Luanda: cosa vedere

di Simone Usai tramite: O2O difficoltà: facile

La guida che svilupperemo ci permetterà di occuparci della tematica del turismo. Ci sposteremo a sud, nel continente africano, fino ad arrivare all'Angola, uno Stato situato al centro ovest dell'Africa, sulle sponde dell'Oceano Atlantico. Precisamente, la nostra attenzione si concentrerà sulla sua capitale, Luanda.
Andiamo subito a spiegarvi cosa vedere nel caso in cui abbiate l'occasione di recarvi a Luanda.

1 L'aspetto climatico e il turismo Partirei immediatamente dal clima, dicendovi che la capitale dell'Angola ha un clima contraddistinto da un'umidità bassissima, conseguenza della corrente del Benguela. Tra le città africane, Luanda è quella tra le meno umide. Come conseguenza positiva al suo clima, vi è l'affermazione della città come meta tra le preferite dei vacanzieri, che vogliono trascorrere tempo sulle sue lunghissime spiagge attrezzate con una grande quantità di bar, hotel e servizi.
Ma il mare e le spiagge non sono l'unica caratteristica peculiare di questa città che, fondata nel 1575, offre anche una vastissima scelta di monumenti e luoghi storici da visitare.

2 I luoghi d'interesse storico Oltre le spiagge, troviamo diverse attrazioni nella città. Indichiamo le più conosciute, in modo da indirizzarvi in una sorta di scaletta turistica.
Partirei sicuramente dal mausoleo di Agostinho Neto, che è uno dei monumenti più importanti e conosciuti di Luanda, dedicato a uno delle icone dello Stato dell'Angola. Infatti, Agostinho Neto, fu il primo presidente dell'angola, dopo che lo Stato ottenne l'indipendenza dal Portogallo, nel 1975.
Proseguo indicandovi la Fortezza di São Miguel, che fu costruita nel lontano 1576 e che dal secolo successivo fu scelta come luogo amministrativo della colonia portoghese, dove venivano convogliati gli schiavi, prima di venir instradati in sud America, nel Brasile. Oggi al suo interno è possibile visitare, oltre ai muri decorati raffiguranti la storia della città, una collezione di armi del tempo e le celle in cui venivano imprigionati gli schiavi.
Un'altra attrazione è la fortezza di São Pedro da Barra: un'antica fortezza eretta inizialmente come struttura di difesa dagli attacchi nemici ed utilizzata in seguito come punto di raccolta degli schiavi.
Per quanto riguarda i luoghi religiosi, indico la Chiesa di Nostra Signora del Popolo: caratterizzata da una struttura in stile barocco, che la rende uno dei monumenti più visitati della città, è considerata essere la prima chiesa Anglicana.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 I musei di Luanda Ora, passerei a indicarvi alcuni dei musei più importanti della capitale angolana, che dovrete assolutamente visitare. 
- Museu Nacional de Antropologia: realizzato nel 1976.  Approfondimento Angola: usanze e costumi (clicca qui) All'interno del museo puoi conoscere tutta la storia e la cultura del Luanda, grazie alle tantissime esposizioni di maschere e sculture tradizionali, armi per la caccia, gioielli, strumenti musicali ed anche cortometraggi, che mostrano le danze angolane tradizionali ed i rituali dei re.
- "Museu Nacional da Escravatura" fondato nel 1997, dove viene raccontata e rappresentata tutta la vera storia della "schiavitù in Angola".  Infatti sono esposti tanti oggetti che venivano usati per il commercio degli schiavi, commercio finito nel 1836, grazie ad un decreto di Maria II del Portogallo, che vietò la vendita di schiavi. 
Poi vi è anche un bellissimo museo dedicato alla storia naturale, dove troverete esposte tantissime specie animali, alcune delle quali oggi a rischio d'estinzione o già estinti.
Chiaramente, essendo stata nel passato, come abbiamo già ricordato, una colonia portoghese, che faceva da tramite con lo spostamento degli schiavi in Brasile, vi invito anche a visitare il Museo della schiavitù, uno dei più importanti per la storia di questo Stato.  Questo museo, sorge proprio nella zona dove venivano radunati gli schiavi dei portoghesi prima del viaggio che, attraverso l'Oceano Atlantico, li avrebbe fatti arrivare in Brasile. 
In chiusura, eccovi un approfondimento: http://www.ambluanda.esteri.it/Ambasciata_Luanda.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Il sito ufficiale degli aeroporti d'Angola Ambasciata d'Italia in Angola

Viaggi: le meraviglie dell'Angola Siete amanti dei bei viaggi, quelli che vi lasciano un'emozione ... continua » Come visitare il museu nacional do Azulejo a Lisbona Se avete deciso di fare un viaggio a Lisbona, non possiamo ... continua » Come visitare Gorèe Gorèe è una piccolissima isola senegalese ed è abitata da circa ... continua » Guida ai musei di San Paolo Se stai programmando un viaggio in Brasile, forse può interessarti questa ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Cosa visitare in Benin

Prima di consigliarvi cosa è importante visitare in Benin, vi daremo qualche informazione di carattere più generale, di seguito. La Repubblica del Benin è collocata ... continua »

Senegal: cosa vedere

Se avete voglia di scoprire un paese davvero sorprendente per usi, costumi e scenari mozzafiato, potete recarvi in Senegal. Si tratta infatti, di un luogo ... continua »

Maputo: cosa vedere

Capitale del Mozambico, Maputo si affaccia sulla baia di Delagoa, nell'Oceano Indiano. La città nasce nel XVIII secolo, e il suo nome risale al ... continua »

Manila: cosa visitare

Tra le mete più inesplorate del panorama mondiale Manila, nelle Filippine, rappresenta davvero un tesoro poco conosciuto ma che ha in serbo meraviglie per chi ... continua »

Cosa visitare in Andalusia

L'Andalusia è una delle diciassette Comunità Autonome della Spagna. È considerata la regione più accogliente dello stato Iberico. Qui sono nate le tradizioni più ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.