Portogallo: una visita a Porto

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'estate è ormai entrata nel suo vivo e con lei le vacanze, sognate per tutto il periodo invernale e primaverile. Per chi non ha ancora le idee chiare su dove recarsi un consiglio potrebbe essere rappresentato dal Portogallo e da una visita a Porto, seconda città per importanza del Paese Lusitano, nonché vero e proprio gioiello sull'Atlantico arroccato sulla collina che domina il fiume Douro e divide la città bassa dalla città alta. In questa breve guida racconteremo come effettuare una visita a Porto in Portogallo nel miglior modo possibile.

24

I vicoli della città, molto caratteristici e deliziosi, sono stretti e ripidi, per passeggiarvi è consigliabile avere delle scarpe comode. Porto può essere facilmente visitata anche con l'ausilio dei tram, molto belli ed efficienti. Scendere per i vicoli e permette di esplorare la città nel suo vivo, e di vedere come passano le giornate gli abitanti di porto, che vivono per lo più di pesca e di attività manifatturiere. Ottimo è il baccalà, che consigliamo vivamente di mangiare.
Una prima cosa assolutamente da vedere nella città alta è la Sé, ovvero la cattedrale della città, che racchiude in sè lo stile romanico, gotico e barocco.

34

Sempre nella parte alta da non perdere, specialmente se si giunge in aereo, è l'Estação de São Bento, la stazione di porto, una delle più belle d'Europa con la sala dei passi perduti, dove poter ammirare degli splendidi azulejos che illustrano la vita popolare nonché alcuni tra i momenti più importanti della storia del Portogallo. Degno di nota è anche Il mercato coperto di Bolhão dove poter acquistare i prodotti tipici della città, sia culinari che artigianali. Si tratta di uno dei luoghi più pittoreschi di porto che merita una bella e accurata visita, specialmente quella delle librerie, dove ci si potrebbe imbattere in qualche testo raro.

Continua la lettura
44

Sulle rive del Douro, addentrandosi per le viuzze strette della città si può giungere in una delle vie storiche di Porto, ovvero la Ribeira, zona molto turistica piena di enoteche dove poter assaporare i vini locali (ce ne sono di ottimi), e di ristoranti per assaporare la cucina tipica portoghese, tra cui il baccalao (baccalà). Qui si possono anche fotografare i rabelos, le imbarcazioni che venivano utilizzate per trasportare le botti di vino al mercato, ormai divenute un vero e proprio monumento della città. Da non perdere il ponte metallico Dom Luis, realizzato da un collaboratore di Eiffel e il ponte Dona Maria Pia, progettato dallo stesso Eiffel. Sembrerebbe che il famoso architetto della torre parigina si sia allenato nella progettazione proprio qui a Porto con questi due ponti. Un'ultima attrazione da non perdere è Palacio da Bolsa con il suo imperdibile salone arabo, decorato con intagli in legno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Portogallo: i piatti tipici della cucina portoghese

Se state per intraprendere un viaggio in Portogallo, ma non sapete quali sono i piatti tipici che si possono gustare tra i bairros di Lisbona, allora questa è la guida che fa al caso vostro. In pochi passi, infatti, cercheremo di elencare alcune tra...
Europa

10 motivi per andare in Erasmus in Portogallo

L'Erasmus è certamente tra le opportunità più interessanti che l'università possa offrire ad uno studente. Chi aderisce al programma, infatti, ha l'occasione di mettere alla prova non solo le proprie conoscenze accademiche, ma anche la sua capacità...
America del Nord e Centrale

Cosa vedere a Oporto

Oporto è una delle città più popolose del Portogallo. Famosissima per il vino porto prodotto che prende il nome da questa città. Oporto è una delle città più ricche e industrializzate del Portogallo. Oporto nasce sulle rive del fiume Douro non...
Europa

Come esplorare la Valle del Douro

Il Douro, chiamato anche Duero, è un fiume che scorre tra la Spagna ed il Portogallo. Esso è lungo quasi novecento chilometri ed è il terzo corso d’acqua più lungo della penisola iberica. Nasce in Spagna ad un’altezza di più di duemila metri...
Europa

Il Portogallo in moto: itinerari e consigli

Viaggiare è molto appassionante e consente di scoprire, di conoscere, di imparare da nuove culture, genti, tradizioni. Uno dei modi migliori per scoprire un paese è viverlo nel quotidiano, al di fuori di rigidi schemi turistici in grandi catene asettiche...
Europa

Come visitare alcuni luoghi meno noti del Portogallo Settentrionale

Selvaggio ma intensamente coltivato, completamente arido ma fertile e lussureggiante, profondamente tradizionale ma condito da accenti moderni: il Nord del Portogallo incarna molte contraddizioni nel suo territorio di modesta grandezza ma ricco di montagne....
Consigli di Viaggio

Portogallo: guida ai laghi più belli

Il Portogallo è il paese di Porto e Lisbona, delle isole Azzorre e delle località di mare come Figueira da Foz. Pochi fanno attenzione a una caratteristica particolare del paese: i laghi. I laghi in Portogallo sono tutti di origine artificiale e cooperano...
Consigli di Viaggio

5 itinerari in Portogallo

Avete un po di giorni a disposizione e state cercando un luogo accogliente e ricco di tradizione da poter visitare? Beh, il Portogallo sicuramente fa al caso vostro! Terra di conquiste, di gesta marinare, dimora un tempo degli arabi e dei romani, storico...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.