Nuova Zelanda: come muoversi e cosa visitare

di A. N. tramite: O2O difficoltà: media

Lontanissima dall'Europa e dal cuore delle Americhe, l'Oceania è un continente selvaggio e poco esplorato, che nasconde al suo interno meraviglie naturali da lasciare a bocca aperta ogni genere di turista. Nonostante il ruolo di rilievo che occupa la nazione centrale, merita una menzione lo Stato della Nuova Zelanda, arcipelago immerso nell'Oceano Pacifico. L'isolamento geografico e la scarsa influenza umana hanno consentito a questo micro mondo, di preservarsi nel tempo, creando luoghi meravigliosi che suscitano forte attrazione turistica. Nella seguente guida vi daremo delle indicazioni su come muoversi e cosa visitare in Nuova Zelanda.

1 Spostarsi con la linea ferroviaria Attraverso la linea ferroviaria che parte da Auckland, è possibile giungere a Wellington, capitale dello stato neozelandese. Centro geografico del paese, Wellington racchiude in sé le caratteristiche che una grande città deve possedere: moderna, multi-servizi e ben ordinata, la città sa offrire momenti di svago culturale come il maestoso museo Te Papa dove è possibile ammirare l'intera storia coloniale e moderna della Nuova Zelanda, il Beehive, sede del parlamento, e il giardino botanico, per immergersi nelle specie vegetali e floreali autoctone.

2 Usare l'autobus e raggiungere mete naturalistiche Nelle grandi città è possibile usufruire di un comodo servizio autobus, per mezzo del quale è possibile raggiungere mete più a sfondo naturalistico che urbanistico, dove immergersi in lunghe passeggiate nelle tracce battute lungo il Great Walks, ma è anche possibile cimentarsi in attività più estreme come il surf lungo le magnifiche coste del Pacifico, il bungee jumping lanciandosi dalle pareti rocciose in aperta natura, ma anche canoa, kayak e rafting. Insomma, la Nuova Zelanda è in grado di offrire una vacanza in pieno relax, senza trascurare né il lato culturale, né tanto meno le attività sportive.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Visitare Auckland L'ostacolo più difficile è quello del raggiungimento viste le enormi distanze dall'Italia.  Il metodo più raccomandato è ovviamente per via aerea che consta, comunque, di ben 24 ore di viaggio circa, con scali a Francoforte, a Singapore per arrivare finalmente a destinazione.  Approfondimento 10 cose da visitare ad Auckland (clicca qui) Una volta giunti ad Auckland, la città più popolosa della Nuova Zelanda, è possibile ammirare alcune delle costruzioni della città, quali il Victoria Park Market, edificio di inizio 1900 sede dell'antico mercato.  Degno di menzione a sé stante è il War Memorial Museum, museo che raccoglie al suo interno la più prestigiosa collezione di cultura Maori del mondo, situato nel cuore della città.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Nuova Zelanda: 5 posti da non perdere Nuova Zelanda on the road Indimenticabile New Zealand: da Nord a Sud Visitare la Nuova Zelanda Cosa vedere in Nuova Zelanda

Come visitare L'Isola Del Sud Della Nuova Zelanda La Nuova Zelanda è la nazione situata esattamente agli antipodi rispetto ... continua » Come andare a vivere in Nuova Zelanda Trasferirsi in altri paesi in cerca di nuove fortune o semplicemente ... continua » 5 mete di viaggi di nozze a gennaio Se sei una persona anticonvenzionale, sposarti in inverno fa decisamente al ... continua » Le migliori spiagge della Nuova Zelanda La Nuova Zelanda, anticamente chiamata dagli originari abitanti maori con il ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Nuova Caledonia: usanze e costumi

Terra multietnica e di contrasti è un vero paradiso naturale dove si possono trovare tribù primitive e moderni villaggi turistici, mare cristallino e centri culturali ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.