Spagna: consigli per girarla in auto

di Annalisa Spasiano tramite: O2O difficoltà: media

La Spagna è tra i paesi europei più visitati dai turisti di tutto il mondo grazie soprattutto al mare cristallino e alle numerosissime spiagge; ma non solo: la Spagna è anche arte, storia, monumenti e musei. Seppur è possibile raggiungere il paese iberico in aereo, nave o treno, c'è chi preferisce recarvisi con la propria auto. Attraverso la seguente guida, potrai scoprire alcuni consigli su come recarti in Spagna e girarla in auto nel modo più sicuro e semplice possibile.

Assicurati di avere a portata di mano: Biglietti Documentazioni

1 Innanzitutto, la prima cosa che devi fare è informarti su tutte le norme che regolano le strade e le autostrade spagnole, soprattutto per quanto riguarda i pedaggi e i documenti, e conoscere anche qual è il lasso di tempo più adatto per andarci. Il periodo maggiormente indicato per girare la Spagna è quello che va da aprile a giugno, in quanto non persiste un eccessivo caldo e il clima è accettabile. Se invece desideri volare nella Penisola Iberica per visitare le tantissime spiagge, il periodo ideale è quello compreso tra maggio ed agosto.

2 Per quanto riguarda le autostrade, queste sono tutte a pagamento e il pedaggio si paga all'uscita. Per guidare in Spagna, è sufficiente la patente conseguita in Italia, accompagnata dalla carta di circolazione, dal libretto e dalla Carta verde. Se arrivi dall'Italia, dovrai portare sicuramente con te tutti questi documenti. Se invece noleggi un auto in aeroporto, allora assicurati che ti vengano dati tutti queste certificazioni per non incorrere in una sanzione amministrativa (multa).

Continua la lettura

3 Il modo più semplice e veloce per arrivare in Spagna è in aereo, con voli di linea o charters di varie compagnie in partenza dalle principali città italiane.  Esistono anche dei collegamenti via mare, in traghetto dall'Italia verso Barcellona, con partenza da Genova, Livorno e Civitavecchia, da cui potresti noleggiare un'auto.  Approfondimento Come visitare l'Estremadura spagnola (clicca qui) L'ideale, però, sarebbe organizzare le varie tappe da casa, in modo tale da riuscire a prenotare un hotel in anticipo.  Il territorio spagnolo possiede alcuni dei migliori alberghi, la maggior parte dei quali è situati a breve distanza dagli aeroporti.

4 Se preferisci andare più verso sud, la tappe migliori partono sempre da Madrid. Per esempio, potresti dirigerti verso Caceres, in Estremadura, una regione poco visitata ma molto caratteristica, con il monastero di Guadalupe e la città romana di Merida. Poi, da qui, puoi arrivare facilmente a Siviglia, una città stupenda che merita almeno 3-4 giorni di soggiorno.

Come girare la Spagna in auto Di questi tempi il viaggio risulta essere uno dei pochi svaghi ... continua » Viaggi in auto: gli itinerari più belli Uno dei sogni di qualsiasi persona è fare un viaggio in ... continua » Come visitare Caceres In Extremadura L'Extremadura è una regione autonoma della Spagna che si trova ... continua » Guida: tour della Spagna in 10 giorni La Spagna è uno dei più grandi stati europei: si tratta ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Irlanda: cosa vedere

Nel diario di un buon viaggiatore non può mancare l’Irlanda. L’isola di smeraldo, come è spesso chiamata, offre una notevole varietà di ambienti ... continua »

Come visitare Torremolinos

Torremolinos è una cittadina situata nella Costa del Sol, regione costiera spagnola, precisamente in Andalusia. Con oltre 60.000 abitanti, questa località è un luogo ... continua »

Come muoversi in Spagna

La Spagna è un territorio piuttosto esteso che offre un eccellente sistema di trasporti, voli frequenti, treni, navi, autobus e autostrade che permettono di muoversi ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.