Ragusa: cosa visitare

tramite: O2O
Difficoltà: media
110

Introduzione

Ragusa, con i suoi 73 mila abitanti, è da sempre considerata una delle città più suggestive della Sicilia. Lo stile Barocco domina la città e oggi, ciò che vediamo risale agli anni dopo il 1693, quando un violento terremoto rase al suolo la cittadina di Ragusa, insieme ai paesi circostanti tra cui Noto, Modica e Catania. Venne costruita una nuova città divisa in due: Ragusa "Superiore", abitata principalmente da famiglie aristocratiche e Ragusa "Ibla", abitata dalla restante gente. Le due città, oggi quartieri del centro, rimasero separate sino al 1926, quando furono unite per diventare il capoluogo della provincia, prendendo il posto di Modica. Mentre la parte superiore è dominata da bellezze architettoniche, è il più piccolo quartiere Ragusa Ibla che da sempre attrae il maggior numero di visitatori. La vista del cumulo di case, di chiese e di palazzi accatastati l'uno sull'altro ed arroccati sulle pareti della gola, è incredibilmente mozzafiato. Anche se di primo acchito lo stile predominante sembrerebbe medievale, una volta entrati nel cuore della città, la logica barocca si fa sempre più chiara. Di seguito scopriamo insieme i luoghi da visitare della città.

210

Ragusa Ibla

Iniziando il giro dalla parte "bassa" della città, Ragusa Ibla regala ai suoi visitatori un'immersione completa nella vita e nella storia Siciliana. Le viuzze e gli scorci suggestivi rendono questa città un gioiellino da non perdere per assaporare le bellezze di questa terra. Gli abitanti qui rappresentano un elemento fondamentale per l'accoglienza dei turisti e rendono la loro permanenza ancora più piacevole grazie alla loro disponibilità nel raccontare le storie della città, tramandate di generazione in generazione.

310

Duomo di San Giorgio

La meravigliosa chiesa di San Giorgio, situata nel quartiere di Ragusa Ibla, sorge sulle rovine della chiesa di San Nicola, edificata nel XII secolo. Il portale quattrocentesco in stile gotico-catalano del Duomo di San Giorgio, costruito a partire dal 1768, è ciò che rimane della vecchia chiesa. Infatti, l'architetto Rosario Gagliardi, uno dei più importanti esponenti dello stile barocco, decise di mantenere l'antico portale per la costruzione della nuova chiesa. Sia la cupola che la facciata vennero terminate nei primi decenni dell'800. Da notare è che questa chiesa assomiglia molto più alle chiese nord-europee piuttosto che allo stile di quelle italiane.

Continua la lettura
410

Giardini Iblei

Continuando la passeggiata nel quartiere Ibla, vale la pena di passare attraverso gli storici Giardini Iblei. L'ingresso è 'impreziosito' da Palme che costeggiano il viale, ci sono panchine dove potersi sedere per leggere un libro o semplicemente per godersi il panorama. All'interno del parco è anche possibile visitare la chiesa di San Vincenzo Ferreri, la chiesa di San Giacomo e la chiesa dei Cappuccini.

510

I Ponti

Le due parti della città, separate da una gola, sono collegate tramite due ponti; l'originalità e la particolarità dello stile fanno sì che anche i due passaggi siano un'attrazione per tutti coloro che visitano Ragusa. Il Ponte Vecchio o Ponte dei Cappuccini è caratterizzato da profonde arcate ed il più antico tra i due e risale al 1843. Il secondo invece risale agli anni '30 ed è chiamato Ponte Nuovo o Ponte Littorio. Il terzo, il Ponte San Vito o Ponte Papa Giovanni XXIII, è invece più recente ed è stato costruito nel 1964.

610

Chiesa di Santa Maria delle Scale

Situata tra Ragusa Ibla e Ragusa Superiore, questa chiesa non fu completamente distrutta dal terremoto del 1693, come si può vedere dagli archi in stile gotico-catalano nella navata destra. Come suggerisce il suo nome, la chiesa è raggiungibile attraverso 242 gradini, vale la pena di arrivare in cima. Per i fan del commissario Montalbano, la vista della Chiesa di Santa Maria delle Scale, insieme ad altre panoramiche della città di Ragusa Ibla sono la scena di un gran numero di episodi della fiction.

710

Cattedrale di San Giovanni Battista

L' imponente Cattedrale di San Giovanni Battista, precedentemente situata ai piedi delle mura del castello medievale, fu ricostruita ben due volte poiché la prima versione era considerata inadatta. L'attuale versione cattedrale è stata infatti costruita nel 1718 su un archetipo, stile stravagante siciliano barocco.

810

I Palazzi Storici

Passeggiando nella zona del centro storico di Ragusa, si incontrano edifici nobiliari di notevole pregio, simboli della città ricostruita in stile barocco. Fra questi figurano Palazzo Cosentini e Palazzo Bertini, noti per le numerose decorazioni e sculture che raffigurano essere umani. Da non tralasciare inoltre il castello, noto con il nome di "Donnafugata". Si tratta di un'enorme villa dell'800 che si trova nelle campagne, a 15 Ragusa. Il complesso è circondato da un grande parco ed è costruito in pietra chiara, inoltre ha un totale di 122 stanze perfettamente conservate e quindi visitabili dai turisti.

910

Guarda il video

1010

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per rinfrescarsi alla fine della visita della città, non dimenticatevi di visitare le dorate spiagge e il mare di Marina di Ragusa!
  • Per i buongustai, nella provincia di Ragusa ben 3 ristoranti si sono aggiudicati la stella Michelin.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come e cosa visitare nella provincia di Ragusa

Ragusa è uno dei 9 capoluoghi della regione Sicilia. In estate, questa bellissima città è una meta turistica piuttosto frequentata. Magari non si tratta di una località famosa come molte altre, eppure Ragusa non ha niente in meno rispetto al resto...
Europa

Come visitare Ibla

Ibla è una località della Sicilia situata sopra la città di Ragusa, su di una collina che va dai 385 ai 440 metri sopra il livello del mare. Se si decide di fare un viaggio in questa bellissima regione, non può che partire dal suo cuore più antico...
Italia

Guida ai borghi antichi della Sicilia

La Sicilia, questa antica terra del Mediterraneo al profumo di agrumi, è di una spettacolare bellezza. Dalle spiagge fantastiche alla vegetazione spettacolare, alle città storiche ricche di monumenti e bellezze artistiche e architettoniche, ai borghi...
Italia

Le più belle spiagge di Ragusa

Con l'avvento dell'estate e di un clima molto caldo, molti italiani si organizzano per l'eventuale svolgimento delle loro vacanze. Sempre più persone scelgono di trascorrerle in nazioni straniere. C'è chi preferisce le isole tropicali e chi vuole recarsi...
Europa

Come visitare Giarratana

Giarratana è situata in Sicilia, è un comune di 3.411 abitanti della provincia di Ragusa, ed è il più piccolo comune della provincia. Ha un clima mitigato dalla presenza di un anello di colline attorno. Posto sulle pendici del Monte Lauro, dista una...
Europa

Come visitare Scicli, Donnalucata e dintorni

Nella semplicissima e pratica guida che segue, vi spiegheremo come visitare Scicli, Donnalucata e dintorni. Tutti posti sicuramente unici e meravigliosi per vivere una favolosa ed indimenticabile vacanza estiva, o per una luna di miele rilassante in...
Europa

Come visitare Acate

Siete alla ricerca di un luogo carino ed al caldo? Caraibi? No, perché andare così lontano quando l'Italia ha mille posti da offrirci. Uno di questi è proprio Acate. Acate è una piccola cittadina siciliana che conta circa 11.000 abitanti. È il comune...
Italia

I più bei castelli della Sicilia

La Sicilia è l'isola italiana più grande, nonché una delle perle del Mediterraneo. Nove sono le province che la compongono (Palermo, Messina, Catania, Siracusa, Ragusa, Enna, Agrigento, Caltanissetta, Trapani), anche se da Marzo 2014 si parla di solo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.