamente questo punto per l'approdo che condusse al feroce tentativo di invasione della vicina Otranto, culminata nella strage della battaglia omonima, nella quale persero la vita all'incirca 800 abitanti. Non molto distante dalla splendida baia, verso sud, si trova Punta Palascìa, che rappresenta il punto più orientale d'Italia.

5 Marina di Pescoluse Sebbene questa località non sia, dal punto di vista strettamente geografico, una baia, ho ritenuto indispensabile aggiungerla a questa lista, in quanto la straordinaria bellezza, irreale ed onirica, deve necessariamente essere portata alla luce e sottolineata.
La zona è conosciuta come "le Maldive del Salento", ed in effetti il paragone regge benissimo.
Difficilmente sul continente europeo sarà possibile trovare un'altra spiaggia in grado di eguagliare il celestiale splendore di Marina di Pescoluse, che farà perdere la testa a tutti gli amanti delle sabbie bianchissime, dell'acqua trasparente e del colore azzurro intenso dell'orizzonte.
Una visita a questo piccolo angolo di paradiso è assolutamente consigliata a chiunque decida di recarsi nel Salento. Impossibile rimanerne delusi.

I posti più belli del Salento Una destinazione turistica da prendere in considerazione se state programmando una ... continua » Le migliori spiagge pugliesi Sono decenni che il Tacco d'Italia ospita una grossa fetta ... continua » Le 10 spiagge più belle dal Salento al Gargano Estate fa rima con mare e passare qualche giorno rilassandosi ascoltando ... continua » Come organizzare una vacanza in Salento Se avete intenzione di organizzare e creare una vacanza davvero divertente ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Salento: guida ai campeggi

Il Salento rappresenta, sicuramente, una delle zone più affascinanti d'Italia, per la sua natura incontaminata e la sua ricchezza nelle tradizioni. Situato tra il ... continua »

Le più belle spiagge del Salento

La penisola salentina è la parte meridionale della Puglia che possiede un elevano numero di fantastiche località balneari. Qui potete trovare una meravigliosa costa molto ... continua »

Le baie più belle di Cipro

Cipro è una delle bellissime isole greche più ambite da parte dei turisti di tutto il mondo soprattutto nel periodo estivo. Molte persone infatti amano ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.